CLASSIFICA MOTOGP/ Mondiale piloti: Rossi scivola al quinto posto (Gp Italia Mugello)

- Mauro Mantegazza

Classifica MotoGp: il Mondiale Piloti 2019 dopo il Gp Italia sul circuito del Mugello vede Marc Marquez allungare ancora su Andrea Dovizioso, il vincitore Danilo Petrucci ora è quarto

dovizioso marquez motogp
Diretta MotoGp: Dovizioso e Marquez - repertorio LaPresse

Marc Marquez resta in vetta alla classifica generale del Mondiale di MotoGp 2019. Nonostante sia finito alle spalle di Danilo Petrucci, il pilota spagnolo ha guadagnato terreno, questo perché Andrea Dovizioso ha chiuso la gara del Mugello al terzo posto. E quindi il forlivese ha accumulato un ritardo di 12 punti dal campione del mondo in carica. Più distaccati Alex Rins e Petrucci, mentre Valentino Rossi è scivolato al quinto posto, a dieci punti dal vincitore della gara odierna. Dietro Jack Miller e Cal Crutchlow, entrambi appaiati a 42 punti, peggio ha fatto Maverick Vinales, a 40 punti come Takaaki Nakagami. A seguire Alexis Espargaro (35), Franco Morbidelli (34), Fabio Quartararo (31). Deludente inizio di stagione per Jorge Lorenzo, che ha collezionato finora solo 19 punti in classifica. A secco di punti Bradley Smith, che chiude così la graduatoria generale. (agg. di Silvana Palazzo)

CLASSIFICA MOTOGP: MARQUEZ SI ALLONTANA…

Al termine di uno spettacolare Gp Italia 2019, corso ovviamente al Mugello, la vittoria è di Danilo Petrucci: la classifica MotoGp dunque cambia con Marc Marquez che resta al comando e guadagna altri 5 punti su Andrea Dovizioso, salendo adesso a 115 contro i 103 del forlivese che si deve accontentare del terzo posto. Sale alla grande Petrucci che vola a quota 82 e si candida a infastidire i primi tre della classe, bella conferma per Alex Rins che resta terzo ma con 88. Purtroppo Valentino Rossi non è riuscito a onorare la pista di casa: il Dottore è finito a terra dopo pochi giri e dunque accusa adesso un ritardo rispetto ai primi tre della classe venendo anche sorpassato da Danilo Petrucci, come già detto. Male anche l’altra Yamaha ufficiale di Maverick Vinales, che continua nella sua stagione complicata; in difficoltà Jorge Lorenzo mentre al pari di Rossi non hanno terminato la loro gara Jack Miller, che quest’anno è solido Top Ten della classifica, e Francesco Bagnaia che era invece stato protagonista delle qualifiche. (agg. di Claudio Franceschini)

CLASSIFICA MOTOGP: LA CRESCITA DI DOVIZIOSO

Quando si pensa alla classifica MotoGp, viene subito in mente il Mondiale Piloti. Si sembra però giusto ricordare che pure nel Motomondiale c’è anche la classifica del Mondiale Costruttori, sia pure meno importanti di quanto sia ad esempio in Formula 1. Nella MotoGp non si contano i punti di tutti i piloti in gara, bensì per ogni Casa costruttrice si considera solo il risultato del migliore pilota in ogni Gran Premio. La Honda è al comando con 101 punti, portati tutti da Marc Marquez con l’eccezione di Austin, quando il numero 93 cadde e il miglior piazzamento di un pilota Honda fu il decimo posto di Takaaki Nakagami. Insegue la Ducati con 90 punti, quasi tutti portati da Andrea Dovizioso: l’unica eccezione è stata proprio Austin, quando il Dovi fu quarto alle spalle di Jack Miller e di conseguenza Borgo Panigale si prese i 16 punti dell’australiano e non i 13 del forlivese per la classifica Costruttori. Terzo posto per la Yamaha con 78 punti: in quattro gare su cinque fa testo il piazzamento di Valentino Rossi, con l’unica eccezione del terzo posto di Maverick Vinales a Jerez, dove invece il Dottore fu sesto. Così, ecco che l’unico 100% nei piani alti è quello di Alex Rins per la Suzuki: 75 punti del pilota spagnolo, 75 anche per la Casa giapponese fra i costruttori, perché Joan Mir non è mai arrivato davanti al compagno di squadra. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

CLASSIFICA MOTOGP: LA CRESCITA DI DOVIZIOSO

Se la classifica MotoGp appare quest’anno molto più aperta rispetto al 2018, il merito è sicuramente di Andrea Dovizioso, che l’anno scorso fu secondo ma senza mai riuscire a contrastare davvero Marc Marquez per la conquista del titolo iridato. La colpa fu soprattutto di una partenza troppo lenta da parte di Dovizioso: vittoria in Qatar, ma poi un sesto posto in Argentina, quinto ad Austin e due ritiri consecutivi a Jerez e Le Mans, per un totale di appena 46 punti nelle prime cinque gare, quando Marquez invece era già a quota 95 con tre vittorie più un secondo posto e un solo “zero”. In questo 2019 il rendimento di Marquez è identico: tre vittorie, un secondo posto e un ritiro per un totale di 95 punti dopo i primi cinque Gran Premi, ma il passo di Dovizioso è radicalmente migliorato. La costante è la vittoria in Qatar, pista amica del Dovi e della Ducati, ma nelle altre gare il forlivese ha sempre fatto meglio rispetto alla scorsa stagione: terzo a Termas de Rio Hondo, quarto ad Austin e Jerez, infine secondo a Le Mans, i punti sono 87 e dunque ben 41 in più rispetto ad un anno fa. Insomma, quest’anno Dovizioso ha ottenuto punti pesanti anche nelle gare a lui meno favorevoli: adesso arrivano piste più gradite, sarà possibile attaccare il primato? (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

CLASSIFICA MOTOGP: I DUE DELUSI

Parlando della classifica MotoGp abbiamo citato i primi sei e di conseguenza non abbiamo parlato di Maverick Vinales e Jorge Lorenzo, i grandi delusi dei primi cinque Gran Premi della nuova stagione. Vinales è appena decimo con 30 punti, è pesante il confronto con quota 72 che invece ha già raggiunto il suo compagno di squadra Valentino Rossi. Vinales finora in stagione ha avuto un solo guizzo grazie al terzo posto di Jerez de la Frontera, ma per il resto ha raccolto un settimo, un undicesimo posto e due ritiri – se pensiamo che Rossi non è mai stato peggio che sesto, è evidente che Vinales patisce molto di più quando la Yamaha non riesce ad essere competitiva ai massimi livelli. In termini numerici, è ancora più imbarazzante la situazione di Jorge Lorenzo, addirittura quattordicesimo con soli 16 punti mentre Marc Marquez è a quota 95 con l’altra Honda ufficiale: Lorenzo naturalmente ha come attenuante i recenti infortuni e l’apprendistato con la nuova moto, ma un undicesimo, due dodicesimi, un tredicesimo posto e un ritiro in cinque gare sono risultati davvero inaccettabili per un grande campione quale è Jorge Lorenzo. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

CLASSIFICA MOTOGP: VERSO IL GP ITALIA AL MUGELLO

Che volto assumerà la classifica MotoGp dopo il Gp Italia 2019 che oggi sarà il sesto atto della stagione sul circuito del Mugello? In vista di questo attesissimo appuntamento, ricordiamo che l’inizio del Mondiale MotoGp è stato all’insegna di Marc Marquez e Andrea Dovizioso, già i principali protagonisti delle ultime due stagioni, che si stanno confermando ancora una volta ai vertici della classifica MotoGp. Dopo le ultime due vittorie consecutive ottenute a Jerez e Le Mans nelle due gare precedenti, Marquez è il leader della classifica Piloti con 95 punti, frutto anche della vittoria di Termas de Rio Hondo e del secondo posto ottenuto nella prima gara in Qatar, un cammino quasi perfetto se non fosse per la caduta di Austin. Dovizioso invece aveva vinto a Losail e poi è stato terzo in Argentina, due volte quarto in America e in Spagna, infine secondo in Francia, di conseguenza in classifica è secondo con 87 punti: il centauro della Ducati dunque è finora riuscito a rimanere in scia a Marquez anche grazie allo zero del rivale sul Circuit of the Americas e adesso potrebbe invece approfittare del Mugello, che potrebbe essere favorevole a Dovizioso e alla Ducati.

CLASSIFICA MOTOGP: GLI INSEGUITORI DI MARQUEZ E DOVIZIOSO

La classifica MotoGp per ora dunque vede Marc Marquez e Andrea Dovizioso come protagonisti assoluti, ma certamente i giochi non sono del tutto chiusi per gli altri, che però avrebbero bisogno di fare un ultimo salto di qualità per pensare di lottare davvero con i primi due della classifica Piloti. In terza posizione con 75 punti troviamo un eccellente Alex Rins, che ha portato la Suzuki alla vittoria ad Austin ma è stato solamente decimo a Le Mans: il problema dunque è la continuità di rendimento su tutte le piste. Valentino Rossi deve invece lottare con una Yamaha alla quale manca ancora qualcosa: due secondi posti, due quinti e un sesto gli hanno portato 72 punti, ritmo buono ma che non basta se si vuole sperare di lottare per il decimo Mondiale in carriera. Dietro al Dottore poi le distanze si fanno sempre più pesanti: buono il quinto posto di Danilo Petrucci, che però con 57 punti è già 30 lunghezze dietro al compagno di squadra Dovizioso, si scende poi ai 42 punti del sesto posto di Jack Miller, ma con lui naturalmente entriamo già nella fascia di piloti che puntano al massimo ad un buon piazzamento nella classifica MotoGp per il Mondiale 2019.

CLASSIFICA MOTOGP (PRIME POSIZIONI)

1. Marc Marquez (Honda) 115
2. Andrea Dovizioso (Ducati) 103
3. Alex Rins (Suzuki) 88
4. Danilo Petrucci (Ducati) 82
5. Valentino Rossi (Yamaha) 72
6. Jack Miller (Ducati) 42
6. Cal Crutchlow (Honda) 42
8. Maverick Vinales (Yamaha) 40
8. Takaaki Nakagami (Honda) 40
10. Pol Espargaro (KTM) 38

© RIPRODUZIONE RISERVATA