DIRETTA SLALOM KITZBUHEL/ Vince Daniel Yule: a podio Schwarz e Noel, Razzoli sesto

- Mauro Mantegazza

Diretta slalom Kitzbuhel streaming video Rai: è Daniel Yule a vincere nella prova Coppa del Mondo di sci: Schwarz e Noel a podio con l’austriaco.

Noel slalom
Diretta slalom: Clement Noel a Kitzbuhel 2019 (LaPresse)

E’ Daniel Yule a trionfare nella prova dello slalom di Kitzbuhel per la Coppa del mondo di sci! Dopo essere stato beffato all’ultimo nella prima manche, nella seconda prova lo svizzero rischia tantissimo ma trova la vittoria finale, mettendo a tabella il crono di 50,68 nella seconda manche e il complessivo di 1.41.50. Salgono quindi sul podio finale della famosissima gara austriaca anche il padrone di casa Marco Schwarz e il francese Clement Noel, mentre si deve accontentare del quarto posto e della medaglia di legno il norvegese Lucas Braathen, che a sorpresa aveva chiuso la prima manche in testa. Il giovane talento classe 2000 pur spingendo al massimo tra i pali di Kitzbuhel, alla fine ha dovuto arrendersi allo strapotere di Yule, impeccabile, al contrario del norvegese, specialmente nella parte bassa del tracciato. Segnaliamo che hanno invece chiudo la top ten dello slalom di Kitzbuhel di fila Kristoffersen, Matt, il nostro Giuliano Razzoli (settimo a +0,53), Pertl, Scmidiger e Foss Solevaag. Per gli azzurri segnaliamo inoltre il 14^ posto di Vinatzer e il 21^ piazzamento di Maurberger. (agg Michela Colombo)

AL VIA LA SECONDA MANCHE

Stiamo aspettando di dare spazio alla diretta della seconda e decisiva manche dello slalom di Kitzbuhel: il momento dunque è ideale per fare un tuffo nel passato di questa gara valida per la Coppa del Mondo di sci. Come per la discesa, qui si respira la storia dello sci, perché a Kitzbuhel si gareggia dal 1931, anno della prima edizione del trofeo dell’Hahnenkamm. Ad esempio, citiamo il successo di Toni Sailer nel 1956, anno in cui egli vinse anche tre medaglie d’oro alle Olimpiadi di Cortina. In seguito ci fu un periodo di dominio francese, in particolare grazie alle tre vittorie di Jean-Claude Killy e ai quattro successi di Jean-Noel Augert. Nel 1975 ecco la vittoria di Piero Gros, poi iniziò l’epoca di Ingemar Stenmark, che ottenne cinque vittorie fra il 1976 e il 1983. Tre volte ha vinto in slalom Marc Girardelli, due invece i successi del nostro Alberto Tomba, nel 1992 e nel 1995. Da circa 20 anni a questa parte d’altronde nessun slalomista è mai riuscito a vincere più di due volte a Kitzbuhel: a quota due troviamo gli austriaci Thomas Stangassinger, Thomas Sykora e l’ormai grande ex Marcel Hirscher, il finlandese Kalle Palander, lo svedese Jens Byggmark, il francese Jean-Baptiste Grange, il tedesco Felix Neureuther e il norvegese Henrik Kristoffersen, infine ricordiamo che il vincitore dell’ultima edizione è l’astro nascente transalpino Clement Noel, che tenta addirittura la seconda doppietta consecutiva Wengen-Kitzbuhel. Ricordiamo infine con piacere che nel 2012 vinse il nostro Cristian Deville. Ora parola alla pista: si comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LO SLALOM DI KITZBUHEL

La diretta della prima manche dello slalom di Kitzbuhel avrà inizio alle ore 10.30, mentre il via alla seconda manche è in programma per le ore 13.30. Diciamo subito che l’appuntamento per tutti gli appassionati sarà in diretta tv sui canali che ormai da molti anni sono i punti di riferimento per lo sci: Rai Sport + HD (canale numero 57 del telecomando, disponibile anche al numero 5057 della piattaforma satellitare Sky) e il canale tematico Eurosport, disponibile anche sulle piattaforme Sky e DAZN. Se non potrete mettervi davanti a un televisore negli orari della gara, ci saranno anche le possibilità fornite dalla diretta streaming video, gratuita sul sito Internet ufficiale della Rai (www.raiplay.it), oppure riservato agli abbonati per quanto riguarda Eurosport Player e Sky Go. Ricordiamo inoltre la possibilità di seguire il live timing sul sito ufficiale della Federazione internazionale per essere sempre aggiornati su come stanno andando le cose a Kitzbuhel (www.fis-ski.com) con i tempi di tutti gli atleti in gara in tempo reale. CLICCA QUI PER LO STREAMING SU RAIPLAY

BRAATHEN VOLA IN TESTA

Si avvia al termine la diretta della prima manche dello slalom di Kitzbuhel, eppure è stato proprio nel finale, quando stavano scendendo dal cancelletto della pista austriaca gli atleti dai pettorali più alti ,che è arrivato il vero colpo di scena di questa prova per la Coppa del mondo di sci maschile. Pur partito col pettorale numero 34, il giovane talento norvegese Lucas Braathen ha davvero sorpreso tutti riuscendo a dominare la Ganslern e realizzando davvero la manche della vita, chiusa con il primissimo tempo di 50,49, con un gap di +0,33 dal vecchio leader della gara, Daniel Yuel. La classifica generale al termine della prima manche dello slalom di Kitzbuhel dunque cambia nel finale, con il primo posto del norvegese Braathen, seguito a podio da Yule e Matt: nella top ten invece troviamo Schwarz, Pinturault, l’azzurro Vinatzer, Tremmel (partito con il pettorale numero 50 oggi), Kristoffersen, Nole e Nef, decimo a +0,80 dalla vetta. Segnaliamo poi anche l’11^ piazzamento dell’altro italiano Razzoli e la 28^ piazza di Maurberger. (agg Michela Colombo)

YULE IN TESTA

Siamo nel vivo della diretta della prima manche dello slalom di Kitzbuhel, prova tra le più attese della Coppa del mondo di sci maschile e già i primi venti atleti si sono presentati al cancelletto della pista austriaca. Dobbiamo allora segnalare subito l’ottima prova tra i pali dello svizzero Daniel Yule, che ha chiuso la sua prima manche con il tempo di 50.82: secondo a soli 9 centesimi di secondo l’austriaco Michael Matt, mentre il podio viene ora completato dal connazionale Marco Schwarz. Sono invece per ora protagonista nella top ten della classifica geraniale della prova di Kitzbuhel Pinturault, l’azzurro Vinatzer (a +0,33 dal leader Yule), Kristoffersen, Noel, Grange e Zenhausern. Molto però potrebbe ancora accadere in questa prima manche, davvero molto combattuta: basti pensare che al momento sono ben in 14 in appena un secondo dalla vetta della graduatoria. (agg Michela Colombo)

COMINCIA LA PRIMA MANCHE

Ci siamo: sta per cominciare lo slalom di Kitzbuhel e fra poco andremo dunque in pista sulla Ganslern per la prima manche della gara che completa il weekend più affascinante dell’anno. Ci resta comunque il tempo per fare il punto sull’incertissima Coppa di slalom, nella quale si cerca l’erede di Marcel Hirscher. I candidati più autorevoli sono tre: Henrik Kristoffersen resta lo slalomista più regolare e grazie a questa sua qualità il norvegese guida la classifica di specialità con 402 punti davanti a Clement Noel e Daniel Yule. Il francese ha 340 punti, seguito da vicino dallo svizzero che è terzo a quota 335, dunque in 67 punti sono racchiuse le prime tre posizioni della Coppa di slalom. Con sei gare ancora da disputare fra i pali stretti (compresa quella di oggi) naturalmente non sono ancora del tutto tagliati fuori gli inseguitori, a cominciare dall’altro svizzero Ramon Zenhaeusern che è quarto a quota 225 punti, tuttavia è chiaro che scavalcare ben tre eccelsi slalomisti non sarà affatto facile per chi insegue il terzetto in fuga. Adesso però basta numeri: parola alla pista e al cronometro, la prima manche dello slalom di Kitzbuhel comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

PRESENTAZIONE DELLA GARA

Con la diretta dello slalom di Kitzbuhel si completa il weekend più celebre della stagione della Coppa del Mondo di sci. Ieri c’è stato l’appuntamento con la discesa sulla Streif, la gara più attesa dell’anno, oggi naturalmente tocca allo slalom. Anche tra i pali stretti l’attesa è grande, perché pure quando si parla di slalom quella di Kitzbuhel è una grande classica che tutti i campioni vogliono vincere almeno una volta nella propria carriera domando la pista Ganslern, dove si disputano gare fin dall’ormai lontanissimo 1931 per completare il leggendario trofeo dell’Hahnenkamm. Inoltre il mese di gennaio è ricchissimo di appuntamenti affascinanti per gli slalomisti: siamo reduci da Wengen, fra due giorni si andrà a Schladming, ma per il momento naturalmente tutta l’attenzione degli specialisti dei pali stretti si concentra su Kitzbuhel, dove in particolare Clement Noel potrebbe scrivere una pagina di storia, come spiegheremo meglio fra poco. Ecco allora subito tutte le indicazioni utili per seguire la diretta dello slalom di Kitzbuhel.

DIRETTA SLALOM KITZBUHEL: FAVORITI E AZZURRI

Come abbiamo già accennato, i nomi più attesi verso la diretta dello slalom di Kitzbuhel sono tanti e in copertina ci sembra giusto metterne almeno tre. Cominciamo da Henrik Kristoffersen, perché il norvegese è leader della Coppa di slalom e anche uno dei principali indiziati per la Coppa generale, anche se ultimamente in slalom sembra essere abbonato ai secondi posti, perché le vittorie nelle precedenti quattro gare di gennaio fra i pali stretti sono state suddivise fra Clement Noel e Daniel Yule. Il francese si merita una citazione di spicco in quanto vincitore di Kitzbuhel un anno fa, quando fece doppietta con Wengen: in questa stagione Noel ha di nuovo vinto in Svizzera, punta dunque a una seconda doppietta consecutiva che farebbe la storia. Il francese rampante inoltre aveva già vinto a Zagabria, mentre a Madonna di Campiglio e Adelboden c’era stata gloria per Yule. L’elenco dei possibili protagonisti comunque è lungo: da Alexis Pinturault che deve riscattare lo ‘zero’ di Wengen all’altro svizzero Ramon Zenhaeusern, poi il norvegese Sebastian Foss-Solevaag, l’austriaco Marco Schwarz, lo svedese Andre Myhrer e magari pure il redivivo russo Alexander Khoroshilov. Anche gli azzurri però possono provare ad inserirsi, in particolare il giovane Alex Vinatzer, grande talento fra i pali stretti e già sul podio a Zagabria, a patto che limiti gli errori perché ad Adelboden e Wengen ha rovinato due gare potenzialmente molto buone inforcando in entrambi i casi. Sul podio in stagione è salito anche Stefano Gross in Val d’Isere e ci sta piacendo anche la crescita di Simon Maurberger, inoltre a Wengen si è rivisto bene pure Giuliano Razzoli, dunque non manca l’ottimismo anche se recitiamo comunque da outsider perché i principali favoriti sono altri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA