RISTORAZIONE/ Oltre 3 genitori su 4 vogliono la ripartenza delle mense nelle scuole

- Manuela Falchero

Una ricerca Ipsos rivela il parere positivo degli italiani sulle mense scolastiche in termini di salubrità, educazione al consumo, socialità

Mensa Refettorio Ambrosiano Lapresse1280 640x300
Lapresse

Durante il lockdown e i periodi di didattica a distanza, l’alimentazione dei più piccoli a casa è stata frequentemente irregolare, sbilanciata e priva di cibi nutrienti ed essenziali per la crescita, come, per esempio, frutta, verdure e pesce. Quasi un bambino su tre è aumentato di peso. E così, ora che, complice la campagna di vaccinazione, si affronta il ritorno in presenza sui banchi di scuola, il 76% dei genitori italiani guarda con favore alla riapertura delle mense scolastiche, in quanto consapevole del modello alimentare completo e di qualità fornito a scuola e del grande valore del pasto qui consumato in termini di salubrità, educazione al consumo consapevole, socialità e crescita personale. Una forte fiducia, insomma, che pure non prescinde da un naturale bisogno di chiarimenti rispetto a come verrà gestito il servizio in questa nuova fase. 

È quanto emerge dalla ricerca “La ristorazione a Scuola: aspettative delle famiglie nel post-Covid e la desiderabilità/essenzialità del servizio”, condotta da Ipsos per l’Osservatorio Cirfood District con l’obiettivo di analizzare le abitudini alimentari delle famiglie italiane a casa, l’impatto del lockdown sull’alimentazione dei più piccoli e le aspettative e i bisogni dei genitori, rispetto alla ripartenza del servizio di refezione per l’anno scolastico 2021/2022. 

“Oltre che dal punto di vista nutrizionale – afferma Chiara Nasi, Presidente di Cirfood, la Cooperativa Italiana di Ristorazione che, a pieno regime, serve ogni giorno 300mila studenti in oltre 450 Comuni in tutta Italia -, crediamo da sempre nella responsabilità sociale e formativa che il servizio di ristorazione scolastica ha nei confronti dei bambini, ma oggi più che mai, in un contesto in cui la povertà alimentare e la malnutrizione risultano essere in crescita esponenziale, intendiamo continuare a impegnarci affinché tutti possano accedere a un pasto sicuro e di qualità. Inoltre, è riconosciuto dalle famiglie italiane il valore economico e strategico del nostro settore, a riprova dell’importanza che ricopre per la ripresa del Paese”. Secondo gli intervistati, infatti, la ristorazione scolastica ha effetti positivi sulle imprese del territorio (88%), consente ai genitori di migliorare l’organizzazione familiare (74%) e favorisce l’occupazione femminile generando nuove opportunità lavorative (85%).

Un servizio prezioso, insomma, tanto che i genitori dei bambini che frequentano istituti dove non è presente lo reclamano: secondo la ricerca, l’84% di loro ritiene infatti la mensa essenziale in caso di tempo pieno. Ma anche in presenza di tempo scuola ridotto, oltre un genitore su due sarebbe interessato a usufruirne. 

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA