Mattia Villardita, lo Spiderman dei bimbi ricoverati/ Costanzo “Altruismo e umanità”

- Davide Giancristofaro Alberti

Mattia Villardita, il giovane premiato da Mattarella per il suo impegno nei reparti di pediatria: con il costume da Spiderman regala momenti di gioia ai piccoli pazienti

villardita spiderman rai 2021 640x300
Mattia Villardita (Rai Uno)

Mattia Villardita, più noto come lo Spiderman savonese”, è stato ospite del programma di Rai Uno “S’è fatta notte”, condotto da Maurizio Costanzo: “Una storia molto bella – lo presenta il noto giornalista e conduttore televisivo – sono proprio contento di averla come ospite e che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella abbia deciso di conferirle la nomina di Cavaliere al Merito della Repubblica”.

Sono tre anni che Mattia, “Spiderman” ligure della zona di Savona, fa visita ai piccoli pazienti dei reparti pediatrici degli ospedali della Liguria, un momento di gioia e svago per provare ad alleviare un po’ il dolore dei teneri pazienti e delle loro famiglie. “Sono stato per 19 anni un paziente del ospedale Gaslini di Genova – ha raccontato parlando con Maurizio Costanzo – causa di una malformazione congenita ad una gamba, ho passato molto tempo nei reparti e ho dovuto subire 7 interventi chirurgici”.

MATTIA VILLARDITA, SPIDERMAN DEI BIMBI RICOVERATI

Avendo vissuto sulla propria pelle cosa significa passare molto, troppo tempo in ospedale, il 27enne Spiderman savonese ha quindi deciso di rendersi utile per stare vicino a bambini e famiglie. Un’azione di altruismo che non è stata fermata nemmeno dal covid e dal lockdown, visto che lo stesso ragazzo ligure ha dato via al suo “show” in digitale, con collegamenti tramite smartphone o computer. “Atti di grande altruismo e umanità – è il commento ammirato di Maurizio Costanzo che poi aggiunge – portare il sorriso ad un bambino che è in ospedale, vi rendete conto di cosa vuol dire?”. Prima della presenza negli studi di S’è fatta notte, Mattia Villardita aveva scritto su Facebook: “Non vi nascondo che l’emozione è grande, ma soprattutto che se un giornalista del suo calibro vuole sapere di me e della mia storia vuol dire che il mio messaggio sta raggiungendo vette davvero importanti”. Emozione a parte, se l’è cavata davvero alla grande.

© RIPRODUZIONE RISERVATA