Diletta Leotta/ “Fatto carriera perchè avvenente? Studio tanto, stop luoghi comuni”

- Davide Giancristofaro Alberti

Le parole di Diletta Leotta ai microfoni del quotidiano La Verità: “Dazn molto diverso da Sky Sport, Lele Adani? In Sicilia le notizie arrivano tardi…”

Leotta Diletta Lapresse1280 640x300
Diletta Leotta (Lapresse)

Si racconta Diletta Leotta, in vista dell’inizio di una nuova stagione sportiva, e del compleanno importante che l’attende il prossimo 16 agosto, quando festeggerà i 30 anni. Il volto noto di Dazn, che quest’anno sarà affiancata da Giorgia Rossi, ex Mediaset, spiega: «Come sarà la prossima stagione? Molto impegnativa – racconta ai microfoni del quotidiano La Verità – ma abbiamo costruito una grande squadra. In tre anni, Dazn si è affermata come una realtà forte e innovativa e ora si è consolidata con i nuovi acquisti. Siamo prontissimi». Il giornalista le chiede quindi quale siano le principali differenze fra Dazn e Sky: «Un po’ la si è vista in questi tre anni: è un modo di raccontare il calcio più veloce e più giovane, con tanti approfondimenti. Il fulcro di tutto è lo stadio. L’arma vincente di Dazn è portare il telespettatore dentro l’evento, senza troppi filtri». Ma è vero che Lele Adani sbarcherà sulla piattaforma video streaming: «Non ne so nulla – bocca cucita da parte di Diletta Leotta – in Sicilia le notizie arrivano più lente. Comunque, anche a Lele con cui avevo un ottimo rapporto a Sky, auguro tutto il meglio».

Diletta Leotta è stata spesso e volentieri attaccate dalle altre giornalista sportive, ma lei replica con la ‘carota’: «Ho imparato molto da tutte. Anche da altre donne di televisione. Chi fa il mio lavoro è sempre influenzato da chi lo precede. Ilaria è stata la prima a raccontare il calcio in modo diverso. Prima ancora Alba Parietti. Alcune di loro sono delle icone. Un’altra che ha influenzato il nostro lavoro è certamente Raffaella Carrà. Provo a imparare da tutte, ma poi tocca a me fare una sintesi. Lo studio è molto importante – prosegue – lo metto al primo posto. Senza non potrei andare in onda. Sono allenata allo studio accademico, essendomi laureata in giurisprudenza. Preparare la diretta di una partita importante è un po’ come preparare un esame universitario. Questa conoscenza permette una conduzione rilassata perché sai che anche l’imprevisto puoi gestirlo».

DILETTA LEOTTA: “BASTA CON LA COMPETIZIONE FRA DONNE”

Sul fatto che alcune colleghe si riferiscano più al suo aspetto fisico che al suo lavoro, Diletta Leotta aggiunge: «Non lo so. So invece che nelle mie giornate c’è tanto studio. Poi è chiaro che in questo mestiere anche l’estetica conta. È qualcosa a cui tengo. Ma dietro l’involucro c’è molto studio. Non si può fare un’intervista a José Mourinho senza prepararsi a fondo».

E ancora: «Io sono convinta che con Giorgia Rossi e Federica Zille comporremo una squadra di donne molto forte. E mi auguro che sapremo sovvertire alcune vecchie dinamiche sulla continua competizione tra donne nel mondo del lavoro. Un luogo comune nel quale ci si adagia e per il quale alla fine dovrebbe restare solo una vincitrice. Credo – prosegue Diletta Leotta nella sua disamina – che non debba essere così per forza. Nel calcio e altrove più donne possono coesistere. Le donne devono imparare a fare squadra. In questo, possono imparare dagli uomini, tra i quali non ci sono rivalità così accese. E’ un vecchio retaggio duro a morire – conclude – a me piace lanciare messaggi di squadra e di forza comune».



© RIPRODUZIONE RISERVATA