Formula 1, Gp Bahrain 2021/ Martini: “Ferrari ancora non all’altezza” (esclusiva)

- int. Pierluigi Martini

Intervista esclusiva a Pierluigi Martini alla vigilia del Gran premio del Bahrain 2021, prima prova della nuova stagione della Formula 1.

Binotto Formula 1
Gp Bahrain 2021, Formula 1 - Mattia Binotto, team principal della Ferrari (Foto LaPresse)

Inizia col Gran Premio del Bahrain la stagione 2021 della Formula 1. Ventitrè Gran Premi con la Mercedes e Lewis Hamilton campione del mondo in carica e pronti a fare di nuovo scintille. Il pilota inglese vuole battere il record di 7 titoli mondiali conquistati che detiene con Michael Schumacher. Un Mondiale che dovrebbe vivere della solita supremazia delle Frecce d’Argento. Prima rivale la Red Bull e Max Verstappen pronti a lanciare il guanto di sfida per la conquista del Mondiale. E poi la Ferrari con Charles Leclerc e Carlos Sainz, che cercherà di migliorare i risultati della scorsa stagione. Il ritorno di Fernando Alonso in Formula 1 con l’Alpine. Il debutto con la Haas di Mick Schumacher. Un Mondiale da vivere fino in fondo fin da questo Gran Premio del Bahrain: per presentarlo abbiamo sentito Pierluigi Martini, eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

Come vede questo Gran Premio del Bahrain? Come al solito il primo Gran Premio della stagione è sempre un’incognita. Credo che però Verstappen potrebbe vincere questa gara.

Stagione sempre con Mercedes e Lewis Hamilton favoriti? Favoriti ma vincere il Mondiale sarà più difficile quest’anno che l’anno scorso.

Chi potrebbe dare maggiormente fastidio alle Frecce d’argento? La Red Bull mi sembra in grado di impensierire fino in fondo la Mercedes con un grande Verstappen.

E la Ferrari cosa potrà fare… Non la vedo ancora all’altezza di Mercedes e Red Bull. Penso che arrivare terzi nel Mondiale possa essere il suo obiettivo.

Leclerc – Sainz chi vincerà il duello nelle rosse? Un bel duello, Leclerc sembra il favorito tra i due ma Sainz non è per niente da sottovalutare. E’ un osso duro…

Quali potrebbero essere i piloti, i team da tenere d’occhio, Mick Schumacher con la sua Haas potrebbe essere la sorpresa… Io punto su Tsunoda. Il pilota giapponese debuttante in Formula 1 ha gas, ha talento, potrebbe essere la rivelazione del Mondiale. Schumacher non la vedo sia per la qualità della macchina, sia per la troppa pressione che potrebbe avere, sia perchè il suo compagno di squadra è di ottimo valore.

Hamilton se vincerà il Mondiale potrebbe ritirarsi? Quelle sono sensazioni che solo un pilota dentro di sé può avere. Basta pensare a Alonso e Raikkonen che avevano lasciato la Formula 1 e poi ci sono tornati a correre…

Esistono meno campioni di un tempo in Formula 1? No ci sono ancora tanti grandi campioni. La differenza magari è che adesso i piloti preparano i Gran Premi sul computer, stanno molto sui sociali. Il mondo della Formula 1 è cambiato e così anche i piloti.

Chi vincerà il Mondiale? Punto su Verstappen…

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA