Svizzera tassa le auto elettriche/ Proposta entro fine del 2023: l’idea del Governo

- Josephine Carinci

Svizzera, via ad una tassa sulle auto elettriche dal 2030? Il Governo avrebbe intenzione di introdurre la misura: la proposta nel 2023

AutoElettrica Pixabay1280 640x300
Pixabay

La Svizzera potrebbe tassare le auto elettriche. La notizia si è diffusa velocemente nei giorni scorsi, preoccupando non poco i proprietari di auto elettriche residenti in Svizzera. Il governo Elvetico sta infatti pensando ad una tassa sui veicoli elettrici in modo tale da recuperare quelle accise perse su carburanti come benzina e diesel, che non rientrano più come prima proprio “a causa” della diffusione delle auto elettrice. L’idea, che fino a pochi giorni fa sembrava impossibile, ora diventa più concreta.

Il Consiglio federale ha infatti già chiesto ai Dipartimenti coinvolti di esaminare la possibilità di introdurre una nuova tassa sui veicoli elettrici. La proposta dovrebbe essere presentata entro la fine del 2023, come rivelato da Auto.upgrade. Ad essere tassate sarebbero ovviamente le auto elettriche, ma non solo. La misura riguarderebbe anche gli altri veicoli alimentati a carburanti alternativi e a zero emissioni. Questi, infatti, non contribuiscono più con tasse alle casse federali.

Tasse sulle auto elettriche?

La misura in Svizzera ha come obiettivo quello di risanare le casse dello Stato. Anche nel Paese elvetico, infatti, si pagano tasse sui carburanti, benzina e diesel. Dunque la diffusione di auto elettriche ha portato il Governo a perdere molte delle tasse sui carburanti che con i classici veicoli venivano invece garantite. Il ricavato di tali tasse viene utilizzato per la costruzione e la manutenzione della rete stradale. Le auto elettriche in Svizzera sono molto diffuse: basti pensare che nel 2021 hanno raggiunto il 10% delle auto totali. Da qui la preoccupazione del Governo sulla riduzione delle tasse pagate dai proprietari di automobili.

La tassa, come emerso, consisterebbe in un importo fisso per chilometro percorso, e uno variabile in base alla categoria del veicolo. Al momento, comunque, resta solo un’ipotesi: la tassa, qualora venisse confermata, non entrerebbe in vigore prima del 2030. Inoltre, dopo la proposta ufficiale che dovrebbe arrivare nel 2023, sarebbe necessario un emendamento costituzionale. Si dovrebbe affrontare un referendum, che potrebbe passare o meno.





© RIPRODUZIONE RISERVATA