SHAKTHAR APOEL/ Probabili formazioni e aggiornamenti alla vigilia della partita (2a giornata di Champions League)

Alle 20.45 scenderanno in campo alla Donbass Arena di Donetsk i padroni di casa dello Shakhtar e l’Apoel Nicosia. I ciprioti hanno vinto il primo match contro lo Zenit.

28.09.2011 - La Redazione
Lucescu_R375_19ott09
Lucescu (Ansa)

Alle 20.45 scenderanno in campo alla Donbass Arena di Donetsk i padroni di casa dello Shakhtar e l’Apoel Nicosia. Una partita che vedrà di fronte l’ultima e la prima del girone. Dopo la prima di giornata la classifica è per certi versi clamorosi. L’Apoel Nicosia ha vinto in casa contro lo Zenit di Spalletti, sicuramente più forte sulla carta dei ciprioti ma la formazione allenata da Jovanovic è sicuramente imprevedibile. Il tecnico degli ucraini Lucescu, vecchia conoscenza del campionato italiano, ha plasmato una squadra che in questi anni è stata una vera e propria mina vagante, nella scorsa edizione della Champions League è arrivata fino ai quarti di finale rientrano nelle otto formazioni più forti d’Europa. L’inizio non è stato molto fortunato visto che il primo match contro il Porto in terra portoghese è andato male. Dopo il vantaggio di Luiz Adriano i portoghesi hanno recuperato con Hulk e Kleber, facendo infuriare il tecnico Lucescu. Per gli ucraini quindi occorrerà la vittoria a tutti i costi. L’Apoel invece ha compiuto l’esatto percorso dello Shakhtar, i ciprioti sono passati in svantaggio contro lo Zenit per uno a zero salvo poi recuperare e vincere due a uno. L’Apoel è una squadra molto organizzata con alcune individualità importanti. Di certo sarà una partita molto importante per lo Shakhtar che in caso di sconfitta si ritroverebbe con un piedi fuori dagli ottavi di Champions League. Per l’occasione il tecnico Lucescu ha detto ai suoi di essere attenti soprattutto in fase difensiva, vero e proprio tallone d’Achille degli ucraini. In attacco invece solita fantasia e imprevedibilità con l’ex Arsenal Eduardo che assieme a Teixeira e William appoggerà il bomber Luiz Adriano. Nell’Apoel attenzione ai trequartisti Manduca e Marcinho con il bomber Ailton pronto a tramutare in rete i passaggi dei compagni. Certo i favori dei pronostici sono tutti per gli ucraini di Lucescu, ma la formazione di Jovanovic vorrà far vedere che non è la classica cenerentola d’Europa e vuole stupire ancora facendo altre illustri vittime. I tifosi ciprioti sognano il doppio colpo che sarebbe davvero fondamentale per l’approdo agli ottavi di finale di Champions League.

Formazione Shakhtar:

 

Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Rybka; Srna, Kucher, Chyzhov, Shevchuk; Hubschman, Jadson; Eduardo, Teixeira, Willian; Luiz Adriano. All. Lucescu.

Formazione Apoel:

 

Apoel Nicosia (4-2-3-1): Chiotis; Poursaiditidis, Jorge, Oliveira, Boaventura; Morais, Pinto; Trickovski, Marcinho, Manduca; Ailton. All. Jovanovic.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori