SFOOTING / Da Porto Le Ciabatte a RinTinTarella, le vacanze che si prendono di “pet”

- Comic Astri

Scovati dai COMIC ASTRI luoghi d’eccellenza per il turismo dei nostri più cari amici, gli animali. Il catalogo del loro tour operator, “ComIncAstri bene i giorni di ferie”

cani_spiaggia439
Immagine d'archivio
Pubblicità

Non possiamo dimenticare che per le vacanze gli italiani devono fare i conti con i propri animali domestici. Statistiche alla mano, un connazionale su due ha un cane e un italiano su tre un gatto. Pesci o tartarughe fanno compagnia a cinque connazionali su cento, mentre volatili (4,1%), conigli (2,1%) e criceti (1,6%) sono molto meno presenti nelle nostre case. Ci si potrebbe chiedere quanti italiani possiedono una mucca o una pecora, ma entreremmo nel campo dell’allevamento e non sappiamo se gli allevatori ci tengano a farci entrare in un terreno che, dopotutto, è pur sempre loro, quindi una proprietà privata con divieto d’accesso. In ogni caso, possiamo affermare, senza ombra di smentite, che siamo una nazione “bestiale” (anzi, a volte le differenze tra noi e “loro” sono così sfumate…), e dal momento che ci siamo lanciati nel turismo con la nostra società di tour operator “ComIncAstri bene i giorni di ferie”, abbiamo pensato di estendere il nostro holidays-business a misura di amico a 4 zampe.

Pubblicità

Se business deve essere, occorre trovare uno slogan accattivante e immediato. E noi ce l’abbiamo: “Quest’estate prendi le vacanze di pet!” (pet in inglese significa: animale di compagnia). Poi, ci è sembrata cosa buona e giusta contattare telefonicamente l’ex ministro Michela Vittoria Brambilla, vera paladina degli animali domestici e grande appassionata di cani. Dopo pochi trilli, ha prontamente risposto il suo autista, Lilli il Vagabondo, che ha passato la telefonata al suo maggiordomo, Braccobaldo, che a sua volta ci ha messo in contatto con la guardia del corpo, il commissario Rex, che ha avvisato la vecchia badante della Michela, Zanna Bianca, che infine ci ha permesso di parlare con lei. La Brambi, come un cerbiatto che scorrazza felice e spensierato tra colline, boschi e distese sterminate di prati, si è detta entusiasta dell’iniziativa, e, caldeggiandoci a procedere, ci ha indirizzati sul portale “www.tornateacasaLessi.dog”, dove è già possibile trovare una serie di strutture pet friendly, dislocate in tutte le zone turistiche della nostra penisola: segnatamente spiagge, hotel, agriturismi, bed & breakfast, canpeggi (non pensate ad un banale refuso: sono così denominati i campeggi per soli cani, dove i padroni sono accolti solo a determinate condizioni) e quant’altro possa mettere i nostri animali nella condizione di godersi un meritato riposo, lontani dallo stress cittadino, fatto di cucce tristi, divani obsoleti e tappeti consunti e pieni di peli.

E stiamo parlando dei più fortunati tra loro, cioè di quelli che si possono permettere un tetto sopra le loro teste; se pensiamo alla triste esistenza di tutti gli altri, trattati alla stregua di barboni, ci si spezza il cuore (domanda: ma allora, perché il barboncino, tipico cane da salotto, che mette il cappottino e le scarpine se deve uscire d’inverno a fare pipì, viene chiamato così, barboncino? Non è un insulto ai “colleghi” meno fortunati, che davvero fanno letteralmente una vita da cani?). Ad ogni modo, anche noi ci siamo messi alla ricerca di luoghi amichevolmente animaleschi (pet friendly, appunto!), e questo è il risultato delle nostre ricerche.

 

Pubblicità

Vacanze con il cane. In Liguria, in località Loano (in pratica, un buco di villeggiatura per gli umani, che dà le spalle al mare), in località “Porto Le Ciabatte”, è stata recentemente inaugurata una spiaggia dove i vostri (e nostri) amici a quattro zampe avranno a disposizione 4,5 chilometri di sabbia finissima e bianchissima, intervallata da banchi di scogli, messi lì a mo’ di percorso-salute, così che “loro” possano zampettare spensierati con le vostre infradito in bocca. In Friuli, invece, presso Alano Sabbiadoro, vi consigliamo il canmeglio (si tratta di un canpeggio a 5 stelle) “RinTinTarella”: qui il cane può stare comodamente seduto, sotto la tenda o sulla sdraio, a rilassarsi, o a prendere il sole, magari a farsi anche una nuotata, intanto che voi, sereni e lontani da ogni tipo di preoccupazione alcuna, dovete correre a recuperare le vostre infradito, che Fido avrà accuratamente nascosto chissà dove, lungo i 7 chilometri di sabbia finissima e bianchissima che il canmeglio offre. A quanti tra voi avessero un cane nudo, non importa sia esso messicano, cinese o peruviano (queste razze si somigliano un po’ tutte), sentiamo il dovere di indicare l’hotel “Cala la Braga”, presso la cittadina di Canpomarino, provincia di Canpobasso, dove anche voi, per non mettere a disagio queste simpaticissime quanto originali bestiole, potrete girare indisturbati (e forse anche orgogliosi di farlo!) con la cerniera dei pantaloni abbassata. Per chi ama la Sardegna, davvero imperdibile è “Punta La Cagnolina”: sole, mare e relax garantiti. I vostri amici potranno fare piacevoli e proficui incontri, e non è detto che non capiti qualcosa di simile pure a voi, nel caso la padrona dell’amica del vostro cucciolo sia anche lei niente male! In ogni caso, vi segnaliamo che sul canale “Fox Terrier”, all’interno del programma “Che cagnara!”, c’è una rubrica di incontri, dove anche Fido potrà scegliere la sua anima gemella!

Sempre a proposito di Sardegna, sconsigliamo categoricamente tutte quelle spiagge, gestite da una potente multinazionale americana, nota in tutto il mondo per i suoi fast food, denominate “Hot Dog Beach”, dove quasi ogni giorno si organizzano grigliate a sorpresa, e il più delle volte non si tratta di porceddu… e la catena di negozi in franchising “Apriamo un Fido”, operante soprattutto in Toscana (dove un gruppo di nazi-accalappiacani, guidati dal terribile Cannibal the Annibal e armati di coltellacci da macellai, non si limitano certo a catturare le povere bestie… spacciandole poi per succulenta carne chianina).

In Lombardia, esistono già molti comuni pet friendly, come Cantù (dove è vietato dare del lei ai cani), o Canzo (dove il cane può andare a zonzo). Per gli amanti della montagna, invece, consigliamo: in Veneto, il Bassopiano dell’Altotto (da cui si può salire fino all’Altopiano del Bassotto, che raggiungerete con le orecchie… a terra). Ed in Molise, proprio all’interno del Parco Nazionale, l’hotel “Quattro salti in Maiella”: attività sempre all’aria aperta e ottima cucina, a base di croccantini Ciappi.

 

Vacanze con il gatto. Se siete amici dei mici, le nostre proposte possono soddisfare in pieno le vostre esigenze. Se scegliete l’Italia, vi consigliamo la capitale italiana della balneazione con le fusa: Gatteo a Mare, una sorta di Rimini dei felini, mentre se preferite l’enogastronomia, Gattinara è ciò che fa per voi. Per l’estero, siamo in grado di offrirvi un pacchetto convenientissimo, destinazione Londra: potrete viaggiare con la compagnia aerea TomTom & JerryJerry, l’unica dotata di pilota automatico e Gps, che collega Milano Malpensa con l’aeroporto londinese di Gatwick (of course!).

 

Vacanze con il criceto. Meta obbligata è l’Abruzzo, a Lido di Riccio. Ad accogliervi, una struttura dagli interni molto spigolosi e acuminati, una spiaggia di sassolini aguzzi e appuntiti. Per voi sarà una spina nel fianco, ma il vostro criceto – fidatevi – in quell’habitat godrà come un… riccio!

 

Vacanze con la tartaruga. Il catalogo delle nostre offerte è veramente ampio anche per questi amici dal passo… diversamente spedito! Evitate accuratamente di portare la vostra tartarughina prediletta al Cern di Ginevra: la sola vista dei neutrini lanciati a grandissima velocità potrebbe provocarle uno choc anafilattico. Meglio scegliere destinazioni più tradizionali e meno frenetiche. Come ad esempio, per gli amanti della natura, Pianopoli, provincia di Catanzaro, oppure Latisana (Udine); per chi vuole il mare, invece, la scelta è obbligata: Lentini, in Sicilia, con la certezza di una vacanza davvero… slow profile!



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori