FRANCESCA BARRA/ “Quando ho perso mio figlio mi sono sentita persa. Santamaria…”

- Stella Dibenedetto

Francesca Barra, giornalista e moglie di Claudio Santamaria, si racconta a Vieni da me: dall’amore con Claudio Santamaria alla perdita del figlio.

francesca barra min
Francesca Barra a Vieni da me

C’è un dolore che non abbandonerà mai Francesca Barra e che la accompagnerà per il resto della sua vita ovvero quello provocato dalla perdita del figlio che aspettava dal marito Claudio Santamaria. “Per la prima volta mi sono sentita persa, fragile, io che sono sempre stata una leonessa, una guerriera” – racconta a Caterina Balivo – “sono crollata e non mi sono rialzata del tutto e, forse, hai ragione tu quando dici che devi convivere con il fatto che non sei poi, così eroina”. Nonostante il dolore, però, la Barra ha dovuto rialzarsi: “lo fai perché hai i tuoi figli, hai il lavoro, hai un grande amore però c’è questa ferita che è una cicatrice ed è stato un periodo nero”, racconta ancora. Poi svela un episodio particolare di quei momenti. “E’ coinciso con il Festival del cinema di Venezia di Claudio. Una notte mi sono svegliata e gli ho detto: ‘non posso venire perché io sento un lutto dentro di me. Non ce la faccio a fare il red carpet con i fotografi e poi mi sentivo appesantita, stanca. Claudio mi ha detto: dammi una settimana di tempo, facciamo ginnastica, facciamo una dieta perché io ho bisogno di te. Se poi non ce la farai, io lo capirò’. Questo mi ha spronata, mi sono sgonfiata, ma non ho messo nessuna panciera. Ho fatto il red carpet con la pancetta perché poteva essere un messaggio per tante donne. Siamo vere, siamo deboli, ma siamo anche fortissime nel rialzarci”, conclude la giornalista (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

FRANCESCA BARRA RINGRAZIA CATERINA BALIVO

Francesca Barra si racconta a 360 gradi da Caterina Balivo che ringrazia per averla fatta sentire a casa sua. “Vorrei ringraziare Caterina perché l’empatia che la contraddistingue e che è il segreto del suo successo, è un dono che non si costruisce. E per mille ragioni che ho nel cuore, mi ha dimostrato cosa significhi la solidarietà fra donne, anche nel privato. E vi assicuro che non è scontato che avvenga (anzi!). Evviva le donne che amano le donne”, ha scritto su Instagram la moglie di Claudio Santamaria che, in diretta, davanti alle telecamere di Vieni da me, ha deciso di sfogliare l’album della sua bellissima famiglia. Mamma di tre figli e moglie innamorata del suo Claudio con cui ha difeso la sua storia d’amore contro tutto e tutti, Francesca Barra apre tutte le porte del suo cuore raccontandosi come non aveva mai fatto prima. Da piccola, Francesca sognava di diventare una scrittrice come Joe March di Piccole donne.

FRANCESCA BARRA: “CON CLAUDIO SANTAMARIA NON E’ TUTTO ROSE E FIORI”

Da quando si è innamorata di Claudio Santamaria, Francesca Barra è diventata protagonista del gossip italiano. “La mia storia con Claudio Santamaria non è tutta rose e fiori. Quando abbiamo deciso di scrivere insieme il libro La giostra delle anime ho capito che o ci lasciavamo o stavamo insieme per tutta la vita”. Nonostante si siano innamorati in età adulta, i due si conoscevano da tempo. “Io e Claudio abbiamo ballato insieme il primo lento quando io avevo 11 anni e lui 16 che sognava di fare l’attore e lui con questo sorriso ha sorriso in modo timido e invece il padre ci ha sempre creduto. Quest’uomo mi è sempre rimasto nel cuore al punto che quando incontravo Claudio a Roma, io gli chiedevo come stava il padre che, purtroppo, non ho mai rivisto da suocero“, spiega Francesca Barra che elogia il grande talento artistico del marito, compreso quello musicale. “Mi fa anche le serenate solo che io mi addormento. Ora, in camera da letto, ha messo circa 12 chitarre perchè fa la collezione”, confessa. “E le tue scarpe che fine hanno fatto?“, chiede Caterina Balivo. “Ora me le regala perchè gli faccio da ufficio stampa, ma non mi paga e quindi mi ha promesso di regalarmi un paio di scarpe al mese. Anzi vorrei approfittare per ricordargli che non mi regala le scarpe da due mesi“, conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA