ROSSINI OPERA FESTIVAL 2019/ Il ritorno di Semiramide fa brillare tre protagonisti

- Giuseppe Pennisi

L’opera Semiramide è tornata in scena per la terza volta al Rossini Opera Festival, aprendo l’edizione numero 40 domenica scorsa

Rof2019 SemiramideCS1280
Salome Jicia sul palco del Rof 2019

Il quarantesimo Rossini Opera Festival (Rof) è iniziato l’11 agosto all’Arena di Vitrifrigo a Pesaro. L’opera inaugurale è stata Semiramide, una nuova produzione, la terza da quando il Festival ha preso l’avvio nel 1980. Questo eros, sesso e potere sembrano essere il tema della manifestazione. Tema molto esplicito nella prima delle tre opere, presentato in modo quasi scolastico da un Rossini adolescente, e reso argomento di una commedia “per adulti” nella terza i cui doppi sensi fecero cadere la scure della censura dopo solo tre rappresentazioni a Bologna.

Semiramide è l’ultima opera che Rossini compose su commissione di un teatro italiano: La Fenice di Venezia, dove ha avuto il debutto il 3 febbraio 1823. Semiramide è anche tra le pochissime opere serie di Rossini che è stata eseguita, anche se spesso in versioni mutilate, per tutto l’Ottocento. Ciò principalmente a causa di due cantanti, le sorelle di Marchisio (un mezzosoprano/contralto e un soprano) che sono state protagoniste di importanti produzioni a Parigi e altrove, tra cui l’inaugurazione, nel 1889, dell’allora nuovissimo Teatro Costanzi (ora Teatro dell’Opera) di Roma.

Semiramide è un’opera di dimensioni wagneriane. Il primo atto si snoda in 140 minuti, anche se ha solo sette numeri musicali, oltre l’ouverture. Il secondo atto dura 120 minuti e ha sei numeri musicali. Ogni numero musicale è una scena, anche quando esso comprende solo un recitativo e un’aria o un duetto. I recitativi sono accompagnati, non “secchi”. L’orchestra ha un ruolo importante, più importante che in molte opere di quel periodo, tra cui quelle di Rossini. L’orchestrazione è di lusso e richiede un ensemble di grandi dimensioni dove gli strumentisti siano tutti molto esperti e abituati a lavorare insieme.

Il Rof e la Fondazione Rossini hanno effettuato un importante lavoro filologico per ricostruire Semiramide come originariamente concepito dal compositore: come un’opera grandiosa, ancora più opulenta di quelle ideate da Gaspare Spontini per l’Imperatore di Francia e il re di Prussia. La produzione, che ha debuttato al Rof, è una joint-venture con l’Opéra Royal de Wallonie-Liège dove sarà vista e ascoltata l’anno prossimo.

Il libretto, di Gaetano Rossi, è tratto da una tragedia di Voltaire. La trama è, allo stesso tempo, semplice e complessa. La Regina Semiramide (Salome Jicia) ha ucciso il proprio marito Nino quindici anni prima che si alzi il sipario. Suo partner nell’omicidio è stato il generale Assur, allora suo amante (Nahuel Di Pierro). Assur sperava di sposare la Regina e per questo motivo ha fatto sparire il figlio di lei e di Nino, Ninia (Varduhi Abrahamyan). Semiramide non ha mai sposato Assur ed ora è attratta dal giovane generale Arsace: né la Regina, né il giovane sa che è Ninia. In realtà, Arsace è innamorato della principessa Azema (Martiniana Antonie) che, a sua volta, è corteggiata dal re indiano Idreno (Antonino Siragusa). In questo pasticcio, il sommo sacerdote Oroe (Carlo Cigni) impedisce il matrimonio incestuoso tra Semiramide e Arsace e anche le ambizioni di Assur di impalmare la Regina e diventare Re. Dopo un certo numero di complicazioni, Arsace scopre che egli è Ninia e cerca di uccidere Assur che aveva assassinato suo padre, ma nel buio del Mausoleo di Nino pugnala a morte sua madre, Semiramide.

Il vero protagonista è il maestro concertatore e direttore d’orchestra Michele Mariotti (ora una star internazionale) che guida l’orchestra sinfonica nazionale della Rai. Non solo, come detto in precedenza, l’orchestrazione è elemento chiave dell’opera, ma Mariotti e l’orchestra l’hanno resa smagliante e fusa sapientemente con la parte vocale. Mariotti ha dato gli “attacchi” per i cantanti, in modo che l’opera scorresse molto bene per più di quattro ore e mezza, compreso un intervallo. Mariotti rallenta e accelera i tempi, accentuando la drammaticità del lavoro.

Semiramide è un’opera dove dominano le voci femminili; come ricordato, è rimasta nel repertorio anche nei decenni in cui imperava il melodramma verdiano principalmente a causa di due sorelle che interpretavano la Regina e il giovane generale Arsace. Al Rof c’erano due splendide voci. Il soprano Salome Jicia è ben noto e pochi mesi fa questa testata ha riferito il suo successo al Maggio Musicale Fiorentino come protagonista de La straniera di Bellini. Il mezzosoprano/contralto armeno Varduhi Abrahamyan è stata una vera rivelazione almeno per me. L’avevo ascoltata all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ma sono rimasto colpito dalla sua abilità drammatica e vocale in un difficile ruolo. Particolarmente affascinanti i loro duetti, in particolare quella, altamente drammatica, al secondo atto. Nahuel Di Pierro ha il giusto tocco di basso-baritono rossiniana e Antonino Siragusa è un tenore di buona tessitura rossiniana ben preparato e con esperienza. Martiniana Antonie è un buon soprano leggero e Carlo Cigni un basso autorevole. Il coro del Teatro Ventidio Basso, guidato da Giovanni Farina, era efficace, ma in quest’opera non ha un ruolo simile a quelli del periodo napoletano di Rossini.

Nel 1992, con una bella regia di Hugo De Ana la prima produzione di Semiramide al Rof è stata abbastanza tradizionale. Nel 2003, la seconda produzione (affidata a Dieter Kaegi) fu piuttosto controversa perché sembrava sviluppare la trama tra “guerre stellari” e astronavi. In questa terza produzione, l’azione si svolge in un’epoca atemporale. L’ambiguità di genere è accentuata dal fatto che sia la Regina, sia Arsace indossano un tailleur nero e scarpe a tacchi alti. Assur tenta di riconquistare Semiramide con amplessi sui divani di un salotto di una moderna grande città. L’ombra di Nino è sempre in scena. La regia di Graham Vick, le scene e i costumi di Stuart Mann, le luci di Giuseppe Di Iorio accentuano l’atemporalità del dramma e gli sviluppi psicologici. Mi ha appassionato, ma non tutto il pubblico ha gradito.

Applausi dopo ogni numero. Ovazioni a Mariotti e alle due protagoniste femminili, ma fischi misti ad applausi al “team creativo” responsabile di regia, scene e costumi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA