CALCIOMERCATO/ Inter, Borghi (Sportitalia): Icardi, giusto puntare su di lui. Milito via? Da matti. E Peruzzi… (esclusiva)

- int. Stefano Borghi

In esclusiva a Ilsussidiario.net, Stefano Borghi, noto telecronista di Sporitalia, ha parlato del mercato dell’Inter e in particolare della scelta di puntare su Icardi come vice Milito.

Icardi_gol
Mauro Icardi, attaccante argentino della Sampdoria (infophoto)

Il risveglio mattutino dei tifosi dell’Inter è stato allietato dalla notizia bomba lanciata da tutti i quotidiani sportivi italiani: Mauro Icardi è vicino ai nerazzurri. Sembra battuta la concorrenza di Napoli (soprattutto) e Juventus per l’attaccante argentino che ha aperto il 2013 con la bellezza di otto gol in sei partite di campionato. L’Inter ha deciso di portare a termine il progetto giovani e dopo l’acquisto di Mateo Kovacic a centrocampo, la società milanese ha deciso di fare un grande sforzo per l’acquisto di un giovanissimo come Icardi. Nuovi talenti a cui dovrà essere aggiunto Diego Laxalt, centrocampista uruguagio. L’Inter dovrà poi capire bene il futuro di Milito che ha un altro anno di contratto ma potrebbe andare via per terminare la carriera in Argentina. Il Principe è un calciatore straordinario che ha un ingaggio alto, l’Inter potrebbe offrirgli un altro anno di contratto per spalmare lo stipendio ma dipenderà dalla volontà del giocatore ex Genoa. Inter che ha deciso di puntare anche sul giovane argentino Gino Peruzzi che in patria definiscono il nuovo Javier Zanetti. Del mercato nerazzurro e anche dei nuovi talenti sudamericani abbiamo parlato in esclusiva a Ilsussidiario.net con Stefano Borghi, telecronista di Sportitalia.

L’Inter sembra aver chiuso per Icardi. Scelta giusta? Icardi è un grande talento, un ragazzo classe ’93 che sta facendo molto bene.

Rischioso puntare tutto su un ragazzo così giovane? Solo in Italia abbiamo questi schemi mentali, voglio ricordare che uno dei migliori giocatori del nostro campionato è El Shaarawy, classe ’92.

L’arrivo di Icardi non preclude automaticamente l’addio di Milito. Che fare con il Principe? Rinnovargli il contratto fino a 50 anni. Battute a parte, io uno come Milito lo terrei sempre, è un attaccante straordinario. Ma forse lo stesso Milito potrebbe decidere di andare via.

Come mai? Ha sempre dichiarato di voler tornare a vestire nuovamente la maglia del Racing Avellaneda ad un’età in cui poteva ancora dare qualcosa. Penso sia arrivato il momento giusto.

Che ne pensi di Kovacic? E’ un talento interessantissimo, credo che possa diventare un giocatore importante. In Italia di grandi registi abbiamo Pirlo e Pizarro, Kovacic può diventare un calciatore di grande rilevanza.

Ranocchia-Kovacic-Icardi, sta prendendo forma la nuova spina dorsale nerazzurra…

Le squadre ormai devono fare in questo modo, puntare sui giovani. E non dimentichiamoci che l’Inter ha preso Diego Laxalt per la prossima stagione.

A proposito di sudamericani, piace anche Gino Peruzzi… E’ un ragazzo forte fisicamente che nasce come terzino ma è stato utilizzato come mezz’ala o esterno d’attacco.

Se Milito dovesse andare al Racing l’Inter potrebbe magari strappare un’opzione su Zuculini o Vietto, non credi? Sono due giocatori da valutare bene. Bruno Zuculini è un giocatore forte fisicamente e bravo negli inserimenti, anche se non dotato di un piede dolce. Vietto viene paragonato a Saviola e nonostante io non ami i paragoni diciamo che questa volta è giusto.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori