MORGAN VS JUNIOR CALLY/ Parodia choc a Vieni da me: “Le donne le violenterei tutte”

- Davide Giancristofaro Alberti

Morgan è pronto per Sanremo 2020 dove porta in gara “Sincero” con Bugo, ma si scaglia contro Junior Cally: parodia choc a Vieni da me

morgan junior cally
Morgan, parodia di Junior Cally a Vieni da me

Dopo l’attacco frontale delle scorse ore, Morgan è tornato a scagliarsi contro Junior Cally nel corso di un’intervista rilasciata ai microfoni di Vieni da me. Marco Castoldi, affiancato da Bugo, si è presentato con una sciarpa a coprire il viso per dileggiare il rapper mascherato e, in forma di parodia, ha rilasciato alcuni comment choc: «Le donne le violenterei tutte, sono un rapper: io voglio violentare le persone». «Io sono venuto a fare violenza verbale», ha aggiunto Morgan, poi rivolgendosi a Francesco Facchinetti: «Sei brutto, sei antiquato: ti strappo la faccia». Un incidente diplomatico, ha commentato Caterina Balivo, con Bugo – sposato con una diplomatica – che ha minimizzato: «Devo fare due o tre telefonate, è complicato Caterina (ride, ndr)». Subito dopo il leader dei Bluvertigo ha precisato: «Non sono un rapper, sono Morgan: la mia era una provocazione al rap e per farvi capire che sono Morgan vi recito un passo de La Divina Commedia». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

Morgan vs Junior Cally, caos a Sanremo

Morgan torna a Sanremo 2020 con “Sincero”, un brano cantato in coppia con Bugo. A poche ore dalla kermesse il cantautore però si scaglia contro il collega Junior Cally dalle pagine del Corriere. In particolare Morgan parla dei testi della canzoni del rapper che tanto hanno fatto discutere nelle settimane pre – Festival: “ci sono cose indecenti che non meriterebbero di essere pubblicate. Ho letto dei testi in cui Junior Cally parla di atti sessuali con un linguaggio che non c’entra con Boccaccio o De Sade. Quella non è verità della parola come dicono ma qualcosa di brutto, volgare e violento”. Nessuna censura da parte del cantautore, ma semplicemente precisa “questa roba non fa paura al potere, anzi è strumento del potere”. Non solo, Morgan parla anche della sua esclusione da Sanremo 2010 per via della droga: “fu un atto di mobbing. Allora ero sulla cresta dell’onda con “X Factor” e non capii la portata dell’evento. Venni preso come il cattivo esempio. Da lì è disceso tutto il resto, come lo sfratto da casa. Se sono qui è perché non ce l’hanno fatta a distruggermi e non ce la faranno mai. Ma togliendomi la mia casa di artista hanno ucciso quel Morgan”.

Morgan a Sanremo 2020 in gara con Bugo

Morgan, l’istrionico cantautore all’anagrafe Marco Castoldi, torna al Festival di Sanremo dopo la sua ultima partecipazione 4 anni fa, con l’ex band Bluvertigo e con il brano Semplicemente. In realtà, Morgan ha solcato il palco dell’Ariston anche l’anno scorso, assieme al collega Achille Lauro, portando un brano che si è confermato una vera e propria hit di tutta la stagione invernale, l’originale Rolls Royce. Quest’anno l’artista partecipa assieme ad un altro cantautore molto promettente del panorama indie italiano, Bugo, portando il brano “Sincero”, una dichiarazione di trasparenza e di genuinità, quasi una confessione e un flash back di due talenti della musica italiana. Dopo aver recentemente rifiutato di partecipare ad una delle puntate del programma “Live, non è la D’Urso”, della Barbara nazionale, Morgan ha dichiarato al magazine Rolling Stone di sentirsi pronto a rimettersi in gioco nel campo che gli è più affine, quello della musica, vera e sincera come il titolo del brano che porta alla kermesse sanremese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA