Falsi green pass, medico Asl Roma 2 indagato/ “E’ un crimine contro la collettività”

- Davide Giancristofaro Alberti

Il caso dei falsi green pass concessi da un medico di base dell’Asl Roma 2: ecco cosa è emerso nel dibattito di stamane ad Agorà Extra

referendum Green Pass
Controlli Green Pass (LaPresse, 2021)

Ad Agorà Extra, su Rai Tre, il caso dei falsi green pass concessi negli scorsi giorni da un medico dell’Asl Roma 2, al momento indagato: sarebbero decine i soggetti che avrebbero ricevuto l’esenzione dal vaccino, nonostante la stessa non spettasse a chi richiesto. Andrea Beccari, medico di famiglia dell’Asl Roma 2 commenta sul terzo canale: “Esenzioni facili possono essere state fatte per il fatto che non dobbiamo mettere nella certificazione la diagnosi, ma bisogna solo citare la circolare stessa certificazione. Non penso che l’Asl Roma 2 si poteva accorgere, ma bisognerebbe sentire il coordinatore per capire se hanno modo di verificare il singolo”.

Il vicecoordinatore dell’Uscar Regione Lazio aggiunge: “Io che conosco i miei pazienti so benissimo chi può avere diritto ad un’esenzione e chi no, poi se una persona va da un medico che può fare questa esenzione, si espone al rischio così come il collega”. Pierluigi Bartolletti, vicesegretario della FIMMG Roma, la federazione italiana medici di medicina generale, ha invece commentato così la notizia dei falsi green pass: “Qualora un medico attesti una cosa non vera, il medico incorre nel reato di falso ideologico. Un farmacista che conosco molto bene mi ha chiesto un tampone negativo, mentre altri mi chiedono esenzioni dal vaccino per alcuni patologie, le stesse per cui fino a poco tempo fa erano prioritari per il vaccino, se sei prioritario non sei esente. Il caso di stamattina di un collega che ha avuto una richiesta in modo aggressivo sulla base di un certificato rilasciato da un altro collega”.

FALSI GREEN PASS A ROMA: “ARRIVANO DIVERSE RICHIESTE DI ESENZIONE DAL VACCINO…”

I casi stanno comunque moltiplicandosi negli ultimi giorni e le ultime notizie raccontano di indagini anche in Liguria: “Signori che si tirano indietro di fronte ad un atto medico che ci restituisce la libertà e la piena capacità di ciò che vogliamo – commenta in studio ad Agorà Extra, Margherita De Bac – ci sono tante pressioni nei confronti dei medici, un noto chirurgo mi raccontava di una paziente entrata come un ossesso nel suo studio, che diceva che aveva avuto una reazione allergica e voleva l’esenzione ma lui l’ha mandata via. Sono tanti quelli che cercano vie traverse per ottenere ciò che noi cittadini ligi al dovere…”.

Così infine Lara Morelli, medico di base dell’Asl Roma 1: “Arrivano diverse richieste di esenzione dalla vaccinazione alcune da parte dei furbetti e altre sono persone terrorizzate dalla vaccinazione e dagli effetti collaterali. sulla seconda categoria si può lavorare. Rilasciare falsi green pass è un crimine contro la collettività e la lotta che stiamo facendo tutti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA