CALCIOMERCATO MILAN / News, quale futuro per Didac Vilà? Notizie al 22 e 23 Luglio 2014 (Aggiornamenti in diretta)

Calciomercato Milan news, notizie e aggiornamenti al 22 e 23 luglio 2014: Didac Vilà non è stato convocato per la Guinness Cup negli Stati Uniti, difficile vederlo ancora in rossonero

22.07.2014 - La Redazione
inzaghi_tuta
Pippo Inzaghi, infophoto

Altri indizi arrivano dalle convocazioni che Filippo Inzaghi ha diramato per la tournée americana (i rossoneri giocheranno la Guinness Cup). Se abbiamo già parlato di Robinho che sembra molto vicino al ritorno in patria (ci sarebbe un’offerta del Cruzeiro), anche Didac Vilà non prenderà parte alla trasferta intercontinentale. Il terzino sinistro spagnolo era stato acquistato dal Milan nel gennaio 2011: un affare a titolo definitivo per le belle prove che Vilà aveva messo insieme con l’Espanyol, club nel quale è cresciuto. Tuttavia non ha mai trovato spazio: ha fatto in tempo a vincere lo scudetto, poi è tornato al Montjuic dove ha giocato una stagione più che positiva. Rientrato a Milanello, ancora una volta è ripartito dopo aver assommatto… zero presenze con il Diavolo. Lo ha preso il Betis Siviglia, ma ora lo spagnolo è tornato alla base. Cosa prevedano per lui i prossimi giorni di calciomercato non è ancora chiaro; bisognerà aspettare una trattativa, ma appare certo che non farà parte della rosa del Milan per la prossima stagione. 

Ormai è ufficiale, Simone Ganz saluta le giovanili del Milan ed approda a titolo definitivo al Como. Secondo un’esclusiva del sito milannews.it la punta centrale classe 93 ha chiuso il suo rapporto con il club rossonero per far parte della rosa ufficiale degli azzurri che attualmente militano in Lega Pro. Il direttore sportivo del Como Giovanni Dolci ha cosi commentato l’acquisto a titolo definitivo del genovese:” E’ un’operazione che aveva già studiato da tempo col Milan. Lo abbiamo seguito con grande attenzione negli anni precedenti. Lo conosco bene, quest’anno abbiamo trovato la strada per chiudere l’operazione”. Il giovane raggiungerà domani al ritiro il suo nuovo club.

Arrivato al Milan durante il mercato di riparazione di Gennaio Taarabt era riuscito a conquistare i tifosi e l’allenatore con grandi colpi di classe gol. Il talento del giocatore di Qpr è fuori discussione ma sembra non bastare per essere preso in considerazione del nuovo corso del Milan targato Inzaghi. Il giocatore sta attendendo una chiamata dal Milan, e per questo fino ad ora ha rifiutato tutte le offerta ma molto dipenda dal nuovo allenatore. Gianluca di Marzio a calciomercato.com ha rivelato di aver contattato al telefono Taarabt e di aver approfondito il problema del suo approdo in rossonero: “Inzaghi vuole un esterno che giochi a destra ma sia mancino”. Molto dipenderà da quello che Galliani riuscirà a fare sul mercato e non è detto che Inzaghi ci possa ripensare…

Il nome di Robinho continua ad animare le cronache di calciomercato di casa Milan. Dal futuro del brasiliano deriva il mercato in entrata dei rossoneri e l’ad Galliani sta lavorando senza sosta per provare a trovare una sistemazione al calciatore verdeoro. L’ultima idea è quella targata Cruzeiro, con i brasiliano che avrebbero messo sul piatto un’offerta da 1,8 milioni di euro netti annui, 600 mila euro in meno rispetto a quanto Robinho percepisce attualmente. Nelle prossime ore potrebbero tenersi nuovi contatti, nel frattempo Galliani continua a ricercare l’esterno desiderato. In cima alla lista dei desideri c’è sempre il nome di Alessio Cerci, ma il calciatore del Torino costa attorno ai 20 milioni di euro e sulle sue tracce vi sono anche Atletico Madrid, Inter e Monaco. Meglio puntare su Taarabt quindi, nome tornato di moda nelle ultime ore. Galliani ha cenato con Kia Joorabchian da Giannino, il procuratore dell’esterno del QPR: il Milan non vuole spendere 7 milioni di euro ma la cifra si sta a poco a poco abbassando. Sullo sfondo rimane Douglas Costa dello Shakhtar, altro candidato per una maglia rossonera, ma attualmente si tratta solo di un sondaggio esplorativo.

