Calciomercato Napoli / Ag. Inler: non se ne va, Benitez lo vuole

- La Redazione

Gokhan Inler lascia il Napoli? Dalla Turchia lo danno già al Galatasaray, ma l’agente Dino Lamberti è tornato a parlare della situazione dicendo che Benitez lo considera fondamentale

inler_pugni
Gokhan Inler, centrocampista Napoli (Foto Infophoto)

“L’avevo già detto, lo ripeto: Inler resta a Napoli”. A Radio Kiss Kiss il procuratore del centrocampista svizzero, Dino Lamberti, torna a parlare della situazione del numero 88 partenopeo. Su di lui si sono dette tante cose: lo scorso anno ha giocato poco, Mazzarri lo ha tenuto in panchina preferendogli il più dinamico Dzemaili, così che a fine stagione è parso inevitabile che le strade si sarebbero separate. Di più: dalla Turchia proprio ieri erano arrivate notizie di calciomercato, da più fonti, che dicevano come il Galatasaray stesse per chiudere sulla base di 12 milioni di euro, con tanto di maglia giallorossa con il numero 88 già preparata e pronta da indossare. Ma Lamberti smentisce ancora: “Non ho niente contro l’allenatore che c’era prima a Napoli, ma ribadisco che Benitez voleva Inler quando era a Liverpool, e in questi giorni lo ha chiamato e gli ha detto che conta su di lui e ha fiducia in lui”. A questo punto la vicenda si fa intricata: ci fidiamo naturalmente della parole di Lamberti, ma quello che accade, probabilmente, è che realmente il Napoli stia davvero cercando di vendere Inler o comunque stia trattando con il Galatasaray nel tentativo di monetizzare – e magari trattenere Cavani? – e che però per quanto riguarda l’entourage e lo stesso calciatore si stia cercando di rimanere al San Paolo. Dovesse essere confermato Inler, il nuovo Napoli comincerebbe a prendere forma: nuovamente la coppia svizzera con Behrami davanti alla difesa, Mertens e Insigne (o Pandev) con Hamsik dietro l’attaccante. Qui c’è ancora un punto di domanda: sarà ancora Cavani, o qualcun altro?

(clicca qui per il riepilogo delle principali notizie di calciomercato del Napoli di oggi, 25 giugno 2013)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori