Erminio e Roberto Azzaro, marito e figlio di Sara Simeoni/ Una famiglia “atletica”

- Alessandro Nidi

Erminio e Roberto Azzaro sono il marito e il figlio di Sara Simeoni, leggenda del salto in alto italiano: una famiglia unita dall’amore e dallo sport

Sara Simeoni salto alto lapresse 2020 640x300
Sara Simeoni impegnata in una gara di salto in alto (Foto LaPresse)

Erminio Azzaro e Roberto Azzaro sono, rispettivamente, il marito e il figlio di Sara Simeoni, leggenda azzurra del salto in alto. Una famiglia “atletica” la loro, verrebbe da dire, e non sarebbe un’iperbole: sì, perché se le doti da saltatrice della donna sono note a livello intercontinentale, come testimoniano i suoi molteplici allori, non tutti forse sanno che anche il suo compagno di vita e il suo erede sono stati due saltatori. Addirittura, il marito Erminio è diventato l’allenatore di Sara Simeoni, con quest’ultima che l’ha convinto ad allenarla con una sorta di ricatto: “Se non mi alleni tu, smetto”.

Per fortuna dell’atletica di casa nostra, Azzaro ha accettato di buon grado l’incarico, trasferendo poi il sodalizio professionale anche nella vita privata: i due si sono uniti in matrimonio e dal loro grande amore è nato, appunto, Roberto, altista anch’egli, senza tuttavia conseguire i primati della madre (ma fu campione italiano di salto in alto juniores, ndr). Il papà, Erminio, nel 1969 ha invece fissato il primato italiano con la misura di 2.15 metri durante il World Formia Meeting, spostandolo di un centimetro alla vigilia del campionato europeo. Poi, durante i campionati europei svoltisi ad Atene, con la misura di 2.17 metri, fissò il nuovo primato italiano e vinse la medaglia di bronzo.

ERMINIO E ROBERTO AZZARO, MARITO E FIGLIO DI SARA SIMEONI: CURIOSITÀ

Erminio Azzaro, marito di Sara Simeoni, vanta anche un primo posto nella semifinale di Coppa Europa e un secondo posto alle Universiadi, entrambi ottenuti nel 1970. Azzaro fece parte anche della squadra europea nell’incontro/rivincita di Stoccarda con gli americani e si piazzò terzo. Per quanto concerne il figlio Roberto, invece, le informazioni disponibili su di lui, al di là dei suoi trascorsi sportivi, non sono numerosissime.

Tuttavia, come raccontato di recente dalla stessa Simeoni, che è stata anche protagonista in tv nei palinsesti serali durante il periodo olimpico, si sa con sicurezza che il ragazzo lavora presso una concessionaria d’auto, ma nel tempo libero allena i ragazzini della Libertas Valpolicella Lupatotina. Il primo amore, alla fine, non si scorda veramente mai e gli Azzaro-Simeoni non fanno altro che confermare questo antico adagio che resiste al turbinio del tempo che scorre senza conoscere battuta d’arresto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA