Filippo Tortu foto con la parrucca/ Imita Amauri, “è il mio attaccante preferito”

- Mauro Mantegazza

Filippo Tortu foto con la parrucca su Instagram per imitare Amauri, “è il mio attaccante preferito”. Momento comico per la #kitsoutchallenge.

Tortu 100 metri
Filippo Tortu (La Presse)
Pubblicità

L’idolo di Filippo Tortu nel calcio è Amauri e il velocista azzurro si traveste con una parrucca proprio per imitare Amauri nella #kitsoutchallenge su Instagram, una delle tante sfide nate sui social in questi giorni di quarantena per Coronavirus. Filippo Tortu non ha mai nascosto la sua passione per il calcio e ha approfittato della permanenza forzata in casa per rispolverare la sua collezione di maglie, svelando anche il nome del suo giocatore preferito, che è appunto l’ex attaccante italo-brasiliano Amauri. Tortu dunque ha partecipato su Instagram alla #kitsoutchallenge, sfida social che consiste nel riproporre vecchie divise da gioco e ricordare i propri sportivi preferiti. Nel post il primatista italiano dei 100 metri spiega: “Nella prima foto ci sono tutti i pezzi della mia collezione dalla mia prima maglia di Del Piero fino all’ultima! Nella seconda foto c’è un omaggio al mio bomber preferito”.

Pubblicità

FILIPPO TORTU E LA FOTO CON LA PARRUCCA DI AMAURI

Una frase accompagnata da uno smile sorridente e dall’effetto sorpresa, perché magari ci saremmo aspettati un nome più altisonante: Tortu ha infatti deciso di indossare una parrucca nera e di mostrare la maglia di Amauri ai tempi del Palermo. Divisa rosanero con il numero 11 ed ecco svelato l’attaccante preferito da Tortu, che inganna così il tempo nell’attesa che si prolungherà purtroppo fino al 2021 delle Olimpiadi di Tokyo, rinviate pochi giorni fa dal CIO all’anno prossimo. Idolo a sorpresa ma passione per il calcio a dir poco indiscutibile per Tortu: tante maglie da calcio, tutte piegate e posate sul pavimento con nome e squadra in bella vista. Nella ricca collezione prevale la Juventus, club per cui tifa il velocista: da Del Piero, prima maglia dell’elenco, fino a Cristiano Ronaldo, sono tanti nomi dei bianconeri del presente e del passato. Nel gruppone di divise, spiccano anche un doppio Messi con l’Argentina e il Barcellona, Pirlo con l’Italia, De Rossi al Boca e Barella e Sau al Cagliari, due omaggi alla terra d’origine della famiglia Tortu, sia pure trapiantata in Brianza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità