Raffaella Carrà e Elisa a Sanremo/ La cantante “ecco perché avevo abiti bianchi ed ero scalza”

- Emanuele Ambrosio

Elisa e Raffaella Carrà insieme a Sanremo 2001: nello speciale “Raffaella & Friends”, c’è spazio anche per ricordare l’unico Festival condotto dalla regina della tv

Elisa
Elisa su Instagram

Elisa e Raffaella Carrà insieme a Sanremo 2001: nello speciale “Raffaella & Friends”, c’è spazio anche per ricordare l’unico Festival condotto dalla regina della tv. Un momento importantissimo per la carriera della Raffa nazionale scomparsa il 5 luglio del 2021 all’età di 78 anni a causa di un tumore ai polmoni. A distanza di un mese l’azienda di Viale Mazzini ha pensato bene di omaggiarla e ricordarla ancora con la messa in onda di uno speciale dal titolo “Raffaella & Friends” in cui vengono riproposti sketch e filmati della Carrà in compagnia di amici, colleghi, ospiti e personaggi del mondo dello spettacolo. Tra questi c’è anche Elisa, la cantante che ha trionfato nel 2001 durante la sola edizione del Festival di Sanremo condotto proprio dalla Carrà. “Chi devi ringraziare?” chiese la Carrà ad una emozionata Elisa che rispose “la vita, tutti…la vita”. Sul palcoscenico del Teatro Ariston di Sanremo, Elisa interpretò a piedi nudi “Luce (Tramonti a Nord Est)”, la canzone vincitrice del Festival di Sanremo 2001 che quell’anno mise d’accordo tutti: critica e pubblico.

Elisa: “Sanremo? Una cosa grande e irripetibile”

Elisa, infatti, vinse non solo il Festival, ma anche il Premio della Critica dedicato a Mia Martini. Proprio quest’anno la cantautrice ha ricordato quel momento magico della sua carriera sui social scrivendo “in un attimo sono passati vent’anni dalla mia vittoria a Sanremo nel 2001. Avevo 23 anni, avevo fatto due album in inglese ed era la mia prima volta in italiano, e la canzone che avevo scritto parlava di una storia vissuta sulla mia pelle”.

Non solo, la cantante ha anche rivelato perché sul palcoscenico ha indossato abiti bianchi e sempre scalza: “mi ero disegnata i vestiti che indossavo sul palco, tutti sempre e solo bianchi perché era il colore del lutto nella cultura cinese che in quel momento studiavo molto e rappresentava per me la fine della storia d’amore di cui parlavo nella canzone”. Un’esperienza unica per l’artista che ha concluso dicendo: “sono tornata a casa con la consapevolezza di aver vissuto una cosa grande e irripetibile, anche per questo non sono mai più tornata in gara ma solo come ospite”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA