“Juventus, rigore discutibile e aiutino Var”/ Sampdoria, polemica su Twitter poi le scuse: “Poco lucidi”

“Juventus, rigore discutibile e aiutino Var”: Sampdoria, polemica su Twitter per un post velenoso. Poi le scuse con un altro tweet: “Poco lucidi”

29.12.2018 - Silvana Palazzo
giampaolo_samp_2017
Marco Giampaolo, allenatore Sampdoria (Instagram)

Termina tra le polemiche Juventus-Sampdoria. Dopo la sconfitta dell’Allianz Stadium sono partite le proteste del club blucerchiato. A pochi secondi dal termine della partita, finita 2 a 1 per i bianconeri, è subito polemica sui social blucerchiati, in particolare sul profilo Twitter. Si parla di “aiutino del Var” per l’annullamento del gol di Saponara al 92′. Inoltre, sempre secondo i blucerchiati, il calcio di rigore con cui Cristiano Ronaldo ha riportato in vantaggio la Juventus, fissando definitivamente il risultato, sarebbe “discutibile”. Questo il tweet incriminato: «Finisce 2-1 a Torino. Con un rigore discutibile di #Ronaldo e l’aiutino del #VAR #JuveSamp si conclude con la vittoria dei bianconeri. Doria beffato». Poco dopo, sempre sul Twitter, sono arrivate le scuse del club blucerchiato: «Nella foga degli ultimi istanti di Juventus-Sampdoria non siamo stati lucidi nell’esprimere la nostra delusione. Umilmente chiediamo scusa».

“JUVENTUS, RIGORE DISCUTIBILE E AIUTINO VAR”

L’allenatore della Sampdoria comunque aveva rincarato già la dose al termine della partita. «Il rigore concesso alla Juventus mi pare un regalo. Possiamo discuterne fino a dopodomani ma non si può fischiare un rigore così, se no ogni domenica diventa un casino: quel fallo di mano è assurdo», ha dichiarato Marco Giampaolo nel post partita. Ma non è finita qui, perché l’allenatore blucerchiato ha poi rincarato la dose: «La Juve può anche pareggiare in casa ogni tanto, non succede nulla. E poi quel gol di Saponara non va annullato per quanto è bello, per me moralmente è finita 2-2». Ma è intervenuto anche Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus: «Per me non c’era nessuno dei due», dice riferendosi ai due rigori. Ma giudicare i falli di mano non è semplice: «Non si può generalizzare. Quando il braccio è poggiato a terra non è rigore. Se l’arbitro fischia decide lui. Il calcio è veloce e solo in Italia si fa tanta polemica. Si pensa sempre che un episodio possa decidere la partita».



© RIPRODUZIONE RISERVATA