Maturità 2019: calcolo voto finale/ Requisiti ammissione, crediti, bonus e lode

- Emanuela Longo

Maturità 2019: come si calcola il voto finale? La guida per comprendere il peso dei crediti, i punti bonus e la lode

Liceo scienze umane, seconda prova maturità 2019
Esame di Maturità (Pixabay, 2019)

Mancano poche settimane all’esordio della nuova Maturità 2019 tra le varie novità introdotte con l’ultima riforma dell’esame c’è anche quella relativa alla valutazione. Come si calcola il voto finale? Quanto incidono i crediti? E come poter ottenere la lode? Tentiamo subito di fare chiarezza. Il voto della Maturità come sappiamo è espresso in centesimi e si compone di tre importanti elementi: i crediti acquisiti dallo studente nell’ultimo triennio (da 24 a 40), i voti delle due prove scritte d’esame e quello dell’orale (20 punti per ciascuna). Per non rischiare la bocciatura occorrerà almeno totalizzare 60 mentre 100 è il massimo voto per la Maturità. Indubbiamente, il voto di partenza per l’Esame di Stato è dato dalla somma dei crediti accumulati negli ultimi tre anni (in Terza, Quarta e Quinta). Per essere ammessi alla Maturità occorrerà aver ottenuto la sufficienza in tutte le materie, dunque la media dovrà essere almeno di 6. Non sarà possibile invece essere ammessi se si ha ad esempio un voto alto in una materia ed una insufficienza in un’altra, a meno che non sarà il Consiglio di classe a decidere il contrario. Anche il “voto in condotta” avrà il suo peso e non dovrà essere inferiore a sei decimi. Ulteriore requisito ai fini dell’ammissione è la frequenza che dovrà essere almeno tre quarto dell’orario annuale. Non rappresenterà requisito obbligatorio l’Alternanza scuola-lavoro, né le prove Invalsi. Importante anche pagare per tempo la tassa d’esame non oltre la scadenza.

MATURITÀ 2019: BONUS E LODE, LA GUIDA

Per giungere al voto finale della Maturità 2019, oltre ai voti ottenuti dalle due prove scritte e dall’orale e ai vari crediti acquisiti nel triennio, si deve considerare anche il bonus. In questo caso ciascun studente ha a disposizione un massimo di cinque punti da aggiungere al voto ma a decidere sarà la Commissione che potrà assegnarli al termine della prova orale al fine di alzare il voto finale ad alcuni studenti. Due però i requisiti: essere ammessi all’Esame di Stato con almeno 30 crediti, ed aver totalizzato almeno 50 punti nel corso delle prove, scritte e orale. La decisione finale però sarà sempre a discrezione della Commissione. E sarà sempre quest’ultima a decidere se premiare o meno con lode gli studenti che hanno raggiunto il voto di 100 al termine dell’orale. Ciò potrà accadere se il maturando è giunto all’esame con almeno 40 crediti ed ha ottenuto 40 punti alle prove scritte e 20 all’orale (quindi il massimo) senza il bonus. In generale alla lode si arriva dopo aver avuto durante il triennio una media superiore al 9. Chi otterrà la lode potrà anche godere di un premio in denaro pari a 450 euro e può richiedere anche l’iscrizione all’Albo delle eccellenze del Miur oltre che godere di borse di studio ed altre agevolazioni in diverse università.



© RIPRODUZIONE RISERVATA