Fiordaliso a Io e te/ “Depressione e Dio, mi sono anche rivolta ad una psicologa…”

- Silvana Palazzo

Fiordaliso a Io e te da Pierluigi Diaco: la maternità a 15 anni, il rapporto con la famiglia e la sua lotta contro la depressione

fiordaliso ioete 640x300
Fiordaliso

A Raiuno per “Io e te” Fiordaliso ha affrontato anche alcune polemiche. Ad esempio, ha rivelato di aver avuto alcuni problemi con i fan di Cristina D’Avena per un’esibizione a Tale e quale show: «L’imitazione di Marcella Bella? Lei è molto carina con me. I fan di un’altra cantante si sono offesi. Chi? Quelli di Cristina D’Avena. Ho preso le sue caratteristiche e un po’ accentuate, ma era un programma divertente». Su Lucio Dalla invece ha rivelato: «Dopo un Sanremo trovai un suo telegramma. Mi scrisse: “In mezzo a tutti questi ortaggi è nato un fiore”». A proposito del Festival, con tono polemico ha spiegato di non sperare più in un ritorno all’Ariston: «Se mi chiamassero sì, ma ormai mi sono rassegnata. Non toccare con me questo tasto. Noi degli anni ’80 veniamo scartati». Pierluigi Diaco ha lanciato quindi un appello affinché venga presa in considerazione: «Ascoltate almeno il brano…», ha aggiunto lei. (agg. di Silvana Palazzo)

FIORDALISO: “DIO? È UN MOMENTO DIFFICILE…”

Fiordaliso nell’intervista a “Io e te” ha affrontato anche un tema delicato, quello del suo rapporto con la fede. «Io ho studiato con le suore, ero sempre con loro. Ho una grande educazione cattolica. Sono stata aiutata tanto da un prete quando sono rimasta incinta». Ora però attraversa una fase particolare. «Mi piacerebbe credere ma non credo. È un momento molto difficile, di vuoto. E ce l’hanno in tanti. Ma sono una brava cristiana, so di rispettare il prossimo». Ha fatto anche un percorso da una psicologa, ma non è durato. «Mi aspettavo una cosa all’americana, una motivatrice». E invece era pacatissima. Vengono proiettate le immagini della sua carriera, come un’intervista di Sandra Milo: «È sempre la stessa. Parliamo di un’icona, non se po’ toccà!». Ha speso belle parole anche per Mara Venier: «È divertente, è esattamente così anche fuori. Io conduttrice? Mi piacerebbe condurre un programma, ma non so se ne sarei capace». (agg. di Silvana Palazzo)

FIORDALISO SI RACCONTA A IO E TE

«Una donna dalla storia personale incredibile», così Pierluigi Diaco introduce Marina Fiordaliso a “Io e te”. Il conduttore ha spiegato di averla voluta fortemente ospite perché ha «una carriera pulita, fatta di atti coraggiosi e non sgomitante». E infatti Fiordaliso ha ammesso di non amare la competizione, anche se ha partecipato a nove Festival di Sanremo. Ma Diaco è entrato nel merito della lezione di civiltà che ha dato Fiordaliso all’Italia in un’epoca in cui una ragazza-madre veniva giudicata negativamente. «L’altro giorno ho avuto una discussione con il mio primogenito, Sebastiano. È stata molto liberatoria. Lui mi ha detto di avere pazienza, ma io non ne ho perché ho dovuto provvedere a tutto io da sola, da quando a 15 anni sono rimasta incinta». A proposito di genitori, si parla anche dei suoi. «Ho preso da papà, lui è uno molto espansivo. Mi sento ancora la loro bambina». 

“ALCUNE VOLTE CADO IN DEPRESSIONE PERCHÉ…”

Fiordaliso a “Io e te” ha parlato anche della sua bellissima infanzia. «Da primogenita ero molto coccolata». Ma quando guarda le foto del passato non mancano momenti di nostalgia. «Mi capita quando guardo quelle con i miei fratelli, perché sono andata via presto da casa, quindi non li ho assaporati come volevo». Ma c’è una contraddizione in Fiordaliso: ha mantenuto una dimensione da bambina ma si è presa sin da subito le sue responsabilità. «Ci sono dei momenti in cui vado in depressione. Ti trovi sola e rifletti sul fatto che non hai un compagno, e io non voglio averne. E ci sono i miei figli che non hanno più bisogno di me. Ma comunque mi basto da sola». E sugli uomini ha tagliato corto: «Di loro non mi importa più nulla. Se sono diffidente? Sì, molto». Il suo mentore comunque è stato suo padre: «Mi insultava dicendomi di cantare con grinta, e infatti sono sempre lì a urlare. Ormai ce l’ho dentro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA