Gabriel Batistuta nonno/ È nato Lautaro da Lucas e Dalila Prieto: “Sono contento”

- Matteo Fantozzi

Gabriel Batistuta nonno, è nato Lautaro da Lucas e Dalila Prieto e l’ex bomber di Roma e Fiorentina non può che essere al settimo cielo per la notizia.

Batistuta: “Mio figlio lavora in copisteria? È un regalo” (La Presse)
Batistuta (La Presse)

Difficile se non impossibile immaginarsi Gabriel Batistuta nonno, eppure l’ex bomber di Roma e Fiorentina a 51 anni ha accolto Lautaro. Si tratta del figlio del suo secondogenito Lucas e della bellissima Dalila Prieto. Batigol sui social network ha specificato: “Io e Irina siamo davvero molto contenti, abbiamo iniziato questa nuova fase dell’essere nonni”. Ha poi aggiunto su Instagram: “Presento Lautaro Batistuta. E’ bellissimo e pesa 3.070 kg. Grazie a tutti per l’amore e la cura che hai ricevuto nelle tue prime ore di vita dal personale sanitario del Sanatorio Padre Pio di Reconquista. Ora è il momento di godertelo con zii, nonni e bisnonni. Tutto questo succederà ancor di più quando la pandemia finirà completamente”. 

Gabriel Batistuta nonno, dai problemi fisici a questa grande gioia

Finalmente arriva una grande gioia per Gabriel Batistuta diventato nonno da poco. Non sono stati anni facili per Batigol che raccontò addirittura di aver pensato all’amputazione delle gambe visto che non riusciva più ad alzarsi dal letto. L’idea nacque visto Pistorius e pensando che quella potesse essere una soluzione. A Tyc Sports fece il racconto drammatico su quanto accaduto: “Dopo aver smesso col calcio giocato nel giro di poco tempo mi sono trovato nell’incapacità di camminare”. Aggiunge poi particolari che colpiscono l’animo: “Sentivo tanto male che non riuscivo ad alzarmi dal letto e mi è capitato anche di urinarmi addosso. Il dolore alle caviglie era davvero insopportabile. Il medico non volle saperne dell’amputazione, mi disse che ero pazzo. Mi operò alla caviglia ma la situazione non migliorò”. Spiegò di non avere più cartilagini e tendini e di posare dunque i suoi 86 kg sulle ossa e dunque di provare dolore. Piano piano però è arrivato il miglioramento: “Dopo una serie di operazioni poi ho ricominciato a camminare ma ci è voluto tempo”.

Foto, Batistuta e suo nipote Lautaro



© RIPRODUZIONE RISERVATA