Cugini di Campagna: “Maneskin? Vestiti palesemente copiati!”/ “Ma noi siamo felici…”

- Alessandro Nidi

I Cugini di Campagna, a Trends&Celebrities, su Rtl 102.5 News, han parlato del caso Maneskin e degli abiti indossati al concerto dei Rolling Stones

Cugini di campagna 640x300
I Cugini di Campagna (Trends&Celebrities, Rtl 102.5 News)

I Cugini di Campagna sono intervenuti in esclusiva ai microfoni di Rtl 102.5 News, nel corso della trasmissione “Trends&Celebrities”, condotta da Francesco Fredella e Simone Palmieri. La puntata di oggi, martedì 9 novembre 2021, ha così consentito a tutti gli ascoltatori e telespettatori di raccogliere per la prima volta in esclusiva dopo il post sui social delle scorse ore le parole della band italiana, in riferimento alla questione Maneskin, accusati di avere copiato i vestiti che indossarono proprio i Cugini negli USA nella loro tournée del 2002.

Ivano Michetti ha dichiarato a nome del gruppo quanto segue: “Siamo felici che i Maneskin si siano ispirati al nostro outfit. Ci fa piacere che abbiano preso spunto da noi, però proprio lo stesso vestito… Questi quattro ‘nipotini’ hanno iniziato a via del Corso a Roma, suonando per strada, e la cosa è molto bella. Ma noi nel 2002 eravamo vestiti così”.

CUGINI DI CAMPAGNA VS MANESKIN: “I NOSTRI FOLLOWER CI HANNO SEGNALATO CHE…”

I Cugini di Campagna, nel prosieguo del loro intervento su Rtl 102.5 News, hanno asserito che, dopo l’esibizione dei Maneskin a Las Vegas in occasione dell’apertura del live dei Rolling Stones, “ci sono pervenuti moltissimi elogi, moltissime parole di amicizia e di assenso per quello che è stato detto e fatto da parte nostra, visto che sono stati gli stessi follower a evidenziare come i costumi fossero identici. Stiamo parlando soltanto di un’immagine, dei vestiti. Non si sta parlando di musica, noi li stimiamo e non li abbiamo mai criticati da un punto di vista professionale”.

Su input del fratello, Ivano Michetti ha quindi concluso parlando ancora degli abiti: “È’ palesemente una copiatura, volevano imitarci. Però, io da nonno dei Maneskin, dico loro di stare attenti, di fare qualcosa, di studiare di più, perché non puoi aprire il concerto dei Rolling Stones cantando una cover… Hanno produttori e designer fantastici e bravissimi, ma serve di più”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA