DIRETTA/ Torino Sassuolo (risultato finale 2-1): Decide la doppietta di Zaza!

- Claudio Franceschini

Diretta Torino Sassuolo streaming video e tv: risultato del match nella 1^ giornata di Serie A. Granata in campo con Belotti titolare.

Belotti Consigli Torino Sassuolo lapresse 2019
Diretta Torino Sassuolo, Serie A 1^ giornata (Foto LaPresse)

DIRETTA TORINO SASSUOLO (2-1) TRIPLICE FISCHIO

Allo Stadio Olimpico Grante Torino il Torino batte il Sassuolo per 2 a 1. Nel primo tempo i granata passano in vantaggio al 14′ grazie al colpo di testa di Zaza su assist di Ansaldi. I padroni di casa si vedono poi annullare una rete dal VAR per fuorigioco di Lukic ad inizio secondo tempo ma, al 55′, Zaza realizza la doppietta personale con l’aiuto di Belotti. Inutile il gol di Caputo ad accorciare le distanze per i neroverdi al 69′. I 3 punti guadagnati oggi consentono al Torino di portarsi a quota 3 in classifica mentre il Sassuolo rimane fermo a quota zero. (cronaca Alessandro Rinoldi)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Torino Sassuolo sarà un’esclusiva riservata agli abbonati della televisione satellitare: i canali cui fare riferimento in questo caso sono quelli di Sky Sport relativi al pacchetto Calcio (servirà una sottoscrizione specifica), in alternativa come sempre sarà possibile seguire la partita anche su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone grazie al servizio di diretta streaming video mediante l’applicazione Sky Go, che non comporta costi aggiuntivi.

E’ INIZIATA LA RIPRESA

Giunti al cinquantacinquesimo minuto, il risultato tra Torino e Sassuolo è cambiato nuovamente ed è ora di 2 a 0. In queste prime battute del secondo tempo, iniziato con gli ingressi rispettivamente di Aina per De Silvestri da un lato e Peluso per Rogerio dall’altro, i padroni di casa continuano a macinare gioco e si vedono annullare dal VAR il possibile raddoppio di Zaza al 50′, vanificando anche l’assist di Lukic. Gli ospiti replicano al 53′ con il tentativo da centrocampo del solito Bourabia, disinnescato con qualche apprensione da Sirigu, bravo invece a respingere il colpo di testa di Obiang al 54′. Ci pensa quindi lo stesso Zaza ad andare in rete per i suoi al 55′, su assist di Belotti.

FINE PRIMO TEMPO

Al termine dei primi quarantacinque minuti di gioco le formazioni di Torino e Sassuolo sono da poco rientrate negli spogliatoi per l’intervallo sull’1 a 0. I padroni di casa, dopo aver trovato il gol del vantaggio intorno al quarto d’ora, sfiorano il raddoppio in un paio di occasione con De Silvestri sia al 32′ che al 43′. Nell’ultima parte della frazione crescono invece i neroverdi, pericolosi in zona offensiva con Caputo al 44′ e, nel recupero, al 45’+2′ con Boga. Il secondo tempo si preannuncia decisamente combattuto. Il direttore di gara ha inoltre ammonito anche Bremer nel Torino e Bourabia nel Sassuolo.

SCOCCA LA MEZZ’ORA

Arrivati alla mezz’ora del primo tempo, il punteggio tra Torino e Sassuolo è cambiato ed è di 1 a 0. Gli sforzi effettuati dalla compagine grana già in avvio vengono premiati al 14′ dalla rete segnata dal solito Zaza, autore di un bel colpo di testa sfruttando il cross da parte di Ansaldi. Gli emiliani provano quindi a reagire fallendo un’occasione con Ferrari al 19′ mentre l’arbitro ha ammonito finora rispettivamente Ansaldi da un lato e Marlon, in precedenza, dall’altro.

FASE INIZIALE DEL MATCH

In Piemonte la partita tra Torino e Sassuolo è cominciata da una decina di minuti nel primo tempo ed il risultato è di 0 a 0. Nelle fasi iniziali dell’incontro sono i padroni di casa a cercare di prendere in mano il controllo della situazione spingendosi con insistenza in zona offensiva ma rendendosi realmente pericolosi soltanto al 10′, quando la conclusione di Zaza viene respinta dalla difesa ospite. I neroverdi faticano a costruire e tentano di partire in contropiede con poco successo.

FORMAZIONI UFFICIALI

La diretta di Torino Sassuolo, che sta per avere inizio in terra piemontese, mette a confronto due allenatori che sono stati confermati sulle rispettive panchine: da una parte Walter Mazzarri, dall’altra Roberto De Zerbi. Il toscano ha portato un’altra squadra in Europa dopo esserci riuscito con Sampdoria, Inter e Napoli: certo i granata sono agli spareggi di Europa League grazie alla rinuncia del Milan, resta il fatto che si tratta del quarto club con il quale Mazzarri respira aria internazionale e lo può fare in virtù di un bellissimo campionato che ora proverà a confermare, rigorosamente con la difesa a tre e il supporto delle corsie esterne. De Zerbi è uno dei giovani allenatori che più si sono fatti notare: già a Benevento, nonostante la retrocessione, aveva mostrato carattere e sfrontatezza nel proporre un calcio offensivo che ha poi ripetuto con il Sassuolo, avendo a disposizione una rosa più competitiva. Il salto di qualità potrebbe prevedere una corsa per l’Europa, a patto che il cammino dei neroverdi nell’arco di questa Serie A sia più costante rispetto all’ultimo campionato: di sicuro De Zerbi è un tecnico da tenere d’occhio, e che tra poco potrebbe anche finire in una big (già in estate è sembrato essere vicino alla Roma). Ora però dobbiamo dare la parola al campo, si gioca! TORINO (3-4-1-2): Sirigu; Izzo, Bremer, Bonifazi; De Silvestri, Baselli, Rincon, Lukic, Ansaldi; Zaza, Belotti. All. Mazzarri SASSUOLO (4-3-1-2): Consigli; Toljan, Marlon, Ferrari, Rogerio; Bourabia, Obiang, Locatelli; Traoré; Caputo, Boga. All. De Zerbi (agg. di Claudio Franceschini)

LA STORIA

Ci avviciniamo a grandi passi a Torino Sassuolo: da quando le due squadre sono avversarie in Serie A i granata hanno portato a casa cinque vittorie, mentre i neroverdi sono riusciti a vincere soltanto due volte. In entrambi i casi però si è trattato di successi esterni: il primo, datato novembre 2014, è arrivato grazie al gol realizzato nel finale da Antonio Floro Flores mentre il secondo, nell’aprile 2016, ha portato le firme di Nicola Sansone, Federico Peluso e Marcello Trotta con il temporaneo pareggio di Bruno Peres. Da ricordare che Torino Sassuolo aveva rappresentato la prima giornata proprio in quel 2013, e dunque il Sassuolo aveva fatto l’esordio assoluto in Serie A proprio su questo campo: il 2-0 dei granata era stato deciso da Matteo Brighi e Alessio Cerci, curiosamente la squadra di Giampiero Ventura aveva ripetuto l’esatto risultato al ritorno trovando le marcature di Ciro Immobile e ancora Brighi, che non aveva più segnato dalla prima del torneo. (agg. di Claudio Franceschini)

DIRETTA TORINO SASSUOLO: ARBITRA MARIANI

La diretta di Serie A Torino Sassuolo è stata assegnata all’arbitro Maurizio Mariani, della sezione di Aprilia: con lui oggi nel primo turno di campionato vedremo in campo anche gli assistenti Antonino Santoro della sezione di Catania e Giovanni Baccini della sezione di Conegliano, mentre il IV ufficiale di gara sarà Davide Ghersini della sezione di Genova. L’assistente Var sarà Rosario Abisso e il vice assistente Salvatore Longo. Fissando ora la nostra attenzione sul primo direttore di gara, dati alla mano, notiamo che in carriera Mariani ha messo a tabella complessivamente 70 presenze in serie A con 344 ammonizioni, 13 doppie ammonizioni, 13 espulsioni e 25 rigori assegnati. Va quindi aggiunto che registriamo ben 16 precedenti tra il direttore di gara e il Torino (sotto la cui direzione ha vinto 10 incontri): invece sono 8 i testa testa segnati tra Mariani e il Sassuolo, di cui solo tre vincenti per i neroverdi.

ORARIO E PRESENTAZIONE DEL MATCH

Torino Sassuolo si gioca alle ore 20:45 di domenica 25 agosto, ed è valida per la prima giornata della Serie A 2019-2020: bello spettacolo nell’esordio delle due squadre, che hanno confermato i loro allenatori e proveranno a migliorare quanto fatto nella passata stagione. Per i granata vorrebbe dire centrare sul campo la qualificazione in Europa League, della quale stanno ultimando in questi giorni i turni preliminari per accedere alla fase a gironi; Walter Mazzarri ha lavorato bene con la società piemontese e sa di poter fare ancora meglio, lo stesso si può dire di un Roberto De Zerbi in grande crescita, uno dei migliori allenatori emergenti che però dovrà provare ad avere un passo più costante nell’arco del suo campionato, e cercherà di non far pesare troppo le cessioni illustri operate in estate; ora vedremo come andranno le cose nella diretta di Torino Sassuolo, aspettando il calcio d’inizio possiamo fare una breve analisi sulle possibili scelte da parte dei due allenatori in materia di probabili formazioni.

PROBABILI FORMAZIONI TORINO SASSUOLO

Nelle probabili formazioni di Torino Sassuolo scopriamo, come già visto in Europa, che i granata si affidano alle stesse scelte dello scorso anno: è rientrato Bremer che si piazza in difesa con Izzo e Nkoulou (davanti a Sirigu), per il resto Mazzarri punta sull’usato sicuro: De Silvestri e Ansaldi favoriti per le corsie laterali . ma attenzione a Ola Aina, che è rientrato – e una mediana nella quale Rincon e Meité sgomitano per avere la maglia al fianco di Baselli. Rispetto all’ultima stagione cambia il modulo: ci sarà un tridente con Zaza che giocherà a sinistra (visti i problemi di Iago Falque) con Berenguer a destra, in mezzo ovviamente Belotti. Il Sassuolo conferma il 4-3-3: Marlon e Gian Marco Ferrari a protezione di Consigli, Toljan esordisce a destra con Rogério che invece viene schierato regolarmente dall’altra parte. In mezzo al campo ecco altri volti nuovi: Hamed Traoré sarà il regista di riferimento con Obiang che invece si piazzerà sulla mezzala, sul centrosinistra gioca Locatelli. Nel tridente offensivo spazio per Caputo arrivato dall’Empoli, con lui Djuricic e Boga che partiranno sugli esterni.

QUOTE E PRONOSTICO

Le quote previste per Torino Sassuolo (analizziamo quelle dell’agenzia di scommesse Snai) indicano nei granata la chiara favorita per la prima di Serie A: il segno 1 per la loro vittoria vale infatti 1,85 volte la somma investita, contro il valore di 4,50 che è stato posto sul segno 2 per il successo esterno dei neroverdi. L’eventualità del pareggio, regolata come sempre dal segno X, vi permetterebbe di guadagnare una somma pari a 3,45 volte quello che avrete deciso di mettere sul piatto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA