DANIELE SCARDINA/ “Sono in quarantena da 12 giorni, non vedo l’ora di ballare”

- Alessandro Nidi

Il pugile è intervenuto nel corso della trasmissione “Storie Italiane”, parlando del pestaggio di Colleferro ai danni di Willy Monteiro Duarte

daniele scardina diletta leotta 2019 spy 640x300
Daniele Scardina (foto Spy)

Daniele Scardina è a casa da dodici giorni dopo avere scoperto la propria positività al Coronavirus. La sua ballerina, Anastasia Kuzmina, ha invece già concluso la sua quarantena, alla quale si era sottoposta dopo essere entrata in contatto con il ballerino Samuel Peron. “Non vedo l’ora di iniziare questa sfida – ha raccontato Scardina –. Stiamo provando qualche passo online, a distanza, ma da sportivo ritengo sia giusto dare un po’ di vantaggio ai miei avversari”. Sulla fine del suo rapporto con Diletta Leotta ha preferito non parlare, ma Anastasia Kuzmina ha rivelato di essere single, fra i sorrisi maliziosi della conduttrice Eleonora Daniele e del giudice di “Ballando con le Stelle” Guillermo Mariotto, per poi dire: “Inizieremo con un ballo sensuale e veloce, come piace al giudice Guillermo Mariotto. Non posso però dire di quale ballo si tratta”.

DANIELE SCARDINA: “PREGO AFFINCHÉ IL SIGNORE APRA LE PORTE DEL CIELO A WILLY”

A “Storie Italiane”, la trasmissione di Rai Uno condotta da Eleonora Daniele e in onda dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12, è intervenuto questa mattina Daniele Scardina, pugile ed ex fidanzato della bionda conduttrice sportiva Diletta Leotta. In collegamento video, Scardina è stato interpellato sul caso di Willy Monteiro Duarte, ucciso a Colleferro nelle scorse ore. “Ho visto che questi ragazzi si vantavano di essere combattenti – ha esordito lo sportivo –, ma lo sport è amore, rispetto e disciplina ed è qualcosa che aiuta a crescere. Non va utilizzato per fare violenza e prego per lui, per Willy, affinché il Signore gli apra le porte del cielo“. In merito ai suoi aggressori, Scardina ha dichiarato: “I veri deboli sono loro… Pestare una persona o farle del male non si spiega… Io cercherò di dare il mio esempio positivo a tutte le persone che vogliono intraprendere questo sport e hanno questo sogno. Mi auguro che questa vicenda sia un’occasione per tutti noi per essere più buoni e di dedicarsi e mettere tutto l’amore e la passione per raggiungere il proprio obiettivo”.

DANIELE SCARDINA: “NON HO IL CORONAVIRUS”

Il pugile Daniele Scardina ha poi aggiunto: “Il mio messaggio è di essere disciplinati e di avere tanto amore. Viviamo in un mondo pieno di cattiverie. Prego il Signore affinché possa dare alla famiglia di Willy la forza per superare questa situazione. Lo sportivo nei giorni scorsi ha peraltro rivelato di essersi sottoposto a un primo tampone il 19 agosto scorso, risultando negativo, e di averne eseguito un secondo otto giorni più tardi, come testimoniato sul suo profilo Instagram. “Il 27 agosto ho fatto un altro test risultando positivo. Da quel giorno mi sono isolato e chiuso in casa. Non ho sintomi e sto benissimo. Attendo il prossimo tampone per poter riprendere la mia vita”. L’atleta ha poi chiesto di non dire “falsità. Sono un atleta, una persona responsabile. Purtroppo siamo tutti vulnerabili a questo virus. La cosa giusta sarebbe aiutarsi l’uno con l’altro e non puntare sempre il dito criticando e giudicando le persone. Siate più umani, più buoni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA