DIRETTA/ Manchester United Inter (risultato finale 1-0) SI video: la decide Greenwood

- Claudio Franceschini

Diretta Manchester United Inter streaming video Sportitalia: grandi occasioni in campo, risultato live. Cronaca del big match a Singapore (International Champions Cup 2019).

De Vrij Inter impostazione lapresse 2019
Probabili formazioni Bologna Inter (Foto LaPresse)

DIRETTA MANCHESTER UNITED INTER (RISULTATO FINALE 1-0): LA DECIDE GREENWOOD!

L’Inter insiste anche nel finale di gara, provando ad accelerare l’esecuzione e intensificando la manovra. Il Manchester United si limita a difendersi, mentre il direttore di gara concede quattro minuti di recupero. Proprio durante i minuti di recupero il Manchester United guadagna ulteriore tempo prezioso con l’uscita di Chong, che abbandona il terreno di gioco per un problema muscolare. Lo stesso Chong aveva creato grossi problemi al centrocampo nerazzurro, mettendo in difficoltà l’Inter soprattutto per vie verticali. La squadra di Antonio Conte prova ad affollare la metà campo inglese ma le energie scarseggiano, così come il tempo che scade definitivamente al 94esimo. Al triplice fischio dell’arbitro sorride dunque il Manchester United. Inter sconfitto di misura per una rete a zero. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

GOL GREENWOOD!

Al sessantanovesimo minuto della diretta De Vrij salva l’Inter respingendo in chiusura un potenziale pericolo. Il gol del Manchester United, però, è nell’arria e arriva al settantaseiesimo minuto grazie ad una bella giocata di Greenwood. Il giovane talento dello United concretizza al meglio una respinta non troppo precisa da parte di Handanovic sulla giocata di Young. Il portiere dei nerazzurri respinge sui piedi del suo avversario che insacca all’angolino con una giocata ben calibrata. Al settantanovesimo ancora Manchester United ad un passo dal gol, con Chong che suggerisce per Greenwood, il cui tentativo al volo col destro si spegne sulla parte alta della traversa. Mancano pochi minuti al termine della gara, l’Inter è crollata dopo aver tenuto testa allo United per un’ora abbondante di gioco… (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

INIZIO SECONDO TEMPO!

Riparte il secondo tempo di Inter Manchester United e il risultato è sempre inchiodato sullo zero a zero. Mister Conte ha inserito Ivan Perisic al posto di Longo durante l’intervallo. Primo squillo della ripresa al quarantanovesimo con D’Ambrosio che salva l’Inter sulla linea di porta su un tiro ad incrociare di Lingard. Poco dopo legno del Manchester sul colpo di testa di Matic sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il Manchester United preme e con Pogba mette in crisi la difesa nerazzurra, costantemente sotto pressione in questo secondo tempo. I meneghini si riaffacciano sul fronte offensivo al cinquantatreesimo con un corner di D’Ambrosio che viene sventato dalla retroguardia inglese nella propria area. Poi il cambio Jones per Lindelof in casa United, che continua a prendere campo e a mettere in difficoltà la formazione di Conte. L’Inter sembra iniziare ad accusare un calo fisico, vedremo se il Manchester United sarà in grado di approfittarne… (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

INTERVALLO: RISULTATO MANCHESTER UNITED INTER 0-0

Al ventottesimo minuto Rashford chiama alla parata Handanovic con un tiro di potenza. Poco dopo clamorosa occasione per lo United, con Handanovic scavalcato dal traversone di Shaw sul quale però non interviene alcun compagno. Gli inglesi accelerano ancora e al trentasettesimo ci prova con un destro di James, che rotola oltre la linea di fondo. La reazione dell’Inter si intravede nei minuti successivi con un tentativo da parte di D’Ambrosio che non trova lo specchio. Sugli svuluppi di un calcio d’angolo ancora D’Ambrosio prova a pungere in inserimento, molto bene la difesa dello United a sventare. Le ultime due chance capitano sui piedi di Martial, che si fa ipnotizzare da Handanovic al quarantaduesimo. Poi la percussione della squadra di Conte, con una fiammata in velocità che non scalfisce la ferrea difesa del Manchester. Fine del primo tempo ed intervallo. Tra poco di nuovo in campo per vivere il secondo tempo. Si ripartirà ovviamente dal risultato di zero a zero. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

SPINTA INGLESE!

E’ cominciata da oltre un quarto d’ora la diretta di Inter Manchester United. Subito in possesso palla la formazione di Antonio Conte, che al 4′ rischia sulla conclusione di Martial che Handanovic accompagna fuori dallo specchio della porta. La compagine interista prova a reagire e a lo fa con Dalbert, il cui affondo viene prontamente arginato dalla retroguardia britannica. Si fa rivedere l’Inter con Esposito, che però non trova varchi sulla corsia destra. Nuova potenziale chance per il Manchester che al tredicesimo spaventa l’Inter con una ripartenza velocissima. Bravissimo, in questo caso, D’Ambrosio ad intervenire su Rashford, respingendo la sua conclusione. Al quindicesimo ci prova Shaw dai venticinque metri, con una botta che si spegne oltre la linea di fondo. Longo, intanto, conquista un fallo dopo un contrasto duro con Pogba e permette ai nerazzurri di tornare a respirare. Sempre zero a zero il risultato tra Inter Manchester United… (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

MANCHESTER UNITED INTER FORMAZIONI UFFICIALI!

Finalmente Manchester United Inter sta per cominciare: anche lo scorso anno le due squadre avevano disputato la International Champions Cup, che era stata decisamente positiva per i nerazzurri. Allenata da Luciano Spalletti, l’Inter aveva perso ai rigori contro il Chelsea (1-1 nei 90 minuti, gol di Roberto Gagliardini), poi due reti di Lautaro Martinez avevano regolato Lione e Atletico Madrid. I Red Devils avevano giocato tre partite allo stesso modo, vincendo ai rigori contro il Milan (rete di Alexis Sanchez nei regolamentari) e battendo il Real Madrid per 2-1 grazie al Nino Maravilla e Ander Herrera, ma perdendo in maniera netta contro il Liverpool (1-4, a segno Andreas Pereira). Vedremo adesso come andranno le cose in questo esordio a Singapore, ricordando che l’Inter sempre qui sfiderà la Juventus e poi sarà a Londra, già in agosto, per affrontare il Tottenham: mettiamoci comodi e lasciamo che a parlare siano il terreno di gioco e le due squadre che lo stanno per calcare, tra pochi minuti la diretta di Inter Manchester United prende il via! FORMAZIONI UFFICIALIMANCHESTER UNITED: 1 De Gea; 29 Wan-Bissaka, 2 Lindelof, 38 Tuanzebe, 23 Shaw; 14 Lingard, 31 Matic, 6 Pogba; 21 James, 10 Rashford, 11 Martial. A disposizione: 22 Romero, 40 Pereira, 3 Bailly, 4 Jones, 8 Mata, 12 Smalling, 15 Andreas Pereira, 16 Rojo, 17 Fred, 18 Young, 20 Diogo Dalot, 26 Greenwood, 28 Gomes, 36 Darmian, 37 Garner, 39 McTominay, 44 Chong. Allenatore: Ole Gunnar Solskjær. INTER: 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 6 De Vrij, 37 Skriniar; 87 Candreva, 5 Gagliardini, 77 Brozovic, 12 Sensi, 29 Dalbert; 70 Esposito, 21 Longo. A disposizione: 27 Padelli, 46 Berni, 13 Ranocchia, 15 Joao Mario, 20 Borja Valero, 24 Barella, 44 Perisic, 72 Colidio, 73 Agoumé, 95 Bastoni, 96 Ntube, 98 Pirola, 99 Vergani. Allenatore: Antonio Conte. (Agg. di Claudio Franceschini)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE MANCHESTER UNITED INTER

La International Champions Cup 2019 è trasmessa in diretta tv su Sportitalia, e dunque anche Inter Manchester United si potrà seguire su questo canale: oggi l’emittente è disponibile soltanto al numero 60 del vostro televisore essendo stata tolta dal satellite, ma eventualmente la partita si potrà seguire anche in diretta streaming video sul sito www.sportitalia.com, utilizzando come sempre dispositivi mobili quali PC, tablet o smartphone.

I NUOVI RED DEVILS

Inter Manchester United rappresenta anche una bella occasione per vedere all’opera una delle squadre più competitive in Europa, o se non altro una realtà blasonata che dopo l’addio di Sir Alex Ferguson ha calato parecchio nel rendimento, ma sta provando a tornare tra le grandi. A oggi, i Red Devils sono rimasti silenti in tema di calciomercato: la sensazione è che aspettino cessioni pesanti ma redditizie – e dunque innanzitutto Paul Pogba e Romelu Lukaku – per poi acquistare. Per ora i volti nuovi sono quelli del terzino destro Aaron Wan-Bissaka, arrivato dal Crystal Palace, e dell’esterno offensivo Daniel James reduce da una buona stagione con lo Swansea, nel Championship. Due giovani (entrambi classe ’97) che verosimilmente faticheranno a trovare spazio nello scacchiere tattico di Ole Gunnar Solskjaer; per i grandi botti, quelli cui il Manchester United ci ha abituati nel passato anche recente, bisognerà appunto aspettare e tra questi potrebbe esserci anche Sergej Milinkovic-Savic, sempre seguito dalla società inglese che potrebbe affiancarlo al connazionale Nemanja Matic. (agg. di Claudio Franceschini)

I GRANDI ASSENTI

Inter Manchester United si giocherà senza alcuni protagonisti nerazzurri: innanzitutto Mauro Icardi, la cui situazione è ancora in bilico per quanto riguarda la destinazione futura ma appare certa circa il fatto che Antonio Conte non lo consideri per la prossima stagione, tanto da lasciarlo a casa. Ha invece raggiunto i compagni Radja Nainggolan, ma anche il Ninja sembra essere in uscita dalla rosa dell’Inter e dunque sarà comunque ai margini; assente per infortunio Matteo Politano che con Conte potrebbe esaltarsi in un ruolo a tutta fascia, confermando quanto di buono aveva fatto vedere lo scorso anno. Infine, mancherà Diego Godin: c’è grande attesa per vedere all’opera il centrale uruguaiano che però, reduce dalla Copa America (come Matias Vecino, lui però già aggregato al gruppo), raggiungerà i nuovi compagni soltanto quando l’Inter si sposterà a Nanchino, e dunque salterà anche l’amichevole di cartello contro la Juventus che anticiperà uno dei grandi temi della prossima Serie A. (agg. di Claudio Franceschini)

TESTA A TESTA

Nei quattro precedenti ufficiali di Inter Manchester United, i nerazzurri non hanno mai vinto: due volte le squadre si sono incrociate in Champions League, due volte i Red Devils hanno avuto la meglio con una vittoria e un pareggio. Nel 1999 eravamo ai quarti di finale: a Old Trafford decise la doppietta di Dwight Yorke, a San Siro Paul Scholes rispose a Nicola Ventola e quella squadra avrebbe poi vinto la competizione, nella pazza finale di Barcellona contro il Bayern Monaco. Dieci anni più tardi, Manchester United e Inter nuovamente avversari: stavolta agli ottavi con pareggio senza reti nell’andata disputata a Milano. Al ritorno però fu un altro 2-0 per la squadra di Sir Alex Ferguson, trascinata da due colpi di testa di Nemanja Vidic (poi passato all’Inter) e Cristiano Ronaldo: anche in quell’occasione lo United avrebbe raggiunto la finale, ma questa volta l’avrebbe persa all’Olimpico di Roma contro il Barcellona. Da ricordare anche lo 0-0 di Landover nel luglio 2014, proprio nella International Champions Cup: ai rigori fu decisivo l’errore di Marco Andreolli. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Inter Manchester United, in programma alle ore 13:30 italiane di sabato 20 luglio, si gioca presso lo stadio Nazionale di Singapore: i nerazzurri fanno il loro esordio nella International Champions Cup 2019, la competizione che riunisce alcune delle grandi squadre europee in una formula che prevede un girone all’italiana “parziale”, nel senso che non tutte le formazioni giocano una contro l’altra. Per i nerazzurri, non nuovi a questo torneo (giocato per esempio lo scorso anno), è la seconda amichevole estiva: l’avventura di Antonio Conte è iniziata per il momento in punta di piedi, nella sua prima uscita la squadra ha battuto di misura il Lugano e adesso si lancia in sfide decisamente più ostiche, perchè in questa International Champions Cup 2019 il livello si alza e il Manchester United ha tanta voglia e fretta di tornare ai fasti del passato, dopo aver raggiunto i quarti di Champions League. Vediamo allora quali potrebbero essere le scelte dei due allenatori nelle probabili formazioni della partita, mentre aspettiamo che prenda il via la diretta di Manchester United Inter.

PROBABILI FORMAZIONI INTER MANCHESTER UNITED

InInter Manchester United dovremmo vedere la formazione migliore possibile, almeno rispetto a quelli che sono i convocati per la tournée: per esempio non c’è ancora Godin, e allora in difesa dovremmo vedere nuovamente la difesa a tre, davanti ad Handanovic, con De Vrij e Skriniar mentre Ranocchia fa concorrenza a D’Ambrosio, che può giocare largo a destra mandando Lazaro dall’altra parte. In mezzo avremo Gagliardini con Brozovic e Sensi perchè Vecino si è appena aggregato al gruppo; davanti potrebbe esserci nuovamente spazio per Esposito e Longo, ma non è da escludere la presenza di Perisic qualche passo più avanti. Il Manchester United potrebbe presentarsi in campo con il rombo di centrocampo: in porta va De Gea, difesa con Lindelof e Bailly centrali mentre sugli esterni potrebbero giocare Darmian, appena aggregato al gruppo, e Luke Shaw. I due punti di domanda sono ovviamente Pogba e Lukaku, quest’ultimo per di più in trattativa con l’Inter: possibile che Ole Gunnar Solskjaer lasci fuori il belga – dunque dentro Rashford e Martial – facendo però giocare il Polpo, che in mediana potrebbe agire con Matic e Fred (o McTominay). Sulla trequarti Lingard o Andreas Pereira, ma le soluzioni possibili non sono poche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA