Lena Duham “Soffro della sindrome di Ehlers-Danlos”/ Dopo le foto con il bastone…

- Hedda Hopper

Lena Duham “Soffro della sindrome di Ehlers-Danlos”, dopo le foto con il bastone, l’attrice di Girls spiega quello che è successo

lena dunham instagram

LENA DUNHAM SOFFRO DI “EHLES-DANLOS”

Lena Dunham è intervenuta sui social dopo che è circolata una foto che la riguarda. Nello scatto, realizzato da un paparazzo, è ritratta mentre cammina per strada accompagnandosi a un bastone. L’attrice di ‘Girls’ ha dichiarato di non avere alcuna intenzione di provare imbarazzo, né di mentire per tenere nascoste le reali motivazioni dell’uso del bastone: “Potevo scegliere se essere imbarazzata per questa foto che mi hanno scattato i paparazzi forse perché questo è lo scopo di chi le pubblica, ma non lo sono. Potrei mentire e dire che è un look realizzato per Halloween. Ma la verità è un’altra”. Così inizia il lungo racconto di Lena Dunham che sui social spiega al pubblico la sua malattia e quello che sta succedendo in questi giorni nella sua vita alle prese con una malattia cronica, la sindrome di Ehlers-Danlos che rende instabili le articolazioni a causa di una tensione molto inferiore dei legamenti.

LO SFOGO DI LENA DUNHAM

Non è la prima volta che Lena Dunham parla della sua malattia e delle conseguenze che sta avendo sul suo corpo e la sua professione e lei stessa ha ammesso che la sua lotta contro la sindrome e le sue conseguenze la sta consumando: “Ho la sindrome di Ehlers-Danlos, il che significa che ho bisogno del supporto non solo dei miei amici. Per anni ho resistito a tutto ciò che avrebbe potuto rendere più facile la mia situazione fisica a cominciare dal bastone ma alla fine ho ceduto. Ma è molto meno strano riuscire a essere presenti che stare a letto tutto il giorno”. Alla fine del suo lungo sfogo sui social, l’attrice di Girls ci ha tenuto a puntualizzare tutto anche parlando del pigiama che indossava in strada rivelando che stava andando dal dottore e che voleva essere comoda: “Bieber non ha forse indossato le ciabatte dell’hotel per cinque anni? Sì, quindi io posso indossare la mia camicia da notte per due ore. Un’ora più tardi, avevo cambiato look per andare a fare il lavoro che amo. Questa è la duplice vita di una donna con una malattia cronica”. I fan hanno apprezzato le sue parole e hanno preso di mira coloro che continuano a giudicare, sempre e comunque, prima di capire che dietro un comportamento possa esserci una causa più grande.

Ecco il post e la foto di Lena Dunham:

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I could choose to be embarrassed by these paparazzi pics- I mean, that’s probably the point of someone publishing them in the first place- but I’m really not. I could lie and say it was an early Halloween look (Don’t you get it? I’m going as a con woman leaving a Florida Keys jail after being acquitted of murdering her husband, and now she’s trying to get disability license plates.) But the truth is just: This is what life is like when I’m struggling most with chronic illness. An Ehler-Danlos syndrome flare means that I need support from more than just my friends… so thank you, sweet cane! For years, I resisted doing anything that would make my physical situation easier, insisting that a cane would “make things weird.” But it’s so much less weird to actually be able to participate than to stay in bed all day. And yes, you’d better believe I’m wearing my nightgown. I was walking four feet to the car to go to the doctor and I wanted to be full cozy. I mean, didn’t Bieber wear hotel slippers for like five years? Yeah, so I can wear my glamour nighty for two hours. And then an hour later, I’m in a meeting look tackling the job I love. That’s the two-fold life of a woman with chronic illness; we still rock our dreams and goals and passions (and fashions) and we live many lives in one day. Tell me about your day!

Un post condiviso da Lena Dunham (@lenadunham) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA