Napoli-Slovan Bratislava/ Europa League, il pronostico di Mimmo Carratelli (esclusiva)

- int. Mimmo Carratelli

Europa League, Napoli-Slovan Brartislava: il pronostico di Mimmo Carratelli in esclusiva per ilsussidiario.net. Partita in programma giovedì 11 dicembre 2014 allo stadio San Paolo

henrique_cerchio
Foto Infophoto

Napoli-Slovan Bratislava è la partita di Europa League in programma giovedì 11 dicembre, per la sesta ed ultima giornata della fase a gironi. Si giocherà allo stadio San Paolo alle ore 21:05. Il Napoli ha 10 punti nel gruppo I come lo Sparta Praga, segue lo Young Boys a 9 mentre lo Slovan Bratislava è ultimo ancora a zero. La vittoria nell’ultima partita garantirebbe al Napoli il primo posto nel girone, e potrebbe rilanciare i partenopei anche in campionato dove sono reduci da tre pareggi consecutivi. Domenica il Napoli sarà di scena a San Siro col Milan, contro lo Slovan Benitez potrebbe ricorrere ad un ampio turnover. Per intodurci a Napoli-Slovan Bratislava ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva il giornalista Mimmo Carratelli.

Napoli-Slovan Bratislava: come vede questo incontro? Sarà una partita inutile visto che il Napoli è già qualificato, però un successo potrebbe essere importante per la squadra di Benitez che così arriverebbe prima nel girone e sarà testa di serie nei sedicesimi.

Quali sono i problemi del Napoli che non vince da tre turni di campionato? Ci sono diversi problemi, come l’assenza di Insigne, il fatto che Callejon e Mertens non sono al massimo, la fascia laterale che sta diventando una zona carente nel gioco del Napoli, come anche il centrocampo che non garantisce la necessaria protezione alla difesa. E’ vero che il Napoli segna tanto ma non può essere sufficiente, lo dicono i risultati.

Scudetto lontano, Europa League primo obiettivo quindi? Lo scudetto era solo una cosa detta da De Laurentiis per calmare la piazza. De Laurentiis, che non è un presidente tifoso, ha sempre guardato al bilancio prima di tutto, riuscendo a non andare in passivo che non è poco.

Diversamente dai tempi di Ferlaino… Allora era un calcio diverso, non c’erano neanche i diritti televisivi, si prendevano i soldi dagli incassi delle partite. Arrivò anche il più forte giocatore del mondo che era Maradona: il Napoli riuscì a vincere due scudetti che sono anche pochi per uno come Diego, ma c’era un Milan fortissimo con cui battagliare.

Si attende una contestazione dei tifosi del Napoli? Certo il clima non è dei migliori dopo gli ultimi tre pareggi, soprattutto quelli al San Paolo con il Cagliari e l’Empoli, una vittoria con tanti gol in Europa League darebbe fiducia. Più che altro però sarà importante la prossima partita di campionato, a San Siro col Milan. Per la formazione rossonera sarà fondamentale in termini di classifica, per il Napoli meno ma la squadra di Benitez dovrà dare risposte positive. Penso che se giocherà al suo meglio il Napoli potrà anche vincere a Milano.

Lo Slovan, già eliminato dell’Europa League, con quale spirito verrà a Napoli? Credo che ormai non chieda più niente a questa manifestazione e non avrà particolari obiettivi.

Qual è il suo pronostico su quest’incontro? Vedo una vittoria del Napoli.

(Franco Vittadini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori