Rc Auto familiare da oggi 16 febbraio/ Cos’è, come funziona l’assicurazione allargata

- Niccolò Magnani

Rc Auto familiare, da oggi 16 febbraio le novità: che cos’è e come funziona la polizza di assicurazione “allargata” anche a moto e scooter. Il supermalus

Multe scooter
Controlli su scooter, immagini di repertorio (LaPresse, 2020)

Da oggi 16 febbraio 2020 è in vigore la nuova normativa su l’Rc Auto familiare “allargato” a tutti i veicoli: con il provvedimento del 14 febbraio 2020 attuativa del Decreto Fiscale di fine dicembre si estendono le “agevolazioni” previste dal 2007 dalla legge Bersani. Come spiega il Sole 24 ore, in sostanza l’attribuzione della classe di merito «maturata dal veicolo del conducente più “virtuoso” del nucleo familiare anche ai nuovi mezzi dello stesso tipo – auto con auto, moto con moto – che rientrano nel nucleo familiare» viene ora estesa anche a veicoli diversi a patto che non abbiano causato incidenti negli ultimi 5 anni. Come molti hanno evidenziato, anche polemicamente in queste settimane, con questo “nuovo” Rc Auto familiare potranno beneficiarne i giovani appena in possesso di scooter e motorini: il bonus maturato dai genitori con le proprie auto viene “esteso” anche ai figli possessori di motoveicoli. La nuova Rc Auto familiare – che entra in vigore grazie al Decreto Milleproroghe – porterà ad un risparmio medio del 53% sulla polizza assicurativa visto che ora sarà possibile attribuire a tutti i veicoli di una famiglia, anche diversi, la classe di merito più bassa presente nel nucleo.

RC AUTO FAMILIARE: COME FUNZIONA?

«Non importa se il veicolo o la polizza viene intestata ad un componente della famiglia diverso da chi detiene la CU più bassa, perché automaticamente potrà beneficiarne anche il nuovo intestatario», spiega l’ottimo focus di Motori Online, in cui viene sottolineato il perno cardine della nuova legge approvata dal Governo, ovvero l’esibizione del certificato dello stato di famiglia nel momento in cui stipula la nuova polizza. Per poter ottenere questo documento – che racchiude tutte le persone che abitano nella stessa casa – basterà effettuare la domanda online con i dati presenti nelle singole tessere sanitarie dei vari componenti familiari: attenzione però, nell’ultimo Decreto è stato approvato un emendamento che rende ora assai più svantaggioso a livello di esborso economico in caso di incidente per moto o scooter. È stato inserito una sorta di “supermalus” per tutti quelli che decideranno di utilizzare l’Rc Auto familiare per il proprio mezzo a due ruote: in caso di incidente con danni superiori ai 5000 euro, avverrà un declassamento pari a 5 classi di merito sulla successiva stipula. Attenzione però, il declassamento avverrà solo per il responsabile dell’incidente e non per l’intero nucleo familiare. Ad ora non è dato sapere se e come interverranno le varie assicurazioni su prezzi e offerte dopo l’ingresso in vigore della nuova Rc Auto anche se diverse sigle di settore ipotizzano possibili aumenti sulle componenti accessorie (furto incendio, atti vandali etc etc) delle singole polizze assicurative.

© RIPRODUZIONE RISERVATA