Il Presidente dell’Orlando City, Flavio Augusto da Silva, ha parlato a Radio Globo del futuro dell’attaccante brasiliano: “Il ragazzo dovrà essere tesserato ripercorrendo la strada già fatta da Ricardo Kakà. In dieci giorni la situazione si dovrebbe risolvere. Se dipendesse da lui, giocherebbe fino a fine anno nel Santos. Per me conterebbe molto la volontà del giocatore, ma esistono anche questioni finanziarie e soprattutto ci sono altri club interessati“. Sempre in giornata aveva parlato anche il Presidente del Santos che aveva ribadito l’impossibilità di arrivare a Robinho per il club brasiliano per una questione propriamente economica.

 – Il Milan sta lavorando alla cessione in prestito del giovane terzino Tamas, che in questo momento sta giocando l’Europeo Under 19. Il ragazzo avrebbe incontrato, secondo PreAlpina.it, i dirigenti del Varese a Budapest per cercare di definire l’approdo in Serie B. Il direttore sportivo Gabriele Ambrosetti avrebbe ribadito l’interesse da parte del Varese per il terzino. C’è però da ricordare anche il pressing del Bari sul difensore che piace a molti.

Il nome di Douglas Costa è stato avvicinato a molti club nelle ultime ore, dopo la fuga dell’attaccante brasiliano e di altri suoi cinque colleghi dal ritiro del club per motivi politic. Secondo il Daily Mail su di lui ci sarebbe anche il forte interesse del Milan, pronto a presentare un’offerta concreta. Su di lui però c’è una folta concorrenza a partire dall’Arsenal, il Tottenham, la Roma e la Juventus. Sempre secondo il Daily Mail il ragazzo si starebbe allenando in Svizzera in attesa di conoscere il proprio futuro. Il prestito rimane al momento la situazione più accreditata. 

L’attaccante brasiliano Robinho è ormai alla fine della sua avventura in rossonero. Restano da decidere alcuni particolari. Dove giocherà prima della ripresa della Mls League quando dovrebbe vestire la maglia degli Orlando City? Si pensava al Santos come concreta possibilità fino alle parole del Presidente del club Odilio Rodriguez riportate da Atribuna.com.br: “Robinho ha passato le vacanze a San Paolo ed è stato notato dai tifosi. Ha una storia meravigliosa al Santos e qui  un idolo. Questo ha messo in relazione la sua cessione e un suo possibile ritorno da noi. Non c’è però nessuna possibilità. Ha uno stipendio che è fuori dalla realtà del calcio brasiliano“. Su di lui però oltre al Santos c’erano anche il Flamengo, il Cruzeiro e l’Atletico Mineiro. Esclusa anche la possibilità che il Milan possa pagargli una parte dell’ingaggio.

Il colpo del calciomercato estivo di casa Milan potrebbe essere Jackson Martinez. L’attaccante della nazionale colombiana sembra essersi allontanato sensibilmente dal Porto, come svelato nelle ultime ore dai media portoghesi. Il calciatore sudamericano avrebbe comunicato alla dirigenza dei Dragoes di non essere intenzionato a prendere parte alla presentazione ufficiale della squadra in programma il prossimo 27 luglio. Un chiaro sms che fa capire come l’idea di Jackson Martinez sia quella di salutare i portoghesi per il definitivo salto di qualità. Il Milan è una delle principali estimatrici del Cafetero ma l’operazione è tutt’altro che semplice per svariati motivi, uno su tutti, l’aspetto economico. L’attaccante del Porto costa fra i 25 e i 30 milioni di euro e i rossoneri dovrebbero prima piazzare Balotelli sul mercato, altra impresa tutt’altro che semplice.

