Siria De Fazio/ Video choc volto tumefatto in ospedale: “Repressa mentre papà moriva”

Un problema di salute e la morte del padre, Siria De Fazio a cuore aperto su Instagram: l’artista ha pubblicato un video su Instagram in cui è ritratta con il volto tumefatto.

Siria De Fazio (Instagram)
Siria De Fazio (Instagram)

Siria De Fazio e il volto tumefatto in ospedale dopo un’operazione: oggi l’ex concorrente del Grande Fratello ha deciso di pubblicare sul suo profilo instagram un video risalente a un anno fa, registrato subito dopo un intervento chirurgico per un problema che ha preferito non specificare per il momento. L’ex fiamma di Naike Rivelli, che recentemente è stata protagonista sulla copertina di Playboy, ha scritto: «La mia faccia non si muove… giuro rido e non è un filtro snapchat. Questa sono io poco piu di un anno fa, ho avuto una serie di problemi di salute per 3 anni che non sto qui a raccontare, ma questo é stato l ultimo intervento». Siria De Fazio ha poi aggiunto: «Ho avuto il viso gonfio per 8 mesi a un certo punto credevo di non tornare più ‘normale’. Qui su Instagram ho pubblicato foto vecchie fatte prima dell’intervento per tutto il tempo. Ho dovuto smettere di fare il mio lavoro da performer/mangiafuoco che era anche la mia passione e il mio unico vero modo di comunicare sinceramente». Un problema di salute che si è aggiunto alle precarie condizioni del padre: «Mi sono sentita muta e repressa senza il mio lavoro… Negli stessi mesi il mio papà é stato male. Sono andata in ospedale da lui con il mio bel faccino da Alvin superstar, ero un mostro quando sorridevo, ma ho guardato il mio papà e ci siamo sorrisi. Sapevamo tutti e due nel cuore che eravamo spaventati ma non ce lo siamo detti».

SIRIA DE FAZIO, IL VIDEO PUBBLICATO SU INSTAGRAM

Siria De Fazio si è poi soffermata sull’importanza del padre e sui suoi problemi: «Lui viveva per strada sui marciapiedi come quelli che vediamo ogni giorno e guardiamo come se la loro vita avesse un valore minore ed era anche alcolizzato, ma sapete una cosa? Era il mio papà, lui era il mio super eroe, l’unica persona al mondo con cui mi capivo anche stando in silenzio. Eravamo in simbiosi. Quel giorno avrei pagato per vederlo dormire ancora sulle panchine al freddo piuttosto che in quel letto di ferro, sono tornata nella sua camera di ospedale e lui guardava dispiaciuto Astori, era appena morto questo giovane calciatore e lui era dispiaciuto e io guardavo il telegiornale e pensavo che a breve sarebbe andato via anche lui e nessuno l’avrebbe applaudito. Io e lui abbiamo sempre parlato tanto, avevamo fatto scelte diverse ma ci siamo amati tanto, lui mi ha insegnato a regalare sempre un sorriso». Un dolore enorme, con Siria De Fazio che prosegue: «Non ho veramente condiviso la mia sofferenza perché volevo che vivesse tutto come se fosse un bellissimo finale. Lui fingeva come me di non sapere per non farmi preoccupare .Abbiamo riso , parlato , siamo stati bene in quella camera ma lui stava per andare via e io lo sentivo nelle ossa , io volevo chiedere aiuto urlando». E rivela: «Un giorno una ragazza mi ha scritto commentando un post : anche io sarei capace di sorridere se avessi una vita come la tua, il mio papà era andato via da qualche ora, aveva chiuso gli occhi per l’ultima volta guardandomi mentre gli sorridevo. Il sorriso più complicato e più pieno d amore della mia vita, se qualcuno mi chiede cos’è l’amore risponderei: quell’attimo». L’ex gieffina conclude: «La mia vita è ciò che papà mi ha lasciato in ricordo di lui voglio curarla. Voglio tornare ad essere la versione migliore di me anche se non so bene da dove si parte e voglio condividere perché credo sia un po’ terapeutico, se questa cosa sarà forza anche a una sola persona il non chiudere questo social ha avuto un senso».

 

View this post on Instagram

 

Provo a scrivere questo post . Lo scrivo oggi perché è un anniversario importante . Non so se riuscirò a trasmettere il mio intento ma ci provo . Le parole a volte rimpicciolisco il significato delle cose soprattutto quando le cose che hai dentro sono troppe. Parto da questo video in cui in realtà rido per le stronzate che dice @teddyromano ma la mia faccia non si muove .. giuro rido e non è un filtro snapchat. Questa sono io poco piu di un anno fa , ho avuto una serie di problemi di salute per 3 anni che non sto qui a raccontare , ma questo é stato l ultimo intervento . (Intervento fatto da umani meravigliosi grazie al cielo.. dottori che per tre anni mi hanno vista piangere ,disperarmi ,avere paura ,ridere .. mi sono stati sempre vicino..sono stati la mia fortuna )Ho avuto il viso gonfio per 8 mesi a un certo punto credevo di non tornare più ‘normale’ . Qui su Instagram ho pubblicato foto vecchie fatte prima dell intervento per tutto il tempo .Ho dovuto smettere di fare il mio lavoro da performer/mangiafuoco che era anche la mia passione e il mio unico vero modo di comunicare sinceramente .. soprattutto chi è un artista sa quanto la propria arte non sia mai solo un lavoro ma un vero e proprio modo di esprimere qualcosa che non si sa esprimere in nessun altro modo. Mi sono sentita muta e repressa senza il mio lavoro .. Negli stessi mesi il mio papà é stato male . Sono andata in ospedale da lui con il mio bel faccino da Alvin superstar, ero un mostro quando sorridevo.. ma ho guardato il mio papà e ci siamo sorrisi . Sapevamo tutti e due nel cuore che eravamo spaventati ma non ce lo siamo detti. Sono andata di nascosto dal dottore a chiedere informazioni sullo stato di salute di papà e lui mi ha detto “ se le dico che a suo padre manca un mese di vita esagero ma sa per come vive gli é già andata troppo bene fino ad ora “ Stava parlando del mio papà.. che cazzo vuol dire gli è già andata troppo bene ??.. era oggi un anno fa … Quella frase mi rimbomba ancora nella testa .. il mio papà era un senzatetto > continua nei commenti

A post shared by Siria De Fazio 🤤🍕 (@siriadefazio) on



© RIPRODUZIONE RISERVATA