Pronostico Uruguay Francia/ Mondiali 2018, Burgnich: Bleus veloci e divertenti, Celeste pragmatica (esclusiva)

- int. Tarcisio Burgnich

Pronostico Uruguay Francia: in esclusiva per IlSussidiario.net, TARCISIO BURGNICH traccia i temi principali a poche ore dalla splendida partita degli ottavi di finale ai Mondiali 2018

Suarez Uruguay gol Luis Suarez, Uruguay (LaPresse)

Una partita speciale questa Uruguay Francia: primo quarto di finale ai Mondiali 2018, si gioca alle ore 16:00 di venerdì 6 luglio presso lo stadio Nizhny Novgorod e mette di fronte due nazionali che hanno già trionfato in Coppa del Mondo, ma vanno a caccia di quella gloria che manca ormai da tempo. Percorso netto finora per la Celeste, che ha sempre vinto e negli ottavi ha battuto il Portogallo per 2-1; la Francia, capace di battere l’Argentina rimontando da 1-2, ha invece pareggiato nel girone contro la Danimarca ma tutto sommato si è qualificata in scioltezza. Sarà una partita affascinante, ricca di spunti e con tanti temi; possibile che molti aspetti risultino decisivi, dunque anche gli episodi e i piccoli dettagli. Per un pronostico su Uruguay Francia, e per presentare al meglio questa partita dei Mondiali 2018, IlSussidiario.net ha contattato in esclusiva Tarcisio Burgnich, vice campione del mondo con l’Italia a Messico 1970.

Che partita si aspetta? Una bella partita, più equilibrata di quanto dicano le previsioni della vigilia. La Francia infatti dovrebbe soffrire molto: l’Uruguay è squadra concreta che bada al risultato più che alla sostanza. Potremmo dire che è una sudamericana che gioca all’europea.

La difesa è il punto forte della Celeste? E’ così: da sempre nella sua storia l’Uruguay ha fatto del su reparto arretrato un punto di forza. Una difesa rocciosa e molto grintosa, lo sa bene anche l’Italia che più volte ci ha avuto a che fare.

Quanto peserà l’assenza di Cavani? Non molto, perchè l’Uruguay prima di tutto è squadra e nel calcio conta molto la squadra anche prima dei campioni e delle individualità.

Come potrebbe giocare l’Uruguay? Al solito modo, come ha sempre fatto: difesa e contropiede, un tipo di calcio che la nazionale di Tabarez sa eseguire nel migliore dei modi.

La Francia fa dell’agonismo e della velocità il suo fiore all’occhiello? Potrebbe essere così: mi aspetto una Francia votata all’attacco, ma dovrà stare attenta a non scoprirsi perchè, come ho già detto, l’Uruguay sa essere decisamente pragmatico.

Cosa si aspetta da Pogba? E’ un campione e come tutti i campioni può risolvere una partita; un giocatore importante per la Francia.

Griezmann e Mbappé potranno essere decisivi anche oggi? E’ normale che possa essere così, abbiamo visto quanto siano forti. Tutto il reparto offensivo della Francia è di grande qualità, ma loro due sono i giocatori migliori.

Dove si deciderà questa partita? La Francia attaccherà, l’Uruguay giocherà coperto e cercherà di colpire in contropiede; questo dovrebbe essere il leit motiv della partita.

Il suo pronostico su Uruguay Francia? Scelgo l’Uruguay: è una nazionale contro cui è davvero difficile giocare, è in grado di limitare qualunque avversario.

C’è qualche nazionale che l’ha particolarmente impressionata in questi Mondiali? La Croazia gioca bene, ha ottimi calciatori e non si arrende mai; mette poi sempre cattiveria e determinazione per raggiungere i suoi risultati. Potrebbe dare fastidio a tante…

(Franco Vittadini)





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie