Mauro Coruzzi, nuovo show Rtl 102.5 ‘Nessun dorma’/ “Storie di persone diverse”

- Davide Giancristofaro Alberti

Mauro Coruzzi, in arte Platinette, inizia una nuova avventura in diretta radiofonica su Rtl 102.5, tutte le notti da lunedì a venerdì

mauro_coruzzi_2017
Mauro Coruzzi

Mauro Coruzzi, in arte Platinette, presenta il suo nuovo programma radiofonico in onda sull’emittente Rtl 102.5. Si tratta di un talk show rigorosamente notturno, dal titolo Nessun Dorma, e che si terrà dal lunedì al giovedì dall’una alle tre, a cominciare dalla prossima settimana, precisamente dal 29 novembre. Assieme a Mauro Coruzzi altri personaggi come il Maggiordomo di Cetraro, Armando Piccolillo, il Night Social Man, Leo Di Mauro, e i Telefonisti, Paolo Riccomi e Piervincenzo Vitiello. “C’è un territorio da esplorare che io non conosco o, meglio, che conosco in parte e ho idea che sia molto più composito di quello che possiamo supporre o immaginare – racconta Mauro Coruzzi parlando di questa sua nuova avventura che sta per iniziare – è fatto non tanto dai cittadini della notte, da coloro che per lavoro, per insonnia o per qualche stradannato o benedetto motivo stanno svegli di notte”.

Quindi Platinette ha aggiunto: “Mi piace pensare che ci possa essere un sottotitolo a ‘Nessun dorma’ trasformabile in ‘Nessun dorme’. Nel senso che mi piacerebbe solleticare interesse e curiosità intorno a vicende o a persone che non conosciamo evidentemente perché stanno chissà dove e fanno chissà cosa e che diventano in un momento – in cinque minuti di conversazione – un mondo interessante da conoscere”.

MAURO CORUZZI: “IL MIO SHOW COME ‘UNA NOTTE IN ITALIA’”

Mauro Coruzzi si sente quasi come un cacciatore: “Uso il termine, forse improprio, di ‘cacciatore’, ma è proprio una sorta di esplorazione”. Il nuovo talk show radiofonico di Rtl 102.5 viene paragonato da Platinette ad una nota canzone italiana: “Penso ad esempio – come ahimè faccio sempre con i riferimenti alla musica – a una canzone strepitosa come ‘Una notte in Italia’ di Ivano Fossati, così come per contrasto penso anche a ‘Ma la notte no’ di Arbore”. Obiettivo dello show quello di mettere “vicine, appaiare o tenere in qualche modo su un binario in parallelo storie e persone molto differenti tra loro”. Mauro Coruzzi ricorda come la radio unificante sia inclusiva “’Very Normal People’ significa questo: l’inclusivo non si tiene fuori nulla, tutto ciò che ha un senso e che è in un qualche modo d’aiuto deve avere un luogo e questo luogo è la radio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA