Rangnick al Milan?/ Bertone: “Sarà vera rivoluzione e con Arnault…” (esclusiva)

- int. Federico Bertone

Intervista esclusiva a Federico Bertone sul presunto approdo di Ralf Rangnick al Milan e dell’interesse di Arnault alla cessione del club rossonero.

Ralf Rangnick maglione lapresse 2020
Ralf Rangnick, Head of sport and development soccer del Lipsia (Foto LaPresse)

Pare ormai sicuro l’arrivo al Milan di Ralf Rangnick,  attuale responsabile dello sport e dello sviluppo calcistico del gruppo Red Bull. Stando infatti alle ultime indiscrezioni che circolano attorno a Milanello, pare che ormai sia tutto deciso: il manager tedesco  a fine stagione arriverà in casa rossonera, in qualità sia di direttore tecnico (prendendo dunque il posto di Maldini) che di allenatore, scalzando dalla panchina del Diavolo Stefano Pioli. La notizia ovviamente ha spaccato la tifoseria milanista, sempre più preoccupata del futuro del club rossonero, che pare accingersi a vivere una vera rivoluzione, l’ennesima in pochi anni. Il tutto mentre pure non si spengono le voci che danno per continui i contatti tra il Fondo Elliott, proprietario del club e Bernard Arnault, a capo del gruppo del lusso LVMH. Per saperne di più di quanto sta accadendo in casa rossonera e dell’arrivo di Rangnick al Milan, abbiamo sentito Federico Bertone: eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

Rangnick arrivo sicuro ormai al Milan? Direi proprio di sì, ormai il suo arrivo può considerarsi sicuro. Rangnick arriverà al Milan.

Svolgerà la carica sia di allenatore che di direttore tecnico? E’ molto probabile anche se c’è una minima possibilità che Pioli possa restare come allenatore.

Cosa cambierà nel Milan nel prossimo futuro? Tutto! Ci sarà una vera e propria rivoluzione e questo potrebbe essere una buona cosa con la competenza calcistica di Rangnick, uomo abituato a scoprire talenti di grande valore. Un Rangnick che nel suo passato ha fatto molto bene sia al Salisburgo che al Lipsia.

Chi si occuperà nel mercato? Lo stesso Rangnick coadiuvato responsabile dello scouting del Milan Geoffrey Moncada. Assieme dovrebbero occuparsi del mercato del club rossonero.

Paolo Maldini resterà nella società rossonera? No lo escludo Maldini non rimarrà più al Milan.

Come vede il futuro del Milan? Positivo perchè questo segnali di cambiamento non possono che far sperare in un Milan molto competitivo nei prossimi anni.

Crede che sia possibile invece un interessamento di Arnault?So per certo che Arnault sta trattando l’acquisizione del Milan con Elliott. In realtà Arnault non è un tifoso, entrerebbe nel Milan per altri motivi. E’ del resto il re del lusso e della moda, il terzo uomo più ricco al mondo. Il suo ingresso nella società rossonera sarebbe legato a quello della costruzione dello stadio, Arnault vorrebbe investire nel Milan per avere anche un ritorno economico.

Quanto sarebbe importante questa cosa? Sappiamo che la costruzione del nuovo stadio è fondamentale per Milan e Inter. La costruzione poi della cittadella dello sport attorno allo stadio sarebbe molto importante a livello d’immagine, economica per Arnault che potrebbe trarne anche un profitto considerevole.

Cosa cambierebbe in tal senso nel Milan? Molto perchè avremmo finalmente una società solida da tutti i punti di vista. Un club che dopo aver superato inizialmente i problemi del fair play finanziari potrebbe mettersi al livello dei più forti del mondo e rendere il Milan una squadra molto competitiva.

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA