CONSUMI/ Il cibo è il terzo pensiero quotidiano, dopo quello sul partner e sul lavoro

- Manuela Falchero

Lo conferma una ricerca di Just Eat e BVA Doxa, che rileva anche come il piatto più desiderato dagli italiani sia la pizza, seguita dai dolci

Tavola Cibo CS1280 640x300

Ben oltre la semplice necessità di mangiare. Il significato del cibo assume oggi una portata ben più vasta, legata alla sua capacità di esaltare i momenti di convivialità. A dirlo sono i risultati di una ricerca condotta da Just Eat in collaborazione con BVA Doxa, che evidenziano come il cibo rappresenti un’idea centrale nella vita degli italiani: l’86% dei nostri connazionali dichiara infatti di pensarci almeno una volta al giorno e il 48% lo posiziona al terzo posto tra i pensieri più frequenti, dopo il proprio partner (50%) e il lavoro (49%), ma prima di momenti di passione (27%) e amici (22%).

Dietro questo risultato, il significato simbolico assunto oggi dal cibo, associato dal 60% del campione al concetto di condivisione. La prova? Il 57% degli intervistati collega il cibo al pranzo in famiglia, il 42% a una cena con gli amici, il 30% ai festeggiamenti per una grande occasione o al raggiungimento di un importante traguardo. 

Ma non è tutto. Il cibo – dice ancora la ricerca – è in grado di sollecitare anche un’ampia gamma di emozioni positive: è capace di suscitare soddisfazione (la pensa così il 56% degli intervistati, soprattutto nella fascia d’età 45-54 anni), appagamento (54%), relax (45%) e felicità (40%). Non stupisce quindi che quasi 2 italiani su 3 seguano almeno un profilo social che pubblica contenuti legati alla tavola. 

Ma quali sono gli alimenti che più animano i pensieri degli italiani? Al vertice della classifica – riporta ancora lo studio – c’è la pizza: sei persone su 10 la desiderano quando sentono di avere fame. Alle sue spalle, seguono rispettivamente i dolci (50%) e i prodotti da forno (42%), mentre in quarta e quinta posizione si trovano pasta (39%) e secondi di pesce (38%). Segna il passo invece l’abbinata hamburger+patatine, che si classifica solo all’ottavo posto, dopo le fritture e i secondi di carne. E non va meglio al nipponico sushi che si posiziona in chiusura della top10, dopo il risotto.

Ma al di là dei singoli gusti – nota la survey -, le scelte degli italiani sono trasversalmente guidate dalla bussola della qualità. E questo, soprattutto, se si guardano i dati rilevati nel periodo post-pandemico: il 32% del campione (40% nel caso della fascia d’età 35-44) afferma infatti di prestare più attenzione a ciò che mangia rispetto a quanto faceva prima dell’arrivo del Covid, il 24% di acquistare più cibo fresco. Non tutto è oro però quel che luccica. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria, forse complice l’aumento del tempo passato in casa – avverte la ricerca -, oltre il 60% degli italiani afferma di consumare cibo più frequentemente rispetto al passato, cadendo in tentazione soprattutto durante la cena, che resta il pasto preferito per un italiano su due. 

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA