IRAMA, CREPE PRIMO IN CLASSIFICA/ “Ora sogno un nostro concerto all’Arena”

- Emanuele Ambrosio

Irama in tv nella seconda puntata dei Seat Music Awards 2020 con la hit Mediterranea. Ora sogna un concerto all’Arena di Verona

Irama
Irama

Interessante scalata per Irama che esordisce in testa alla classifica FIMI con l’ultimo EP Crepe. L’ex vincitore del talent show Amici dimostra di avere talento e sforna un successo dietro l’altro anticipato da hit come Mediterranea e Arrogante e si appresta a guardare anche all’estero. Nelle passate ore, dopo il suo ritorno su un palcoscenico prestigioso come quello dell’Arena di Verona in occasione dei Seat Music Awards che lo ha visto ieri tra i protagonisti, Irama è tornato su Instagram postando una foto con il look scelto per l’importante serata. In merito ha poi commentato: “Mi mancava cantare all’Arena. Quando si potrà, mi piacerebbe fare un nostro concerto lì. Grazie per il premio, grazie a tutti i lavoratori che hanno reso possibile questo evento. Mi sento così italiano”. Ovviamente i commenti dei fan non si sono fatti attendere: “hai spaccato tutto come sempre,meriti il mondo, sono tanto orgogliosa di te”, ed ancora, “Hai spaccato ieri sera, non vedo l’ora di vederti dal vivo”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Con Mediterranea doppio platino

Anche con Crepe, il suo nuovo EP, Irama convince e sorprende. Uscito solo lo scorso 28 agosto, come riferisce oggi Askanews, Crepe ha già conquistato il primo posto della classifica dei dischi più venduti in Italia nell’ultima settimana. Si tratta per il giovane artista nato sul palcoscenico di Amici di Maria De Filippi di un importante risultato professionale che va ad aggiungersi al grande successo già registrato con Mediterranea. Quest’ultimo è a tutti gli effetti il brano più ascoltato in Italia in estate su Spotify con oltre 63mila stream e già doppio platino e in cima alle maggiori classifiche radio, streaming e vendite. Ed ora non è escluso che il medesimo successo possa estendersi anche ben oltre i confini nazionali dopo l’uscita della versione latina del brano con De La Ghetto. Con Crepe Irama ha dimostrato ancora una volta di essere un artista eclettico con un destino musicale di grandi successi. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Carlo Conti lo elogia: “Un vero animale da palcoscenico”

Irama è l’unico, finora, tra gli artisti sul palco dei Seat Music Awards, ad essere omaggiato con un premio speciale consegnatogli da un rappresentante dello sponsor (Seat, appunto). Il premio va soprattutto alla sua capacità di sapersi innovare, una skill che Filippo ha dimostrato di possedere già parecchie volte, a partire dalla sua prima partecipazione a Sanremo Giovani. A proposito di Sanremo, va a Carlo Conti il ringraziamento più grande per aver creduto in lui quando in pochi ancora lo facevano. Ma Conti: “Ti meriti tutto, perché sei un ragazzo in gamba”. Non solo: il conduttore ed ex direttore artistico del Festival lo elogia chiamandolo ‘animale da palcoscenico’ a sottolineare l’attitudine di Irama a muoversi sul palco. Anche stasera, mentre canta Mediterranea, mostra di non essere per nulla in soggezione né tantomeno frenato dal fatto di trovarsi all’Arena di Verona, uno dei luoghi più significativi per la musica e gli artisti italiani. (agg. di Rossella Pastore)

Irama ospite dei Seat Music Awards

Irama è tra gli ospiti della seconda puntata dei Seat Music Awards 2020, la manifestazione musicale condotta da Carlo Conti e Vanessa Incontrada e trasmessa in diretta sabato 5 settembre 2020 dalla splendida cornice de L’Arena di Verona in prima serata su Raiuno. Il vincitore di Amici di Maria De Filippi e dell’edizione di Amici Speciali è stato uno degli indiscussi re dell’estate italiana con la sua hit Mediterranea arrivata a distanza di un anno dal grandissimo successo di “Arrogante”. Due estati trascorse in vetta alle classifiche di vendite, dello streaming online e dei videoclip per il cantante che in questi giorni ha pubblicato il suo nuovo album di inediti. Un progetto importante e maturo che l’artista ha presentato in anteprima dalle pagine de La Stampa. “Le crepe sono quelle che tutti abbiamo nelle nostre vite, sono sfumature e colori. Sono i generi musicali: io non voglio rinchiudermi in uno solo. Non sono un rapper, un cantautore o una rockstar. Nessuno di noi può essere racchiuso in unico “genere”, nemmeno la mia musica. Dal punto di vista emotivo le crepe sono ciò che ci succede e ci fa crescere” – ha detto il cantante parlando del suo nuovo album di inediti, un disco che considera al momento il suo “fermo immagine”.

Irama: “Crepe è insieme di influenze che non amo catalogare”

Irama torna alla musica con un nuovissimo album dal titolo Crepe. E lo fa nel migliore dei modi visto che questo è il disco della sua maturità. “Crepe è quello che io sono oggi: un insieme di influenze che non amo catalogare. Mi piace farmi influenzare dalle altre culture e portarle nella mia musica” – ha detto il cantante che ha deciso di pubblicare un progetto discografico composto solo da 7 brani inediti. Una scelta non causale, ma voluta proprio dall’artista che ha anche spiegato i motivi che l’hanno spinto a fare ciò: “in un mondo di streaming e di inquinamento acustico, mi piace che ci sia attenzione alle canzoni. Un disco va ascoltato dall’inizio alla fine. Io sono cresciuto ascoltando i dischi come si faceva una volta: i cd e i vinili del nonno. I ragazzi non lo fanno più. Capisco però anche che le situazioni cambino e non voglio obbligare nessuno. Ma nemmeno voglio rinunciare alla qualità”. A chiudere l’album una ballad dal titolo “Dedicato a te” che Irama ha composto con il suo collaboratore e inciso così di getto: ” in questo brano ho voluto essere totalmente sincero: l’ho registrato alle nove di mattina dopo una notte passata senza dormire. Eravamo in Salento. Giulio Nenna, che l’ha scritto con me, ha registrato la chitarra con una scheda telefonica. Ed è proprio quello il take che abbiamo tenuto”. Infine parlando di futuro e progetti, il cantante di “Arrogante” non nasconde di essere pronto anche a tornare al Festival di Sanremo dopo la partecipazione con “La ragazza dal cuore di latta”: “con il brano giusto mi piacerebbe tornare su quel palco» Già nel 21? «Per ora non c’è niente in ballo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA