Guendalina Canessa vs figlia Chloe/ “Si vergogna, vuole una mamma grassa e brutta!”

- Alessandro Nidi

Guendalina Canessa sui social si è abbandonata a una polemica nei confronti della figlia Chloe: “Mi vorrebbe meno giovanile e meno bella”

guendalina canessa 2019 ig 640x300
Guendalina Canessa (Foto: Instagram)

Guendalina Canessa, influencer e imprenditrice che nel 2007 prese parte al Grande Fratello Vip, sui social media nelle scorse ore ha parlato della figlia Chloe, nata dalla sua ex relazione con il tronista di Uomini e Donne Daniele Interrante. Un vero e proprio sfogo quello effettuato dalla donna e ripreso da numerose pagine Instagram, nel quale si vede Guendalina, in occhiali da sole, raccontare la propria esperienza di dialogo con la sua primogenita, partendo da un antefatto che riguarda sua madre.

“Mia mamma era molto ‘faiga’, una bella morona con le t*ttone, naturali tuttora (beata lei!) – ha commentato Canessa –. Veniva a prendermi a scuola vestita da Dio. Era simpatica, gnocca da paura e io di questa cosa ci godevo”. Una premessa che lascia intendere verso quale orizzonte si sta per spostare la discussione: sua figlia non è contenta dei look e dell’aspetto di sua madre, a tal punto che spesso la riprende e ha qualcosa da ridire.

GUENDALINA CANESSA: “PER MIA FIGLIA SONO TROPPO GIOVANILE, MI VORREBBE DIVERSA”

Guendalina Canessa ha infatti rivelato ai suoi follower che la figlia la vede molto giovanile, e “anche se mi metto una tuta sono molto giovanile, soprattutto dentro”. Proprio quest’aspetto, secondo la donna, infastidirebbe la figlia, che le rivolgerebbe le seguenti parole: “No mamma, mi vergogno, ti vorrei più brutta, ti vorrei più grassa, come le altre mamme, più normale”.

L’ex gieffina ha evidenziato che il problema analogo si presenta ogni volta in cui lei saluta gli amici di Chloe, la sua “crush“: “Tutti i suoi amici mi dicono che sono carina, una mamma sprint”, ha puntualizzato Canessa. Da questo, dunque, nascerebbero gli screzi con la figlia, alla quale, ovviamente, la giovane è molto legata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA