Mietta/ “Io scartata da Sanremo, ma non significa che…” (Domenica In)

- Rossella Pastore

Mietta ospite a Domenica In per parlare della sua esclusione dal Festival di Sanremo. L’artista si esibisce poi…

mietta domenica in 640x300
Mietta (Domenica In)

Al contrario di altri cantanti, Mietta non è rimasta delusa dall’esclusione del suo brano dal Festival di Sanremo 2020, così come, del resto, le è già accaduto in passato: “non sono stata accolta, tantissimi artisti della mia generazione non sono stati accolti, ma questo non significa che uno non possa riproporsi e che non possa poi fare altre cose. Io con “Milano” – ricorda la diva della musica italiana – Non sono stata presa lo scorso anno, ma è andata benissimo in radio, è stato un bellissimo successo”. Lontana anni luce dalle polemiche, Mietta si esibisce quindi con “Cloro”, un brano che avrebbe voluto presentare a Sanremo, ma al quale ha successivamente preferito un altro. Tuttavia, non porta alcun rancore e oggi si dice certa che Amadeus riuscirà a portare in scena un’ottima kermesse: “Io credo che questo sarà un gran Festival”, conclude Mietta a Domenica In. (Agg. di Fabiola Iuliano)

Mietta: il successo a Sanremo

C’è anche il nome di Mietta nel parterre del momento talk di Domenica In, che in questa puntata sarà dedicato al commento del cast del Festival di Sanremo. La cantante tarantina figura proprio tra gli esclusi di questa edizione, insieme ad altri nomi illustri della musica italiana. A distanza di quasi trent’anni dall’esordio su quel palco (in coppia con Amedeo Minghi, ricordiamo), Mietta aveva forse intenzione di riprovarci e di riprovare a vincere. Sarà per la prossima volta: per il momento, infatti, si gode il successo che ha avuto già quest’estate con il suo nuovo singolo Milano è dove mi sono persa. In diverse occasioni, la Miglietta ha descritto così la sua ultima fatica discografica: “Una canzone stralunata, grintosa e passionale, l’ho sentita da subito mia, è arrivata al momento giusto con una ‘nuova’ Daniela, che ha voglia di rimettersi in gioco. Un brano che ricorda come, a volte, per ritrovarsi, bisogna perdersi”.

Il ritorno di Mietta

Se Mietta si è ritrovata, lo stesso ha fatto anche il pubblico, che dopo anni di assenza dalle scene è tornato ad apprezzarla in una veste tutta nuova. Abbandonati i panni della giovane un po’ svampita e insicura, Mietta torna in Tv più in forma che mai. Fino a qualche settimana fa, l’artista è stata impegnata come giudice nel programma televisivo All Together Now, dove si è distinta per la sua bravura e per l’adattabilità anche a questo ruolo inedito. Eppure, come lei stessa afferma, la sua vita non è stata sempre rosa e fiori. Anzi: Daniela Miglietta – abbandoniamo emblematicamente il suo nome d’arte – ha sofferto e soffre ancora oggi di attacchi di panico. E non è nemmeno la sola, tra i grandi personaggi del mondo dello spettacolo. Insieme a lei, hanno dichiarato di essere affette da questo disturbo anche Michelle Hunziker, Bianca Guaccero e Paola Perego.

Mietta sugli attacchi di panico: “Parlarne è terapeutico”

“Questa cosa deve essere raccontata. Nessuno dovrebbe aver paura di farlo. È terapeutico per chi come me sta combattendo contro dei forti attacchi di panico”. Così Mietta, 50 anni lo scorso novembre, ha spiegato la sua necessità di affrontare questo tema per fare chiarezza con se stessa e col suo pubblico. “Quando i miei genitori si sono separati è stato il periodo in cui ho sofferto di più. Per un po’ sono spariti ma poi sono tornati più forti che mai”, ha ammesso inoltre l’artista. Nell’intervista rilasciata a Verissimo, Mietta ha anche provato a darsi una spiegazione: “Non ho mai capito perché venivo sovrastata da quel tipo di attacco. Forse la causa va ritrovata nella mia iper-sensibilità. Credo che sia una condizione per tutte le persone emotivamente sensibili. Anche al mio primo Sanremo ero in panico. Mi vergognavo e tutti hanno pensato che fossi cupa, timida e insicura di me stessa”. Oggi, comunque, sta molto meglio: “Non è semplice venirne fuori, ma si può. Basta combattere con tenacia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA