Massimo Venturiello, marito Tosca/ “Non posso dire di essere un attore televisivo”

- Emanuele Ambrosio

Non solo il marito di Tosca, Massimo Venturiello è un attore di cinema, teatro e tv: dalla fiction “Il capo dei capi” a “Il sistema”

Massimo Venturiello youtube 640x300
Massimo Venturiello (foto: YouTube)

Massimo Venturiello è il marito di Tosca, la cantante ed attrice teatrale ospite della seconda puntata de “La musica che gira intorno” di Fiorella Mannoia su Rai1. Un amore nato a teatro quello fra l’attore e la cantante che in passato hanno calcato insieme il palcoscenico del Festival di Sanremo in occasione della partecipazione di Tosca con il brano “Il terzo fuochista”. In realtà Venturiello era tra gli autori del brano portato in gara al Festival dimostrando così un grandissimo talento anche nella scrittura. Intervistato da ilsudonline.it però l’attore ha precisato di non avere una preferenza tra tutte le sue capacità artistiche: “questa professione la fai perchè veramente lo desideri, ti appassioni un pò a tutto anche se la cosa che più amo è il teatro quando e mentre lo faccio mi da veramente un’armonia nella mia vita, quando ami così tanto un lavoro ti piace scoprirlo in tutte le sue sfaccettature, ti piace fare regia, capire il testo, però la cosa che amo di più è il travestimento, entrare in un ruolo”.

Proprio con Tosca nel 2008 ha recitato a teatro lo spettacolo “La Strada di Fellini” di cui ha curato anche la regia e per cui ha vinto il premio “Olimpico” come migliore regia, migliori musiche e costumi. L’anno dopo è tornato sul palcoscenico con la moglie nello spettacolo di teatro-canzone Musicanti – sonata a Cosimina”.

Massimo Venturiello, non solo Tosca:  attore di cinema e teatro e doppiatore

Non solo il marito di Tosca, Massimo Venturiello è un artista a 360°. Attore, doppiatore, autore, regista e chi più ne ha ne metta, Massimo si è fatto conoscere ed apprezzare dal grande pubblico interpretando il personaggio di Cesare Carrano nella serie cult “Distretto di Polizia”, ma anche in fiction come “Il Capo dei Capi”, “L’onore ed il Rispetto” e “Il Sistema”.

A distanza di anni però l’attore non nasconde che qualcosa è cambiato: “oggi l’audience è calata moltissimo, alcune cose, anche per fortuna non verrebbero rifatte, anche lì è sempre l’attore che conta quando ci sono degli attori veri come ‘Il Capo dei Capi’ tutto funziona di più, di solito si va avanti col criterio di mettere la bellona di turno ed il resto un pò così, però ci sono delle fiction fatte bene come l’ultima che ho interpretato ‘Il sistema’ ,comunque non posso dire di essere un attore televisivo, capita qualche volta perchè come dicevamo prima il teatro mi porta via un bel pò di tempo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA