PAGELLE / Milan Austria Vienna (5-1): i voti della partita: che coppia Cutrone-Silva! (Europa League)

- Federico Giuliani

Pagelle Milan Austria Vienna i voti della partita, i voti a tutti i protagonisti della partita che si è giocata allo stadio Meazza per la quinta giornata del girone D di Europa League

Montella_Kessie_Milan_lapresse_2017 Diretta Milan Torino (LaPresse)

Il Milan torna a sorridere, e lo fa grazie ad una bella vittoria in Europa League contro la compagine di Vienna. Se è vero che gli austriaci sono poca cosa, è anche vero che vincere aiuta sempre, e di conseguenza i rossoneri avranno il morale un po più alto dopo la prestazione di ieri. Tanti spunti positivi dal match di Europa League, in particolare dallattacco. Ha funzionato alla perfezione la coppia di talenti composta da Cutrone e André Silva, che in due hanno segnato ben quattro marcature, una doppietta a testa. Il gioiello della Primavera rossonera si avventa su ogni pallone come se fosse lultimo da toccare in carriera, e così succede anche allo scadere, quando riceve una bella palla di Antonelli e insacca in rete. Molto bene anche il nazionale portoghese, che con le due reti di ieri sale a 8 in stagione, tutte segnate in Europa, di cui sei in cinque gare dei gironi. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

PAGELLE MILAN-AUSTRIA VIENNA, I VOTI DELLA PARTITA

Milan-Austria Vienna termina con il risultato di 5-1 in favore dei rossoneri. I migliori in campo sono André Silva, Rodriguez e Cutrone; male Bonucci e Kessie. Tra le fila ospiti si salvano Pires e Holzhauser. Vediamo però tutte le pagelle finali, con i voti e il dettaglio di ciascun giocatore. VOTO PARTITA 7 – Sei reti in una gara tutto sommato divertente dopo un avvio a rilento. Ritmi non sempre alti ma diverse occasioni, da una parte e dall’altra. VOTO MILAN 6,5 – I rossoneri ribaltano l’iniziale svantaggio demolendo la povera e inesperta difesa austriaca. VOTO AUSTRIA VIENNA 5 – Squadra giovanissima e priva di numerosi titolari. Non si poteva davvero fare di più.

I VOTI DEL MILAN

G. DONNARUMMA 5,5 – Incassa un gol che avrebbe potuto evitare leggendo meglio la situazione. Per il resto, attento quando chiamato in causa.

MUSACCHIO 6 – Un paio di incertezze in avvio e un cartellino giallo incassato a freddo. Rimedia con esperienza.

BONUCCI 5 – Peccato per quell’eccesso di sicurezza sul gol dell’Austria Vienna. Il capitano commette una macchia che rovina una prestazione altrimenti perfetta (dal 79′ GUSTAVO GOMEZ – SV).

C. ZAPATA 6 – Gara senza infamia né lode. Non commette errori particolari ma è anche vero che non deve impegnarsi più di tanto.

BORINI 7 – Gara generosa in cui l’esterno rossonero sfoggia il meglio del suo repertorio: corsa e sacrificio. All’attivo l’assist del 3-1. Padrone della corsia destra. (dal 73′ LOCATELLI 6 – Porta altro ordine in mediana).

KESSIE 5 – Il peggiore del Milan. Fatica tantissimo a entrare in partita e perde palloni banali. Nel finale si sposta sulla destra.

BIGLIA 6 – L’argentino torna titolare in mezzo al campo e sfiora il gol con un paio di tiri dalla distanza. Non ancora al 100%.

CALHANOGLU 6 – Alterna sprazzi di classe a minuti di inoperosità. Il turco deve fare qualcosina in più per tornare ai suoi livelli.

RI. RODRIGUEZ 7,5 – Entra in tre reti milaniste. Segna il gol del pareggio, calcia la punizione dalla quale scaturirà il sorpasso targato Andrè Silva e dà il via all’azione del tris di Cutrone. Lo svizzero sta attraversando uno stato di forma smagliante (dal 63′ ANTONELLI 6 – Colleziona una ventina di minuti, quanto basta per assistere alla vittoria rossonera da posizione privilegiata. Assist per la doppietta di Cutrone).

ANDRE’ SILVA 7 – Segna una doppietta e porta a quota 8 il suo bottino in Europa League, preliminari compresi. Bomber di razza.

CUTRONE 7 – Entra anche lui nel tabellino dei marcatori con una bella doppietta. Il ragazzo dimostra ancora una volta di avere personalità da vendere.

ALL. MONTELLA 6,5 – Pur con il brivido iniziale porta a casa vittoria e qualificazione.

I VOTI DELL’AUSTRIA VIENNA

PENTZ 4,5 – Poco da fare sulle prime due reti; poteva fare qualcosa in più sul colpo di testa di Cutrone. Papera clamorosa sul poker di André Silva.