Fra le priorità del calciomercato Milan vi è anche il rinforzo delle corsie. In attesa di capire se Ignazio Abate e Mattia De Sciglio rimarranno o meno a Milanello, l’ad Galliani sta effettuando dei sondaggi a cominciare da quello per Mimmo Criscito. Il terzino sinistro/difensore centrale dello Zenit piace molto al Diavolo ma l’operazione non sembra delle più semplici, come ha fatto capire in queste ore l’agente, interpellato da Radio Kiss Kiss: «Criscito resta sicuramente in Russia. Villas-Boas lo conosce bene, sia dal punto di vista tecnico che umano, e non ha alcuna intenzione di privarsene, ma anzi sarà uno dei punti fermi della nuova squadra. Lo Zenit poi non ha bisogno di soldi, cedono i giocatori solo quando non sono più funzionali al progetto tecnico». Complicazioni soprattutto di natura economica, visto che i russi chiedono 12 milioni di euro e non si accontentano del cartellino di uno fra Mexes e Zapata. In attesa di novità dal fronte Criscito, Galliani valuta altre idee a cominciare da Romulo, calciatore tuttofare dell’Hellas Verona da tempo accostato alle big. Si tratterebbe di un innesto per la corsia di destra, e il Milan, insieme a Juventus e Roma, sta seguendo l’italo-brasiliano ormai da tempo. Infine, è rispuntato il nome di Micah Richards, centrale di difesa/terzino che gioca nel Manchester City e che i Citizens hanno messo sul mercato alla luce anche del contratto in scadenza nel 2015: ha un valore di circa 10 milioni di euro e si ragiona sull’ipotesi prestito con diritto/obbligo di riscatto.

L’allenatore del Milan, Pippo Inzaghi, ha parlato di calciomercato in occasione di una conferenza stampa tenutasi pochi minuti fa a Milanello, prima della partenza per le amichevoli negli Stati Uniti. Le prime dichiarazioni sono sull’incontro di Arcore con Galliani e il patron Berlusconi tenutosi negli scorsi giorni. A riguardo Super Pippo ha spiegato: «C’è grande unione da parte di tutti. Galliani sa quali sono le mie necessità, manca ancora qualcosa per arrivare al livello di Roma e Juve. Se non arriverà nessuno proveremo ad arrivare in Champions League con la grinta e la determinazione. Abbiamo tanti giovani interessanti, ma dobbiamo avere pazienza». Un accenno anche a Mario Balotelli, il cui futuro dipenderà strettamente da Inzaghi e dalla capacità dell’allenatore di far rendere al meglio Super Mario: «Sono sereno – confessa Inzaghi – Mario è un giocatore importante e cercherò di farlo rendere al meglio. Azzererò tutto quello che si è detto su di lui, non ho nessuno problema con lui. Io devo farlo rendere al meglio delle sue possibilità. Mercato? Deciderà la società, se partirà servirà un sostituto perchè le prime punte sono lui e Pazzini. Comunque credo che rimarremo così». Nelle ultime ore si è parlato di nuovi contatti fra Arsenal e Balotelli con il Milan che potrebbe virare su Jackson Martinez. Fra i nomi sempre caldi per l’attacco anche Alessio Cerci.

I temi di calciomercato relativi al Milan sono abbastanza definiti al momento: Alessio Cerci è l’attrazione principale in entrata, Robinho il modo da sciogliere in uscita. L’attaccante brasiliano sta cercando assieme al suo entourage e ad Adriano Galliani una soluzione che possa accontentare tutti: l’Orlando City (Major League Soccer) vuole ingaggiare Robinho ma al momento c’è distanza economica tra le parti, Milan compreso. Si sta studiando un prestito in Brasile con un’operazione alla Kakà. Nel frattempo Galliani continua a tenere d’occhio Cerci che ha raggiunto il ritiro del Torino a Riscone di Brunico. Sullo sfondo resta Adel Taarabt, tornato al QPR dopo il mancato accordo per il riscatto. Oggi il Milan parte per l’America dove da venerdì 25 luglio disputerà almeno quattro partite amichevoli.

Nell’intervista rilasciata a ilsussidiario.net dal titolo ‘Cerci la ciliegina giusta. Balotelli? Preferisco Pazzini‘ l’ex attaccante (anche) rossonero Filippo Maniero ha parlato del calciomercato del Milan. Analizzando la situazione nel reparto offensivo: nel modulo 4-3-3 di Inzaghi ci sarà spazio per una sola punta centrale, sarà Balotelli oppure Pazzini? Clicca qui per leggere l’intervista a Filippo Maniero.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori