AGGIORNAMENTO WHATSAPP/ Ecco lo “Stato”: cosa fare se non funziona? Nascono le “Stories” come su Facebook e Instagram

- La Redazione

Aggiornamento WhatsApp news, lo “Stato” arriva anche in Italia: come le “Storie” di Facebook e Instagram. Le ultime notizie di oggi, 23 febbraio 2017, sull’applicazione di messaggistica

facebookwhatsapp
WhatsApp e Facebook

Cosa fare se l’aggiornamento di WhatsApp previsto per oggi non dovesse funzionare? I motivi possono essere molteplici anche se non sempre sono impossibili da risolvere come spesso riteniamo nella nostra beata ignoranza tecnologica. Se questa sera, termine d’inizio per l’aggiornamento di WhatsApp con annesso nuovo “Stato” – la vera novità dell’anno in casa Facebook – potrete sostanzialmente copiare due operazioni: la prima, molto semplice e banale ma spesso utile, si tratta di spegnere e riaccendere il vostro smartphone. In quel caso se l’aggiornamento dell’app non fosse avvenuto per qualche disguido tecnico, tale operazione dovrebbe sbloccarlo. Se invece l’operazione richiede più “tecnica” del previsto, allora bisognerà usare il caro vecchio metodo dell’aggiornamento “manuale”: si va su iOS e Android, nella sezione degli aggiornamenti e si clicca “Aggiorna” su WhatsApp e il gioco davvero potrebbe essere risolto.

Il nuovo “Stato” di WhatsApp sta facendo impazzire i tantissimi utenti della nota casa messaggistica copiata da Facebook due anni fa. L’aggiornamento è atteso e come avviene per le Stories dei rivali social, la possibilità di aggiornare e seguire lo Status durante il giorno sarà rigorosamente in diretta per non perdere un solo attimo della grande possibilità di “aggiornamento” delle proprie faccende, sempre più social. Se il successo arriverà dovremo aspettare qualche mese in modo che l’abitudine possa entrare nella quotidianità delle persone: intanto, con i numeri che fa WhatsApp ogni anno, si può anche scommettere il buon successo dell’operazione. Ogni giorno vengono inviati 50 miliardi di messaggi su WhatsApp: questo dato comprende più di 3.3 miliardi di foto, 760 milioni di video e 80 milioni di GIFs: insomma, tra questi qualcuno che gradirà lo Status ci sarà sicuramente, che ne dite?

Nuovo aggiornamento per WhatsApp, che presenta un’importante novità: è possibile condividere uno “Stato”, cioè pubblicare foto, video o GIF, decorando il tutto con ticket o disegni, da mostrare ai contatti (o a quelli scelti nella sezione privacy). Si tratta di un aggiornamento che a molti ricorda le Storie di Facebook (introdotte la scorsa settimana) e Instagram, che avevano tra l’altro peso spunto da Snapchat. Lo “Stato” sulla famosa piattaforma di messaggistica istantanea dura 24 ore, poi scompare automaticamente. Avete la possibilità di commentare quelli altrui, ma non potete vedere i commenti degli altri, perché cioè che viene scritto non è altro che un messaggio privato nella chat di chi lo ha pubblicato, che può quindi rispondervi. È probabile che la nuova scheda di WhatsApp non sia accessibile a tutti: il rollout è graduale, quindi abbiate pazienza e poi avrete un’altra piattaforma a disposizione per pubblicare il vostro “Stato”.

La novità dello “Stato” è stata annunciata da WhatsApp, che ha spiegato il motivo che ha spinto la piattaforma di messaggistica istantanea al nuovo aggiornamento. L’azienda, che appartiene a Facebook, in un comunicato stampa ha spiegato che l’applicazione è stata inizialmente lanciata otto anni fa con l’obiettivo di creare una piattaforma di condivisione di aggiornamenti di stato «attraverso cui le persone potevano inserire una breve riga di testo per far sapere ai loro amici quello che stavano facendo». A WhatsApp hanno notato che le persone utilizzavano la funzione per comunicare in tempo reale, da qui l’idea di ridisegnare l’applicazione, rendendola di messaggistica istantanea. Il processo evolutivo non si è arrestato: l’idea di introdurre lo “Stato” nasce dal fatto che le persone usano WhatsApp anche «per far sapere ad amici e persone care cosa stanno facendo, non solo attraverso parole, ma anche tramite foto e video».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori