Shaila Gatta, “Per molto tempo non ho parlato con mio padre/ “Una volta andai…”

- Giulia Bertollini

Shaila Gatta ha raccontato le difficoltà che ha vissuto prima di approdare al mondo della televisione. In un’intervista al Corriere della Sera ha rivelato: “Dormivo su…”

Shaila Gatta 640x300
Shaila Gatta (Foto: web)

Shaila Gatta è tornata ad esibirsi sul bancone di “Striscia la Notizia” per sostituire le sue eredi Giulia e Talisa, fermate dalla quarantena per Covid. Intervistata dal Corriere della Sera, la ragazza ha raccontaot le difficoltà iniziali vissute in famiglia: “Mio padre Cosimo è autista Asl, mamma Luisa ha fatto per anni la sarta in casa. Soldi non ce n’erano tanti e per poter studiare danza alla Scuola Harmony di Napoli ho dovuto fare molte rinunce”. Per esempio, “niente abiti firmati, i tutù me li cuciva mamma”. Shaila ha deciso però di partire per Roma contro la volontà del padre che non riusciva ad accettare la sua passione per la danza: “Mi sono trasferita a 16 anni, da sola. Mi ero diplomata in anticipo in danza classica e restando a Napoli non avrei potuto fare molto di più. Così, contro la volontà di mio padre, che non capiva come la mia passione potesse trasformarsi in mestiere, mi cercai una stanza a Roma. Per molto tempo io e lui non ci siamo rivolti la parola, anzi, ero io quella arrabbiata con lui. Oggi capisco che la sua era solo paura, e forse anche frustrazione per non potermi dare quanto avrebbe voluto”. Shaila Gatta ha raccontato di aver vissuto in condizioni disagiate per un periodo di tempo: “Dormivo su un materasso gonfiabile, tenevo la valigia aperta per gli abiti. I miei mi davano 400-500 euro al mese. Mangiavo pasta e fagioli o pasta e pomodorini per settimane”.

Shaila Gatta ha sostenuto diversi provini prima del debutto ad “Amici”: “Una volta andai…”

Shaila Gatta ha rivelato di aver sostenuto numerosi provini prima del trampolino di lancio ad “Amici”, talent che le ha regalato la popolarità. La ragazza ha spiegato: “Respiravo il clima di quell’ambiente. Una volta andai a un’audizione per un programma su Canale 5 di Enrico Brignano, gli piacqui, ma l’età era un problema e non se ne fece nulla. Stessa sorte con Luciano Cannito, che mi suggerì di provare con Amici”. Tra l’altro, la danza era nel suo DNA visto che Shaila si chiama così per una ragazza di “Non è la Rai”: “Mi chiamo Shaila per Shaila Risolo di Non è la Rai. Mia sorella, Jessica, aveva chiesto a mia madre una sorellina che avesse quel nome e facesse la ballerina. Accontentata”.

Ora che è diventata popolare in tv e i soldi non le mancano pensa anche ai suoi genitori, ripagandoli dei sacrifici fatti per farle studiare danza: “Ogni mese mando dei soldi a mamma per farsi dei regali. E’ il mio modo per dire grazie”. Dopo Amici sono arrivate tante cose: il Capodanno con Carlo Conti, Tu sì que vales, ha ballato a Sanremo. Ma la svolta fu a Ciao Darwin perché li venne notata dalla coreografa di Striscia la notizia: “Con sorpresa tre mesi dopo mi convocano a Milano e davanti alla proposta sul tavolo leggo che si tratta di Striscia. Scusate, in che senso?’, chiesi. Era tutto vero”.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA