Calciomercato Napoli/ Fernandez: non devo dimostrare niente, Benitez valorizza tutti. Le notizie al 23 ottobre

Il giorno dopo la vittoria contro l’Olympique Marsiglia ha parlato Federico Fernandez: il difensore è rimasto sul mercato per quasi tutta l’estate, ed ora è parte integrante della squadra

23.10.2013 - La Redazione
fernandez_testa
Federico Fernandez, 24 anni, difensore argentino del Napoli (INFOPHOTO)

Fernandez è stato uno dei protagonisti migliori della bella vittoria del Napoli a Marsiglia, che tiene i partenopei saldamente a bordo del treno qualificazione per gli ottavi di Champions. Il difensore argentino è tornato sulla prestazione personale e della squadra ai microfoni dell’emittente radiofonica Radio Kiss Kiss: “Abbiamo fatto una grande partita -ha dichiarato-, effettuando grande possesso palla e siamo riusciti a fare gol riuscendo in seguito a gestire la partita. Abbiamo sofferto un po gli ultimi 10 minuti, ma abbiamo sofferto insieme. Dopo Roma volevamo fare una grande partita e ci siamo riusciti. Noi dovevamo fare il nostro lavoro senza pensare alle altre squadre del girone, e ci siamo riusciti. Il gruppo è molto unito“. Fernandez ha toccato anche la novità Zapata, il colombiano è stato match-winner entrando dalla panchina: “Duvàn è entrato bene, ha fatto un gran bel gol, e ha cercato di tenere palla e mantenere alta la squadra. Io non devo dimostrare niente a nessuno, ho la fiducia del tecnico e della società e quando sono in campo cerco sempre di dare il meglio. Sicuramente con Benitez è un’altra mentalità, fa sentire tutti importanti e ci sono molte partite da giocare. Se stiamo tutti insieme e se lottiamo possiamo vincere sempre“. L’argentino, che resta un titolare della sua nazionale, sembrava destinato alla cessione in estate ma alla fine è rimasto in rosa; senza le sirene di calciomercato può concentrarsi solo sul calcio giocato e i risultato cominciano a vedersi. Per ora Fernandez resta una riserva ma sfruttando al meglio le occasioni, come ha fatto a Marsiglia, potrebbe scalare le gerarchie e migliorarsi.

C’è un nome nuovo sul taccuino di mercato del direttore sportivo del Napoli, Riccardo Bigon. Si tratta precisamente di Hernane Vidal de Souza, semplicemente noto come Hernane. Brasiliano classe 1986, è un attaccante del Flamengo che milita nel ruolo di prima punta ma che può essere schierato tranquillamente anche sui due esterni di destra e di sinistra. Stando a quanto riportato nelle scorse ore da Nuovocalciomercato.com, sia il Napoli quanto la Lazio starebbero osservando con estrema attenzione l’attaccante sudamericano, autore di 11 reti in 21 partite nel Brasilerao tutt’ora in corso. Hernane è considerato una delle sorprese del campionato verdeoro, esploso proprio fra le del club rubonegro non in tenera età. Il suo contratto scadrà al 30 giugno del 2016 ed il valore è molto contenuto, attorno al milione di euro. Per l’attacco continua ad essere monitorato anche Eduardo Vargas, stellina cilena di proprietà del Napoli ma attualmente in prestito fra le fila del Gremio, noto club brasiliano di Porto Alegre. Il contratto con i verdeoro scadrà a fine anno, al 31 dicembre 2013, e a quel punto si deciderà il da farsi. Vargas potrebbe rientrare a Napoli ma non è da escludere una cessione a titolo definitivo, soprattutto se dovessero giungere offerte di almeno 10 milioni di euro, la stessa cifra investita dai partenopei due anni fa.

Mercato in entrata ma anche in uscita in casa Napoli. E’ freschissima la notizia che vuole una nuova pretendente per Valon Behrami, nazionale svizzero in forza ai partenopei. Stando a quanto circolante, sulle tracce dell’ex Fiorentina, West Ham e Lazio, vi sarebbe anche la Roma, in cerca di rinforzi per il proprio centrocampo già di livello altissimo. I giallorossi non sono naturalmente l’unica pretendente per il rossocrociato e anche l’Inter è fortemente interessata allo stesso, spinta in particolare da Walter Mazzarri. Difficile che a gennaio Behrami possa cambiare casacca mentre è molto più probabile un addio al San Paolo in occasione del mercato estivo 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori