DIRETTA/ Virtus Bologna Partizan (risultato finale 82-84): Che rimonta per gli ospiti

- Claudio Franceschini

Diretta Virtus Bologna Partizan streaming video e tv: orario e risultato live della partita che si gioca al PalaDozza, ed è valida per il gruppo E di basket Eurocup nella Top 16.

Weems Cournooh Virtus Bologna facebook 2020
Virtus Bologna Reggio Emilia rinviata (da facebook.com/VirtusSegafredoBologna)

DIRETTA VIRTUS BOLOGNA PARTIZAN (82-84): FINE PARTITA

Presso l’impianto PalaDozza il Partizan Belgrado batte in trasferta ed in rimonta la Segafredo Virtus Bologna per 84 ad 82. Nelle fasi iniziali del match i padroni di casa partono bene e prendono lentamente il largo fino ad acquisire una margine di vantaggio pari a 12 punti prima di rientrate negli spogliatoi per il riposo. Tuttavia, al rientro sul parquet per il secondo tempo gli ospiti di coach Trinchieri sembrano molto diversi rispetto alla squadra ammirata nella frazione precedente e, lentamente, rimontano fino ad ottenere il successo finale con due importanti parziali favorevoli per 28 a 21 e 21 a 14. La vittoria guadagnata questa sera consente al Partizan di raggiungere un record di 4-1 nel gruppo E mentre la sconfitta costa il 3-2 alla Virtus Bologna, ora chiamata a vincere in casa del Darussafaka per passare il turno. (cronaca Alessandro Rinoldi)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Virtus Bologna Partizan, salvo variazioni di palinsesto dell’ultima ora, non sarà trasmessa in diretta tv: per questa sfida di Eurocup potrete allora rivolgervi alla piattaforma Eurosport Player, che fornisce a tutti i suoi abbonati le partite del torneo in diretta streaming video. Ricordiamo anche la possibilità di essere costantemente informati sulle due squadre, le classifiche dei gironi e tutte le novità della Eurocup attraverso il sito ufficiale della manifestazione, che trovate all’indirizzo www.eurocupbasketball.com.

TERZO QUARTO

Esauritosi pure il terzo quarto, Virtus Bologna e Partizan Belgrado sono ora sul punteggio di 68 a 63. In queste prime battute del secondo tempo, al rientro sul parquet dagli spogliatoi dopo il riposo, gli ospiti di coach Trinchieri partono molto bene ed i loro sforzi di raggiungere il pareggio si traducono in un ottimo parziale favorevole per 28 a 21. La squadra serba, pur facendo registrare una percentuale al tiro complessiva peggiore rispetto agli avversari, raccimola punti preziosi soprattutto grazie alla precisione mostrata nelle conclusioni dalla distanza, 4 su 8 contro 1 su 5, agisce meglio a rimbalzo, 8 a 6 quelli totali, e presta maggiore attenzione all’aspetto disciplinare, come si può dedurre dal 4 a 8 nel computo dei falli personali. I padroni di casa hanno speso molto nel corso del primo tempo e bisogna ora vedere se saranno in grado di conquistare il successo negli ultimi dieci minuti della gara. (aggiornamento di Alessandro Rinoldi)

FINE PRIMO TEMPO

Al termine del secondo quarto, ovvero del primo tempo, le squadre di Virtus Bologna e Partizan Belgrado sono da poco rientrate negli spogliatoi per l’intervallo lungo sul 47 a 35. I minuti scorrono sul cronometro ed i bianconeri di casa continuano a macinare gioco nonostante gli sforzi dei serbi di acciuffare gli avversari. Gli uomini di coach Trinchieri migliorano infatti la propria mira in fase realizzativa grazie al 3 su 9 dalla distanza, reso tuttavia vano dal 6 a 10 degli italiani. Gli ospiti commettono inoltre qualche errore di troppo sotto l’aspetto disciplinare e faticano a migliorarsi nel gioco a rimbalzo. Fino a questo momento il miglior marcatore della serata è stato il numero 2 Torrian Walden nel Partizan per merito dei 15 punti realizzati per i suoi ma, sul fronte opposto, spiccano senz’altro i 14 punti siglati dal numero 9 Stefan Markovic oltre ai 12 firmati dal numero 44 Milos Teodosic. (aggiornamento di Alessandro Rinoldi)

PRIMO QUARTO

In Emilia Romagna il primo quarto di gioco tra Virtus Bologna e Partizan Belgrado si è concluso con il punteggio di 18 a 13. Nelle fasi iniziali dell’incontro tutte e due le compagini sembrano avere qualche problema in fase di realizzazione, con il risultato che rimane di fatto bloccato per ben due minuti e mezzo. Pur non gestendo come dovrebbero il possesso della palla, visto soprattutto il 7 a 6 nelle perse, gli italiani guidati da coach Djordjevic svolgono invece un ottimo lavoro a rimbalzo, 8 a 6 i totali, e fanno registrare una percentuale al tiro migliore rispetto a quella dei rivali di giornata allenati da coach Trinchieri. I due quintetti inziali: VIRTUS BOLOGNA – Gamble, Markovic, Ricci, Teodosic, Weems. PARTIZAN – Jankovic, Jaramaz, Thomas, Walden, Zagorac. (aggiornamento di Alessandro Rinoldi)

PALLA A DUE!

Finalmente è arrivato il momento della palla a due di Virtus Bologna Partizan: Andrea Trinchieri, guardando già al lungo periodo, punta a prendersi quella che sarebbe la seconda finale in carriera in Eurocup. Ci era già arrivato nel 2014, alla prima esperienza dopo il quadriennio di Cantù che lo aveva lanciato e gli aveva anche permesso di sedersi sulla panchina della Grecia: il suo Unics era arrivato alla fase a eliminazione diretta dove aveva superato Cez Nymburk (+50 nella doppia sfida), TED Ankara (+49) e Stella Rossa (una vittoria per parte, e +6 nella differenza canestri) prima di arrendersi al Valencia di Justin Doellman e Bojan Dubljevic. In quel roster russo erano presenti Andrew Goudelock (che aveva vinto il premio di MVP dell’intera competizione) e Nikos Zisis tra gli altri; Trinchieri se non altro era stato votato come miglior allenatore della manifestazione, e da lì era passato al Bamberg riuscendo ad allenare in Eurolega. Adesso siamo pronti a lasciare che a parlare sia il parquet, perchè è arrivato il momento che stavamo aspettando: al PalaDozza stanno per sfidarsi due grandi squadre in una partita decisiva per le sorti della loro Top 16, dunque mettiamoci comodi perchè la diretta di Virtus Bologna Partizan comincia! (agg. di Claudio Franceschini)

IL PROTAGONISTA ATTESO

Come protagonista nella diretta di Virtus Bologna Partizan, scegliamo oggi Marcus Paige: il playmaker classe ’93 è alla seconda stagione con la squadra di Belgrado, con cui ha già vinto la Coppa di Serbia e la Supercoppa ABA. Nelle 13 partite di Eurocup giocate fino a questo momento il sesto uomo di Andrea Trinchieri (mai partito in quintetto, ma spende quasi 22 minuti di media sul parquet) ha segnato 9,1 punti ma in Top 16 ha elevato il suo rendimento diventando il top scorer della squadra con 11,3 punti, tirando con un clamoroso 52,9% dall’arco (9/17 il dato cumulativo) e con una valutazione di 13,0 che anche in questo caso è la migliore di questo secondo turno. Prima del Partizan, Paige non aveva mai giocato in Europa: quattro anni di college nella prestigiosissima North Carolina, poi la D-League con i Salt Lake City Stars (12,1 punti per gara) e i Greensboro Swarm (15,2 punti) con in mezzo 5 apparizioni nella NBA a Charlotte (2,4 punti). Nella squadra serba sta finalmente trovando la sua dimensione: si tratta di una combo guard che non ha troppa propensione per gli assist preferendo attaccare il canestro in prima persona, e giocando prevalentemente come guardia grazie alle straordinarie doti balistiche. (agg. di Claudio Franceschini)

LA PARTITA DI ANDATA

L’unico precedente di Virtus Bologna Partizan, con riferimento alla Eurocup, è quello della partita di andata: lo scorso 8 gennaio Sasha Djordjevic era tornato a Belgrado ed era stato celebrato da un pubblico che gli aveva visto vincere una Eurolega (con tripla decisiva sulla sirena), ma poi la squadra che lo aveva lanciato nel grande basket aveva avuto la meglio nell’esordio della Top 16. La partita della Stark Arena era stata senza storia: il risultato finale era stato 99-81 con un primo tempo che i serbi avevano chiuso già in vantaggio di 20 punti, con un secondo quarto da 36-19 che aveva scavato il solco definitivo. Prestazione superba di Nemanja Gordic che aveva chiuso con 22 punti, 5/7 dal campo e un perfetto 10/10 ai liberi; il miglior realizzatore era stato Torrian Walden con 23 punti (5/8 dal perimetro) e il Partizan aveva chiuso con il 43,8% dalla lunga distanza, troppo per una Segafredo che aveva avuto 21 punti da Frank Gaines (7/10) ma anche la prova negativa di Stefan Markovic (1 punto con 0/7, nonostante i 6 assist) e un Milos Teodosic autore di 14 punti ma tirando male (4/11) e con appena 3 assist nella sua partita. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Virtus Bologna Partizan si gioca alle ore 20:00 di mercoledì 5 febbraio, presso il PalaDozza: nella quinta giornata del girone E di basket Eurocup 2019-2020, ovviamente in Top 16, la Segafredo reduce dall’ennesima vittoria in campionato (questa volta nel testa-coda contro Pesaro) va a caccia di un successo che potrebbe voler dire qualificazione al prossimo turno, e dunque ai quarti di finale di un torneo che naturalmente Sasha Djordjevic. Avendo tre vittorie e una sola sconfitta nel girone (maturata proprio a Belgrado), la Virtus dovrà però eventualmente guardare a quello che succederà alla BLM Group Arena dove il Darussafaka è ospite di una Trento già eliminata: in caso di ko infatti sarebbe garantito il passaggio del turno con una giornata di anticipo, ma tutto sommato la qualificazione ai quarti potrebbe arrivare anche girando la differenza canestri rispetto alla partita di andata. Tuttavia, in Serbia la squadra di Andrea Trinchieri si era imposta con 18 punti di scarto: anche per una grande squadra come la Segafredo non sarà facile rimediare nella diretta di Virtus Bologna Partizan ma ora, siccome la palla a due si sta avvicinando, possiamo valutare quali siano i temi principali di una partita che rappresenta uno dei piatti forti di questa Top 16 di Eurolega.

DIRETTA VIRTUS BOLOGNA PARTIZAN: RISULTATI E CONTESTO

Virtus Bologna Partizan rappresenta una grande partita: lo si è capito, paradossalmente, all’inizio di gennaio quando una Segafredo dominante in campionato e senza alcun problema nel primo girone di Eurocup è stata demolita a Belgrado. Andrea Trinchieri ha confermato anche nella sua esperienza serba le qualità che lo avevano portato a disputare finali in Italia e proprio in Eurocup e a vincere il campionato in Germania, prendendosi con pieno merito l’Eurolega; quella del PalaDozza allora potrebbe essere una sorta di antipasto di una finale del torneo, perchè entrambe le squadre hanno tutte le possibilità di arrivare fino in fondo. Naturalmente Sasha Djordjevic, come già detto, punterà anche a ribaltare la differenza canestri: così facendo anche un’eventuale vittoria del Darussafaka in Trentino potrebbe essere ininfluente. Virtus che arriva dal doppio successo contro la stessa Dolomiti Energia, eliminata dalla competizione; in Serie A1 invece la capolista ha fatto il suo dovere battendo Pesaro nel proprio palazzetto e, approfittando dell’inattesa sconfitta di Sassari a Trieste, ha anche allungato in vetta. Tra poco si giocherà la Coppa Italia: un’altra occasione per mettere un trofeo in bacheca, arrivarci con i tasca i quarti di Eurocup sarebbe indubbiamente un bel biglietto da visita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA