Discesa Beaver Creek cancellata/ Troppo vento: impossibile gareggiare. Il recupero..

- Mauro Mantegazza

Diretta discesa Beaver Creek: cancellata la gara di Coppa del Mondo di sci maschile per troppo vento. Quando verrà recuperata?

Dominik Paris discesa
Diretta discesa: Dominik Paris (Foto repertorio LaPresse)

DIRETTA DISCESA BEAVER CREEK: GARA CANCELLATA!

Nulla da fare dalla pista statunitense: la diretta della discesa maschile da Beaver Creek per la Coppa del mondo di sci è stata alla fine cancellata. Dopo parecchi rinvii decisi dai commissari di gara per il troppo vento che soffiava sulla pista del Colorado, alla fine si è deciso di annullare direttamente la prova, la quarta di questo fine settimana della Coppa in territorio americano.

Un vero peccato certo, ma purtroppo le condizioni si erano fatte davvero proibitive a Beaver Creek: dalle immagini internazionali si nota un fortissimo vento, sopratutto nella parte alta della pista (pure ricordiamo già si prevedeva una partenza ribassata oggi), tanto da quasi piegare gli alberi. Davvero era impossibile gareggiare in sicurezza e di conseguenza non si è potuto far altro che annullare la prova. La delusione degli appassionati è comunque tanta: rimane ora da vedere quando e dove la Fis riuscirà organizzare l‘eventuale recupero di questa discesa della Coppa del  mondo di sci maschile: il calendario, dopo sole poche tappe, pare già oberato e non sarà facile trovare una data libera. (agg Michela Colombo)

IL CALENDARIO

Mentre ci avviciniamo alla diretta della discesa di Beaver Creek, che sarà la seconda libera consecutiva sulla Birds of Prey per causa di forza maggiore (leggi calendario già ingolfato dai recuperi), dobbiamo osservare che le doppiette di discese libere saranno un appuntamento assai frequente nel corso di questa stagione del Circo Bianco.

Fa discutere soprattutto il fatto che raddoppieranno le super-classiche discese di Wengen e Kitzbuhel, in programma sia al venerdì sia al sabato nei due weekend più tradizionali dell’intera Coppa del Mondo di sci, soprattutto a Kitz dove sarà sacrificato il superG che, nel corso degli anni, era diventato un appuntamento a sua volta irrinunciabile, mentre per la combinata di Wengen sono sicuramente in meno a rammaricarsi. Molti hanno detto che il vincitore di Wengen e Kitzbuhel dovrebbe essere uno solo all’anno e che la doppietta toglie un po’ di fascino, inoltre soprattutto sulla Streif fare il bis potrebbe essere molto impegnativo, per il fisico e pure mentalmente. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

DIRETTA DISCESA BEAVER CREEK STREAMING VIDEO TV: COME SEGUIRE LA GARA

La diretta della discesa di Beaver Creek avrà inizio alle ore 20.00 italiane, quando nella località del Colorado saranno le 12.00, considerate le ben otto ore di fuso orario. Diciamo subito che l’appuntamento per tutti gli appassionati sarà in diretta tv sui canali che ormai da molti anni sono i punti di riferimento per lo sci: Rai Sport + HD (canale numero 57 del telecomando, disponibile anche al numero 5057 della piattaforma satellitare Sky) e il canale tematico Eurosport, disponibile anche sulle piattaforme Sky e DAZN.

Se non potrete mettervi davanti a un televisore negli orari della gara, ci saranno anche le possibilità fornite dalla diretta streaming video, gratuita sul sito Internet ufficiale della Rai (www.raiplay.it), oppure riservato agli abbonati per quanto riguarda Eurosport Player e Sky Go. Ricordiamo inoltre la possibilità di seguire il live timing sul sito ufficiale della Federazione internazionale per essere sempre aggiornati su come stanno andando le cose negli Usa (www.fis-ski.com) con i tempi di tutti gli atleti in gara in tempo reale. CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING SU RAIPLAY

QUANTO PESERÀ LA FATICA?

Oggi domenica 5 dicembre la diretta della discesa di Beaver Creek completerà il lunghissimo weekend all’insegna della velocità in Colorado, dove la Coppa del Mondo di sci maschile è protagonista fin da giovedì in una sorta di “compensazione” dopo la forzata assenza del 2020 a causa del Covid. Infatti gli uomini-jet stanno affrontando un programma di gare fittissimo sulla impegnativa pista Birds of Prey. Più passano i giorni e le gare, più la fatica si fa sentire e anche questa potrebbe essere una variabile decisiva per le sorti della seconda e ultima discesa libera a Beaver Creek: oggi ancora più che nei giorni scorsi, chi sa gestire meglio le energie potrebbe essere favorito dato che è la quarta fatica del weekend.

Naturalmente chi ha fatto bene finora sarà in prima linea nel borsino dei favoriti, mentre chi finora non ha convinto del tutto ha l’ultima occasione per raddrizzare giorni già molto importanti per l’intera Coppa del Mondo, dal momento che i punti in palio sono davvero tantissimi. Sperando di vedere in evidenza Dominik Paris e Christof Innerhofer, andiamo a scoprire tutte le informazioni utili per seguire nel migliore dei modi la diretta della discesa di Beaver Creek, atto secondo.

DIRETTA DISCESA BEAVER CREEK: LA BIRDS OF PREY

Con la diretta della discesa di Beaver Creek si completa dunque un weekend che ha permesso di scoprire alla perfezione la pista Birds of Prey anche a chi non avesse mai avuto occasione di sciarvi (per i protagonisti del Circo Bianco) o più semplicemente di guardare le gare in Colorado, se parliamo da telespettatori. Al termine di una settimana che comunque entrerà nella storia per la sua lunghezza, ricordiamo che la pista fu voluta per i Mondiali del 1999 e fu disegnata dallo svizzero Bernhard Russi, che in carriera in discesa vinse un oro (1972) e un argento (1976) olimpico, più un altro oro mondiale nel 1970, due Coppe di specialità nel 1971 e 1972 e nove dei suoi dieci successi in Coppa del Mondo, per poi passare a disegnare tracciati di nuove piste come appunto la Birds of Prey.

Per descriverla in numeri, la Birds of Prey è una pista che, per la discesa di Beaver Creek, parte da ben 3483 metri d’altitudine (una variabile da tenere presente perché nemmeno per lo sci alpino è normale partire così in alto) con arrivo a 2730 metri d’altitudine, dislivello dunque di 753 metri e pendenza massima pari al 63% (la media invece è del 31%). Come si intuisce già dal nome della pista, l’omaggio va agli uccelli rapaci del Nord America, ai quali sono dedicati anche i salti che si incontrano lungo il percorso: Peregrine, Goshawk, Screech Owl, Golden Eagle, Harrier e Red Tail. Adesso però dobbiamo solo aspettare che i campioni si buttino ancora una volta su questa pista…

© RIPRODUZIONE RISERVATA