Stefano De Martino, lettera al figlio Santiago/ “Da quando esisti non sono più…”

- Stella Dibenedetto

Stefano De Martino, la toccante e lunga lettera al figlio Santiago: “Da quando esisti tu, non sono più frenato nel dire ti voglio bene”.

Stefano De Martino
Stefano De Martino a Domenica In

Stefano De Martino è diventato papà a soli 24 anni. La nascita di Santiago, frutto del suo amore, oggi finito, con Belen Rodriguez, ha cambiato la vita del conduttore napoletano che ha cambiato le proprie priorità mettendo la felicità di suo figlio al primo posto. Padre presente nella vita di Santiago con cui trascorre tutto il suo tempo libero, concedendosi anche dei weekend padre-figlio, Stefano De Martino gli ha dedicato una lunga e bellissima lettera d’amore. Il conduttore napoletano, a Vanity Fair, ha parlato della paternità, del suo essere un papà giovane di un bambino di otto anni, ma anche del rapporto con il suo stesso padre. Nella lettera che Stefano legge in un video pubblicato sulla pagina Instagram di Vanity Fair, De Martino svela che, con la nascita di Santiago, ha capito quanto sia importate dire “ti voglio bene” alle persone importanti della propria vita.

La lettera di Stefano De Martino a Santiago

La lettera di Stefano De Martino al figlio Santiago inizia con un ricordo legato al padre. ‘’Ho un padre che mi ha sempre amato immensamente, ma che ha avuto il coraggio di dirmelo per la prima volta soltanto quando avevo 19 anni. Sapevo che mi amava, ma sentirselo dire è stata una delle emozioni più forti della mia vita. È per questo che non passa giorno senza che io lo dica a te, Santi. Ti accarezzo la testa, ti abbraccio, ti dico ti voglio bene, tutti i giorni. E da quando esisti tu non sono più frenato nel dirlo anche a lui, a mio padre”. Poi, rivolgendosi al suo bambino, il più grande amore della sua vita, aggiunge: “Vorrei sapessi che le lacrime di un uomo non sono per forza debolezza e la forza di un uomo non sta nel nascondere i suoi sentimenti e le sue emozioni. Ci parliamo oggi, ti cucino oggi, oggi cerco di insegnarti il valore della conquista, il valore del lavoro che rende migliore un uomo, che lo rende libero. L’importanza dell’onestà, la sacralità dell’amicizia, la bellezza dell’amore»



© RIPRODUZIONE RISERVATA