DE PAULA 4,5 – Uno dei tanti anelli deboli della difesa austriaca. Rodriguez ha lo spazio per mettere in mezzo cross a raffica.

BORKOVIC 4,5 – Un disastro in difesa. Commette un’infinità di errori, sia in marcatura che di posizionamento. Prestazione assolutamente negativa.

KADIRI 5,5 – A differenza dell’altro centrale effettua un paio di salvataggi determinanti, prima su Silva poi su Borini.

SALAMON 5 – Se a sinistra Rodriguez ha fatto a pezzi De Paula, dalla parte opposta è Borini a dettare legge. Il terzino dell’Austria Vienna non riesce mai a metterci una pezza (dal 68′ GLUHAKOVIC 6 – Entra a partita ormai decisa ma non ha colpe).

SERBEST 5 – Perde palloni su palloni, anche in zona offlimits. Incapace di arginare le folate rossonere. HOLZHAUSER 6,5 – Primo tempo più che sufficiente, poi l’inevitabile calo nella ripresa. Uno dei migliori dell’Austria Vienna (dall’85’ LEE – SV).

PROKOP 5 – Non aiuta mai il povero De Paula in fase difensiva. Non si nota mai neppure in fase offensiva.

ALHASSAN 5 – Un fantasma o quasi. Poche iniziative degne di nota e tanto girovagare per il campo in cerca di una posizione favorevole.

FELIPE PIRES 6,5 – Quando parte in velocità è difficilissimo da tenere. Peccato per quel piede non proprio educato a dovere (dal 77′ TAJOURI – SV).

MONSCHEIN 6,5 – Segna il gol dell’illusione al termine di una bella azione personale. Si ricorderà questa serata per diverso tempo.

ALL. FINK 5,5 – Fa quello che può con una squadra nettamente inferiore. I suoi ragazzi escono con l’onore delle armi.

IL PRIMO TEMPO

Il primo tempo di Milan-Austria Vienna termina con il risultato di 3-1 in favore dei rossoneri: andiamo allora a vedere le pagelle di questa frazione individuando il migliore e il peggiore di ciascuna squadra. Pronti, via. Il Milan cerca subito di mettere in chiaro la situazione con un traversone di Calhanoglu (5,5) deviato in corner da Pentz (5,5). Il Diavolo sfrutta al meglio le corsie laterali con Rodriguez (7,5) e Borini (6,5) in serata di grazia. Al 10′ proprio lo svizzero mette in mezzo un traversone interessante per la torsione di Cutrone (6,5), che non trova lo specchio della porta. Al 14′ sempre Rodriguez protagonista: l’ex Wolfsburg apparecchia per il piazzato di Biglia neutralizzato da Pentz. Al 21′ l’Austria Vienna gela il Meazza: Monschein (6,5) si invola verso la porta in posizione regolare, supera Donnarumma (5,5) in uscita e in diagonale spinge il pallone verso la porta. Bonucci (5), che avrebbe tutto il tempo di intervenire in scivolata sulla linea, cicca la scivolata e la sfera finisce in fondo al sacco. Il Milan reagisce immediatamente con il pareggio di Rodriguez: al 27′ Borini lascia partire un traversone prolungato sul secondo palo da Silva (6,5). Qui il liberissimo Rodriguez non ha problemi a ristabilire la parità. Al 35′ il Diavolo passa in vantaggio con André Silva, che raccoglie una punizione errata di Rodriguez e batte Pentz per una rete da attaccante di razza. Poco prima dell’intervallo Cutrone cala il tris spingendo in rete un assist di Borini con un facile colpo di testa.

IL PRIMO TEMPO

VOTO PARTITA 6,5 – Gara in crescendo, che si infiamma dopo una ventina di minuti. Non il massimo dello spettacolo, ma quanto bassa per una discreta serata di sport. VOTO MILAN – MIGLIORE MILAN RODRIGUEZ 7,5 – Segna il gol che ristabilisce la parità ed è protagonista anche in occasione delle altre due reti. Non solo: è padrone assoluto dell’out mancino. Mette in mezzo diversi traversoni interessanti. PEGGIORE MILAN KESSIE 4,5 – Serata no per l’ivoriano che fin qui ha sbagliato anche i passaggi più semplici. Il pubblico del Meazza inizia a perdere la pazienza. VOTO AUSTRIA VIENNA 5,5 – Tanti giovani interessanti ma anche tanti limiti, soprattutto in difesa. La sensazione è che di più non si poteva fare. MIGLIORE AUSTRIA VIENNA HOLZHAUSER 6,5 – Motore e macchina degli austriaci. Mette ordine a centrocampo e innesca contropiedi velenosi. PEGGIORE AUSTRIA VIENNA DE PAULA 5 – Straperde il duello con Rodriguez. Prokop non lo aiuta e lo svizzero fa praticamente quel che vuole. VOTO ARBITRO (Treimanis) 6 – Giusti i due cartellini gialli estratti. Per il resto dirige il match con saggezza.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie