VIDEO / Lazio Salisburgo (4-2): highlights e gol. Parla Felipe Anderson (Europa League, quarti)

- Fabio Belli

Video Lazio Salisburgo (risultato finale 4-2): highlights e gol della partita, valida per i quarti di Europa league. Lulic, Parolo, Anderson e Immobile portano i biancocelesti al successo.

Felipe_Anderson_Lazio_esultanza_lapresse_2018
(LaPresse)

Uno dei protagonisti di Lazio Salisburgo 4-2 è stato senz’altro Felipe Anderson, in particolare grazie al gol del momentaneo 3-2, che ha avuto una grande importanza per riportare immediatamente in vantaggio la Lazio dopo il pareggio firmato da Minamino. Gol tra l’altro pure bellissimo, ennesima dimostrazione della qualità tecnica di Felipe Anderson, giocatore al quale non è di certo la qualità a mancare. Una sorta di slalom nella difesa avversaria, che fa una certa impressione se si pensa che un brasiliano possa dare lezioni di slalom agli austriaci: battute a parte, qui lo sci evidentemente non centra e nel calcio un numero 10 brasiliano ha di certo poco da imparare dal punto di vista tecnico. Così, a fine partita Felipe Anderson ha potuto mostrare tutta la sua gioia: “Quando giochiamo palla a terra sioamo forti e lo abbiamo dimostrato. Il pubblico è un uomo in più, quando siamo entrati in campo li abbiamo visti saltare e cantare e ciò ci ha trasmesso carica. Abbiamo studiato il Salisburgo, sapevamo che c’era molta intensità. In casa non potevamo fare altrimenti: siamo stati bravi”. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

CLICCA QUI PER IL VIDEO LAZIO SALISBURGO (4-2): HIGLHIGHTS E GOL DELLA PARTITA (da uefa,com)

VIDEO LAZIO SALISBURGO

La Lazio vince una partita rocambolesca e piena di emozioni contro il Salisburgo, mettendo di fatto mezzo piede in semifinale. All8′ è Milinkovic-Savic a trovare l’idea giusta per Basta sulla destra. Il serbo piazza un rasoterra insidioso in area, Immobile non ci arriva, Lulic sì e piazza il pallone dove Walke non può arrivare, siglando il vantaggio in diagonale. La Lazio sembra tranquilla, ma l’arbitro Hatagan concede un rigore estremamente dubbio per una manata di Basta su Dabbur in area. Berisha dal dischetto è impeccabile. Milinkovic sbaglia una grande occasione di testa, Luis Alberto reclama un rigore non concesso e per la Lazio cè il rischio di cedere al nervosismo, ma al 3′ è il tacco di Parolo a far esplodere l’Olimpico su invito di Luis Alberto. E’ il trecentesimo gol nella Lazio nelle Coppe Europee. Inzaghi fa entrare Felipe Anderson e Patric per Luis Alberto e Basta, ma la mossa giusta è quella di Rose con l’ingresso di Minamino, che approfitta di uninvenzione di Berisha e sigla il 2-2 che sa di beffa per la Lazio che reagisce però in maniera veemente. E subito dopo passa sul 3-2 su unazione da campione di Felipe Anderson, che semina sullo scatto quattro avversari in velocità e piazza la sfera alle spalle di Walke. Negli spazi la squadra di Inzaghi domina e al 31′ trova il 4-2, recupero da campione di Lucas Leiva che si mangia mezzo campo palla al piede e serve l’assist a Immobile, che solo davanti a Walke non può sbagliare. Si chiude con Caicedo e Patric che sfiorano il 5-2, ma il risultato può sicuramente soddisfare la Lazio alla luce di come si era messo il match.

LE DICHIARAZIONI

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, ha commentato la vittoria per 4-2 della Lazio in casa contro il Salisburgo nei quarti di finale d’andata di Europa League: “Alla fine ci siamo abbracciato con Immobile, avevo visto Ciro esultare sotto la curva e non me lo aspettavo che arrivasse. Per quello che si è visto nella partita il risultato ci sta stretto. Il colpo di testa di Caicedo nel finale, quello di Milinkovic in chiusura di primo tempo e il tiro di Patric nel finale sono occasioni che avrebbero potuto regalarci una vittoria più soddisfacente in termini di punteggio. Giocavamo contro un Salisburgo forte, che aveva subito soli 5 gol in tutta la competizione e stasera ne ha presi 4 in una volta. Abbiamo festeggiato con i nostri tifosi che sono luomo in più, la cornice di pubblico stasera era straordinaria. Dell’arbitro non voglio parlare, si vede che è una fase della mia carriera in cui le cose vanno così. Lulic e Radu sono rientrati da tre giorni e hanno fatto una grande prestazione. Non dobbiamo pensare di essere già qualificati, la Red Bull Arena è uno stadio molto caldo. Penso che potremo dire la nostra ma dovremo essere maturi e pensare a Salisburgo solo dopo la trasferta di Udine, che per noi è altrettanto importante ai fini della stagione.”

CLICCA QUI PER IL VIDEO LAZIO SALISBURGO (4-2): HIGLHIGHTS E GOL DELLA PARTITA (da uefa,com)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori