La Corrida di Corrado/ “È tempo di dare il mio ben servito. Mi mancherete tanto”

- Stella Dibenedetto

La Corrida, omaggio a Corrado: a 20 anni dalla morte del celebre conduttore, canale 5 dedica una serata speciale alla sua trasmissione più famosa.

La corrida omaggio a Corrado
La Corrida, omaggio a Corrado - Screenshot da video

L’omaggio a Corrado, ovvero l’ultima puntata della decima edizione de La Corrida, chiude con un momento davvero toccante. Il conduttore ha scritto per il suo pubblico una lettera di saluti che si conclude con quello che sembra essere a tutti gli effetti un vero e proprio addio. “È tempo di dare qui il mio commosso ben servito ma chissà che poi non me ne pento. – dichiarava Corrado circa 20 anni fa, nella sua ultima puntata de La Corrida. Poi aggiungeva – Lo so, mi mancherete tanto. E se c’è uno scemo del paese mi ha insegnato a sorridere e a non aver pretese”. Applausi e un po’ di commozione per lui, per il maestro Roberto Pregadio e per tutto lo staff della Corrida. (Aggiornamento di Anna Montesano)

RISATE CON CORRADO E IL MAESTRO PREGADIO

Non solo nostalgia nel rivedere Corrado su Canale 5. La sua Corrida, semplice e genuina, porta allegria e spensieratezza. Soprattutto tante risate. Come quelle che il conduttore non riesce a trattenere di fronte alla canzoncina spinta di una signora 80enne, Giulia, che recita “Soltanto a chi mi sposa la faccio assaggiar”. Corrado, alla fine dell’esibizione, non riesce a trattenere le risate così come il maestro Pregadio. E non manca una battuta di spirito: “Cero che assaggiarla ora… la torta dico… sarebbe forse un po’ stantia..” Il pubblico e l’orchestra non riesce a trattenere le risate di fronte alla spontanea e particolare simpatia di Corrado. Stessa cosa per il pubblico che sa casa, oggi, sta rivivendo quelle emozioni. (Aggiornamento di Anna Montesano)

CORRADO E I SALUTI DELL’ULTIMA PUNTATA

Canale 5 ripropone, a 20 anni dalla morte di Corrado, l’ultima puntata da lui condotta della Corrida e lo fa con un’introduzione di Gerry Scotti. Il conduttore ricorda la simpatia e la spontaneità di un magnifico Corrado che ha dato origine a uno dei programmi più amati della tv italiana. Poi ecco iniziare lo show: Corrado prende il centro del palco dopo la siglia sulla quale fa subito un chiarimento. “Questa sera la nostra sigla è stata registrata. -e spiega – Oggi il nostro ballerino Manolo ha avuto un incidente di percorso, nulla di grave, però era impossibile fare una sigla in poco tempo”. Inizia allora con una lunga serie di ringraziamenti e saluti: “È una serata un pochino particolare, è l’ultima puntata della decima edizione della Corrida che è andata molto bene. Vorrei ringraziare tutti.” E non nasconde un po’ di commozione. (Aggiornamento di Anna Montesano)

SERATA NOSTALGICA SU CANALE 5 CON CORRADO

Serata nostalgica su canale 5 con la messa in onda dell’ultima puntata de La Corrida condotta da Corrado Montoni. La trasmissione, protagonista anche del palinsesto di Raiuno, è considerata il primo talent show della televisione italiana. Sin dalla prima puntata, i protagonisti de La Corrida sono sempre stati i talenti alla ricerca solo di un po’ di divertimento. Come spiegava la moglie di Corrado, Marina Donato, ai microfoni di Tv, Sorrisi e Canzoni, La Corrida non ha mai perso quello che è sempre stato il suo spirito: «Che sono un’altra cosa. Chi va ai talent show deve essere bravo, perché desidera intraprendere la strada dello spettacolo. Tra i nostri concorrenti, invece, ce n’è qualcuno bravo, ma il giorno dopo torna alla sua vita di sempre. Non c’è oggi in tv un programma che incarni lo spirito de “La Corrida”» (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

LA CHIACCHIERATA CON I CONCORRENTI

C’era un momento de La Corrida che Corrado amava particolarmente. A svelarlo è stata la moglie, Marina Donato che, in un’intervista rilasciata ai microfoni di Tv, Sorrisi e Canzoni in occasione del ritorno della trasmissione su Raiuno, ha raccontato come l‘incontro con i concorrenti fosse il momento che il marito amava di più. «La chiacchierata con i concorrenti: lui non li incontrava prima. Li vedeva un attimo alle prove, ma non ci parlava. Corrado non leggeva nulla: aveva una microscaletta in tasca, ma solo per ricordarsi poche cose. I concorrenti se li “spizzava”, come si dice a poker: li scopriva poco a poco. Il dialogo con loro gli piaceva forse ancora di più dell’esibizione. Quello che invece aspettavamo noi dietro le quinte era vedere come Corrado avrebbe congedato il concorrente. Ci chiedevamo ogni volta: “Vediamo cosa si inventa per consolarli, ma anche per lanciare una battutina delle sue”. Battute che non hanno mai offeso nessuno», ricordava la moglie di Corrado che ha sempre preferito andare a braccetto e affidarsi all’istinto (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

IN ONDA L’ULTIMA PUNTATA CONDOTTA DA CORRADO

Serata omaggio a Corrado quella che canale 5 dedica al celebre conduttore de La Corrida. In occasione deL ventesimo anniversario dellla sua morte, questa sera, andrà in onda l‘utima puntata de La Corrida condotta da Corrado. Al suo fianco c’era l‘amico e storico compagno di viaggio, il maestro Roberto Pregadio. L‘ultima puntata della Corrida di Corrado fu trasmessa nel dicembre del 1997. Dopo anni trascorsi alle prese con i dilettanti allo sbaraglio, Corrado si congedò dal suo pubblico che, in tanti anni, aveva contribuito a regalargli successo e a rendere La Corrida un fenomeno popolare. Sarà, dunque, l‘occasione per rivedere quella che fu l‘ultima volta in tv di Corrado che, un anno e mezzo dopo lasciò definitivamente la terra anche se, a distanza di vent’anni, il suo rcordo è ancora vivo nel cuore di tutti (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

LA CORRIDA, OMAGGIO SPECIALE A CORRADO

La Corrida torna in onda sulle reti Mediaset. Sabato 8 giugno, in prima serata su canale 5, va in onda una serata davvero speciale dedicata a La Corrida di Corrado. L’8 giugno 1999, moriva Corrado Montoni e, in occasione del ventesimo anniversario della sua scomparsa, canale 5 ha deciso di rendere omaggio ad uno dei pionieri della televisione italiana che, ancora oggi, è protagonista in tv. La Corrida rappresenta sicuramente la sua trasmissione più famosa che, ancora oggi, regala divertimento e tante risate ai telespettatori. La Corrida, infatti, va ancora in onda su Raiuno con la conduzione di Carlo Conti. Questa sera, però, sarà possibile rivivere i momenti memorabili della Corrida di Corrado che, ancora oggi, strappano sempre un sorriso al pubblico.

LA CORRIDA: IL RICORDO DI CORRADO

Corrado Montoni, insieme a Mike Bongiorno e Raimondo Vianello è considerato uno dei padri fondatori della televisione italiana. Allegro, ironico, spigliato e simpatico, ha contribuito a scrivere pagine importanti della tv. La Corrida di Corrado raggiunse la tv nell’estate del 1986. Su Canale 5 la trasmissione è andata in onda dal 1986 al 1997, condotta da Corrado. Dal 2002 al 2009 è stata poi condotta da Gerry Scotti, per poi passare nelle mani di Flavio Insinna nel 2011. Ne 2018, in occasione del cinquantesimo anniversario dal debutto radiofonico, La Corrida è tornata in onda su Raiuno con la conduzione di Carlo Conti. Nella serata speciale in onda oggi su canale 5, verranno trasmessi i momenti più divertenti de La Corrida di Corrado.

LA CORRIDA: LE PAROLE DI GERRY SCOTTI

Dopo Corrado, La Corrida ha avuto in Gerry Scotti il suo padrone di casa. Il conduttore, esattamente come Montoni, è riuscito ad entrare nel cuore del pubblico storico della trasmissione dedicata ai talenti dilettanti. In occasione dell’omaggio speciale a Corrado, Gerry Scotti che introdurrà la puntata speciale, ha dichiarato: “Per tutti noi che abbiamo intrapreso il mestiere del presentatore, la sua è stata una grande lezione, ma Corrado era inarrivabile, inimitabile e insostituibile. Io ho avuto la fortuna, il piacere e la responsabilità di condurre dopo di lui, insieme al maestro Pregadio, dal marzo del 2002 ben 8 edizioni de “La corrida”, ho cercato di farlo con grande leggerezza provando a rispettare lo stile e le caratteristiche che lui aveva dato al suo programma. Un programma che ha segnato, come pochi altri, la storia della televisione italiana e dei suoi generi”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA