Rosolino/ “Federica Pellegrini faticherà a togliersi il costume, io ancora tesserato”

- Davide Giancristofaro Alberti

Il commento di Massimiliano Rosolino alla finale di Federica Pellegrini alle olimpiadi di Tokyo: “Faticherà a togliersi il costume e a vestirsi casual”

rosolino agor rai 2021 640x300
Massimiliano Rosolino ad Agorà Estate

Massimiliano Rosolino è stato in collegamento da Tokyo stamane con il programma di Rai Tre, Agorà Estate, per commentare le ultime gesta dei nostri atleti impegnati alle Olimpiadi, a cominciare da Federica Pellegrini. La Divina ha chiuso al settimo posto la sua ultima finale nei 200 metri stile libero, dicendo addio alle vasche: “Federica dà l’addio al nuoto per così si può dire, perchè Federica farà fatica, sono certo, a levarsi il costume e rimanere in un abbigliamento casual – è il commento di Rosolino – è stata l’unica al mondo che è riuscita a fare cinque finali olimpiche sulla stessa disciplina e anche oggi si è divertita, e questa è la cosa che contraddistingue una campionessa. Siamo nell’eccellenza, siamo nei giochi olimpici, e fa parte del gioco vedere gli altri che migliorano e io ne so qualcosa…”.

Il conduttore di Agorà Estate chiede quindi a Rosolino se ha qualche consiglio da dare alla Pellegrini in vista del ritiro: “In verità volevo chiederglielo io a lei, visto che io non ho mai avuto il coraggio di ritirarmi definitivamente in quanto ancora adesso sono un tesserato. Ma il consiglio che le do è quello di fare quello che ha fatto negli ultimi anni anche nella vita privata, prima di tutto tenersi in forma perchè le olimpiadi servono anche per promuovere lo sport di base, quello che ci fa stare bene per tutto il resto della vita”.

MASSIMILIANO ROSOLINO: “LA PELLEGRINI? L’HO VISTA DA QUANDO AVEVA 16 ANNI…”

“Io l’ho vista da quando aveva 16 anni ad Atene – ha proseguito Rosolino – evolversi e cambiare, divertirsi sempre di più, questo deve trasmettere, lei è un’ambasciatrice dello sport nazionale non soltanto delle acque”. Quindi ha concluso così: “Lei ha fatto il buono e il cattivo tempo, è stata sempre sulle prime pagine perchè non ha mai avuto filtri e questa forse è la cosa che poi le ha permesso di evolversi e di imparare anche a dosare le energia in vasca e nella vita quotidiana, così come non si è fatta mai abbattere nella critica non si è fatta mai troppo esaltare da quello che è il riflettore puntato sulla sportiva numero uno in Italia”



© RIPRODUZIONE RISERVATA