Grant Imahara morto per aneurisma a 49 anni/ Era assente dai social da maggio

- Davide Giancristofaro Alberti

Grant Imahara è morto oggi dopo un aneurisma celebrale. Era famoso in tv soprattutto per il programma Mythbusters. Sui social era scomparso da un po’

imahara 2020 yt
Grant Imahara (Youtube)

La morte di Grant Imahara a 49 anni per un’aneurisma lascia tutti senza parole, anche se in molti si chiedevano nell’ultimo periodo che fine avesse fatto. Su Twitter, dove di solito era molto attivo, l’artista infatti era sparito dalla fine di maggio, mentre su Instagram per l’ultima volta era comparso il 3 giugno. Oltre un mese di assenza dai social network che aveva fatto pensare a qualche impegno di troppo o peggio a qualche problema di salute. Fatto sta che i social della star sono stati presi d’assalto con messaggi di condoglianze varie che avranno fatto piacere alla famiglia dell’uomo anche se non avranno risanato l’ancora fresca ferita per la scomparsa di un uomo ancora giovane. In molti anche nel mondo dello spettacolo hanno dimostrato grande affetto nei confronti dell’uomo. (agg. di Matteo Fantozzi)

MYTHBUSTERS IN LUTTO

E’ sgomento il mondo della televisione nell’apprendere la triste notizia della morte di Grant Imahara, famoso in tv soprattutto per Mythbusters. Un portavoce di Discovery Channel (canale dove andava in onda il programma dei miti), intervistato dal sito americano Tmz ha commentato: “Ci si è spezzato il cuore nell’apprendere la triste notizia della morte di Grant. Era una parte importante della famiglia di Discovery e un uomo meraviglioso. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alla sua famiglia”. Splendido anche il messaggio di Kari Byron, colei che insieme a Grant e a Tory Belleci formava il “Build team” nel programma di cui sopra. Attraverso la pagina Twitter personale ha scritto: “Abbiamo vissuto così tante avventure. Mi hai insegnato tanto”,. Infine le parole di Adam Savage, uno dei due conduttori di Mythbusters: “Non ho parole. Grant era un brillante ingegnere, artista e performer. Mi mancherà il mio amico”. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

GRANT IMAHARA MORTO A 49 ANNI PER ANEURISMA/ HA LAVORATO PER STAR WARS E MYTHBUSTERS

Lutto nel mondo della televisione, è morto Grant Imahara. Il 49enne presentatore tv originario degli Stati Uniti, è scomparso nelle scorse colpito da un aneurisma celebrale. Una morte choc, improvvisa, come riferito dai colleghi d’oltre oceano di Hollywood Reporter. Grant Imahara, è nato in California, a Los Angeles, ma da una famiglia originaria del Giappone, ed era famoso soprattutto per la sua partecipazione al programma Mythbusters di Discovery Channel, in cui venivano sfatati i vari miti. Imahara non nasce come artista, essendosi laureato in ingegneria elettronica; subito dopo si era però specializzato nella realizzazione di effetti speciali per il cinema, e grazie a tale mansione aveva trovato un lavoro di assoluto prestigio, un’occupazione presso la Lucasfilm, storica società di George Lucas che produce da quarantanni la saga di Star Wars. L’approdo a Mythbusters avvenne nel 2004, con lo show condotto dal duo Adam Savage e Jamie Hyneman, che si occupava di validare miti e leggende urbane.

GRANT IMAHARA MORTO A 49 ANNI: MESSAGGI DI CORDOGLIO NUMEROSI

In compagnia di Kari Byron e Tory Belleci aveva dato vita al Build Team, che aveva il compito di sfidare Savage e Hyneman nello sfatare i miti. Lavorò a Mythbusters fino al 2014, per dieci anni, dopo di che approdò a Netflix presentano la serie White Rabbit Project. Un portavoce di Discovery Channel, parlando con THR ha commentato la notizia di questa triste dipartita con le parole: “Abbiamo il cuore spezzato per questa triste notizia su Grant. Era una parte importante della nostra famiglia Discovery e un uomo davvero meraviglioso. I nostri pensieri e preghiere vanno alla sua famiglia”. Imahara ha preso parte alla realizzazione degli effetti speciali su tutti e tre i prequel di Star Wars, ma anche Matrix Reloaded, The Matrix Revolutions, Galaxy Quest, Van Hesling, The Lost World: Jurassic Park e Terminator. Numerosi i messaggi pubblicati in queste ultime ore dai fan, fra cui molti di origini asiatiche, che considerano Imara un loro grande “portavoce”

© RIPRODUZIONE RISERVATA